Casa di reclusione di Aversa. Al via il progetto di giochi ed animazione durante i colloqui fra genitori reclusi e figli

DCF 1.0
DCF 1.0

Aversa     Giochi, dolci e animazione durante i colloqui tra genitori reclusi e figli. E’ questo in sintesi l’innovativo progetto che tra pochi giorni verrà attuato presso la Casa di Reclusione di Aversa grazie ad una sinergia avviata tra la dirigenza dell’istituto penitenziario e alcune associazioni del territorio.
Una iniziativa che segue solo di pochi giorni un altro evento assai significativo: l’inaugurazione di uno spazio verde attrezzato completamente dedicato ai bambini che si recano in carcere per incontrare i papà reclusi.
Il piccolo è accogliente parco giochi è stato donato da Soroptimist International Club di Aversa, un’organizzazione senza scopo di lucro di service club che, attraverso progetti mirati, promuove i diritti umani e, quindi, anche quelli dei bambini.
Tale iniziativa si colloca all’interno del più ampio progetto sulla genitorialità, finalizzato ad incentivare i contatti tra genitori reclusi e figli ed a rafforzare il vincolo familiare, nonostante la lontananza e le forti limitazioni dovute allo stato detentivo.
Per questa ragione nell’istituto penitenziario normanno, quando il tempo lo consente, i colloqui si svolgeranno all’aperto in bellissimi giardini e si svolgeranno anche di domenica, proprio per favorire i piccoli quando le scuole sono chiuse.
In particolare, la domenica, grazie all’associazione Casmu di Mario Guida, in collaborazione con PulciNellaMente guidata da Elpidio Iorio, i colloqui tra genitori e figli saranno assistiti da un sociologo, uno psicologo, un assistente sociale e diversi animatori che, a titolo gratuito, con giochi e dolci, alleggeriranno le tensioni e le ansie di chi entra in un carcere, soprattutto dei bambini.
E ora con la donazione di questo parco giochi, ancor di più i timori saranno stemperati perché ai bambini rimarrà un ricordo ludico del colloquio fatto con il papà.
Le sinergie che la direttrice Elisabetta Palmieri sta costruendo con le varie associazioni, come il Soroptimist, la Casmu e PulciNellaMente, stanno facendo della Casa di Reclusione di Aversa un istituto in linea con gli standard europei di apertura e umanizzazione della detenzione.

(Visited 163 times, 1 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *