ATTUALITA’

Casal di Principe, 19 Marzo 2019: 25° Anniversario dell’uccisione di don Peppe Diana

15:19 Casal di Principe . Ad un mese dal 19 marzo 2019, giorno del 25esimo anniversario dell’uccisione di don Giuseppe Diana, del suo ricordo e nel suo nome della memoria di tutte le vittime innocenti della camorra, il programma della giornata che vedrà a Casal di Principe una larga partecipazione di studenti, volontari, cittadini, fedeli provenienti da tutta Italia, è ufficiale. Il 19 marzo inizierà alle ore 7,30, con la celebrazione della Santa Messa presso la parrocchia di San Nicola di Bari, dove fu ucciso don Peppe Diana nel ricordo di quella messa che il sacerdote casalese non riuscì ad officiare perché ucciso dal killer della camorra. Alle ore 9,30 a Casa don Diana, bene confiscato di via Urano gestito dal Comitato don Peppe Diana si terrà la conferenza stampa di presentazione del Francobollo celebrativo con la partecipazione del Ministero dello Sviluppo Economico, Poligrafia dello Stato e Poste Italiane. Intanto alle ore 10, nel Piazzale Antonio Di Bona adiacente Piazza Villa, ci sarà il raduno del corteo che prenderà il via da quel punto per poi attraversare il paese fino ad arrivare intorno a mezzogiorno al cimitero di Casal di Principe. Con la partecipazione di quanti lo vorranno, saranno deposti dei fiori sulla tomba di don Giuseppe Diana e data ad ognuno la possibilità di soffermarsi per una preghiera. Nel piazzale antistante verrà allestito un palco per gli interventi delle autorità civili, militari e religiose e per dare lettura dei nomi di tutte le vittime innocenti della criminalità organizzata e non. La giornata continuerà con l’impegno della comunità casalese e con lo spirito di accoglienza del paese di don Diana. Le piazze di Casal di Principe saranno animate dalle scuole della Forania di Casal di Principe a partire dalle ore 15 e trenta. Si proseguirà con la presentazione di alcune eccellenze del territorio per poi concludere alle ore 20, in piazza Mercato, con la Festa della Tammorra e la straordinaria partecipazione di Ambrogio Sparagna e i Vico- Piccola Orchestra. La giornata del 19 marzo è promossa dalla Diocesi di Aversa, comune di Casal di Principe, Comitato don Peppe Diana, Libera, Scuola di Pace don Diana, il comitato organizzatore del 25esimo ‘Per Amore non Tacerò’, Agesci, Foulards Blancs, Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti. Con il sostegno di Camera di Commercio di Caserta e Fondazione Polis  
FacebookTwitterGoogle+Share

Aversa, “Io non dimentico”. Oggi e domani all’Istituto Comprensivo “G.Parente” si tiene vivo il ricordo della Shoa

15:06

AVERSA. Dovranno mantenere vivo il ricordo delle vittime di tutti i totalitarismi gli eventi organizzati dall’Istituto Comprensivo “Gaetano Parente” di Aversa diretto dal Dirigente Scolastico Angela Comparone. 

“Un gas ha ucciso, un nuovo gas dà luce nuova:la cultura” questo lo slogan che compare sulle locandine della due giorni della scuola aversana. Un messaggio chiaro che pone la cultura come antidoto di tutte le discriminazioni e dell’odio razziale che rappresenta, ancora oggi, purtroppo, uno dei più grandi handicap morali della nostra società. 

Si inizierà questo pomeriggio alle 17 con la presentazione dell’opera letteraria “Ho inciampato e non mi sono fatta male” di Miriam Rebhun. L’autrice, di padre tedesco e mamma italiana, nel ricostruire la sua storia familiare, che si è intrecciata con le vicende della Germania nazista, lancia un messaggio che colpisce immediatamente il lettore. “La Shoa, nonostante tutto, è stata un esperimento fallito. Perché gli ebrei e tutte le minoranze che sono state colpite - sono state si colpite duramente - ma non si sono estinte”. Una constatazione forte che, in qualche modo, evidenzia come sia stato inutile lo sforzo dei nazisti. Così come risulterà inutile qualsiasi sforzo per eliminare le diversità che rappresentano la vera ricchezza dell’uomo. Alla presentazione, oltre all’autrice, interverrà anche il Magistrato Nicola Graziano e Alessandro Abbate, coordinatore tour “Union Gas & Luce”. La presentazione sarà moderata dalla dott.ssa Teresa Bonacci. 

Domani, venerdì 22 febbraio, a partire dalle ore 17 si terrà una tavola rotonda commemorativa in ricordo delle vittime di tutti i totalitarismi dal titolo “Io non dimentico”. Interverranno, durante il convegno: S.E. Monsignor Angelo Spinillo, Vescovo della Diocesi di Aversa, prof.ssa Angela Comparone, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “Gaetano Parente” di Aversa, prof. Nicola Buonocore, Dirigente Scolastico dell’Ipsart “R. Drengot” di Aversa, don Carmine Schiavone, direttore della Caritas diocesana di Aversa, prof.ssa Cecilia Amodio, presidente Unicef comitato provinciale di Caserta, Gaetano Accurso, direttore commerciale “Union Gas & Luce”, Gennaro Capasso, presidente associazione onlus “Casa della vita”. Il dibattito sarà moderato da Idio Maria Francesco Urciuoli, corrispondente di Cronache di Caserta.

L’incontro anticiperà lo spettacolo “PNNDMNTKR19”, di Gennaro Capasso, a cui prenderanno parte gli alunni della terza C e della terza E. Lo spettacolo vedrà la partecipazione della professoressa Antea Gioino, del violinista prof. Edoardo Amirante e del pianista prof. Fabio Mirabella. “L’attività di sensibilizzazione su queste tematiche diventa cruciale in un contesto educativo dove si vanno a formare gli uomini e le donne di domani - ha fatto sapere Capasso -  Lo spettacolo di domani, che sarà rappresentato con un linguaggio non verbale, rientra nelle attività di un laboratorio scolastico a cui hanno partecipato gli studenti delle due classi. Abbiamo optato per questo periodo dell’anno per abbracciare sia la Shoa, sia le Foibe che le stragi del mare”.

Dopo lo spettacolo ci sarà una degustazione di prodotti tipici della cucina ebraica a cura dell’Ipsart “R. Drengot” di Aversa.

FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO. PRESENTATO A BOLOGNA DA MASSIMILIANO ROSOLINO E GIUSEPPE DELL’AVERSANA IL PRIMO PANNELLO DOCCIA ANTILEGIONELLA

18:22

Bologna     Era presente il gotha del nuoto italiano giovedì scorso al Forum Piscine alla Fiera di Bologna per la presentazione del primo pannello doccia con sistema di sanificazione antilegionella, progettato e realizzato dall’azienda santarpinese Siligroup.

A fare da testimonial a questa vera e propria rivoluzione per le vasche creata  dall’azienda guidata da Giuseppe Dell’Aversana c’era il campione olimpionico Massimiliano Rosolino.

A confrontarsi ed ad illustrare l’importanza innovativa del primo pannello doccia antilegionella sono stati anche il giornalista Antonio Lubrano, la professoressa Paola Borella, Ordinaria di Igiene Generale ed Applicata presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e del chimico Matteo Villa, ed il direttore marketing dell’azienda atellana, Giovanni Di Monaco.

La mattinata in terra felsinea, moderata dal giornalista Elpidio Iorio, è stata anche l’occasione per presentare diverse eccellenze atellane. Non a caso a Rosolino ed agli altri relatori è stata donata una riproduzione del Maccus, mentre alla fine dei lavori visitatori ed ospiti hanno potuto degustare i prodotti tipici nostrani a cominciare dalla mozzarella di bufala.

AI NOSTRI MICROFONI LA LEGGENDA DEL NUOTO MASSIMILIANO ROSOLINO ED IL FOUNDER DELLA SILIGROUP GIUSEPPE DELL’AVERSANA. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Succivo, Claudio Perrotta entra nel consiglio provinciale di Caserta in seguito allo scioglimento del consiglio comunale aversano

9:54

SUCCIVO. La fine dell'amministrazione comunale di Aversa, caduta ieri in seguito alle dimissioni di 13 consiglieri comunali, porterà ad alcuni cambi in seno al consiglio provinciale di Caserta che riguardano anche l'attuale assessore ai lavori pubblici di Succivo Claudio Perrotta.

Non essendo più in carica il consigliere comunale aversano Stefano Di Grazia, decaduto con lo scioglimento del consiglio comunale, si è liberato uno scranno nel consesso provinciale che sarà occupato da Perrotta. L'attuale assessore ai lavori pubblici risulta il secondo non eletto della lista legata a Forza Italia che si presentò alle elezioni del 2017. Il primo non eletto risultò Antonio Diana, già entrato in consiglio al posto di Maurizio Di Chiara , decaduto in seguito allo scioglimento del consiglio comunale di Teverola.

Perrotta manterrà la carica di consigliere provinciale fino alle prossime elezioni che si terranno quest'anno.  
FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, oggi alle 16 manifestazione di protesta contro lo sgombero dei Rom di via Volta

9:34

SANT'ARPINO. Si terrà questo pomeriggio, a partire dalle ore 16, una manifestazione di protesta contro l'imminente sgombero delle famiglie rom di via Volta per cui, tra l'altro, si terrà un incontro in Prefettura proprio quest'oggi a cui prenderanno parte anche il sindaco di Sant'Arpino Giuseppe Dell'Aversana e il Prefetto Raffaele Ruberto.

Lunedì scorso, tra le proteste dei rom, sono stati avviati i lavori di urbanizzazione che hanno interessato una strada adiacente l'insediamento rom. Opere di urbanizzazione per cui è stata abbattuta la recinzione laterale dello spazio occupato dalle famiglie di origine romàni da oltre dieci anni.

Quest'oggi si terrà una manifestazione per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla questione a partire dalle ore 16. Il corteo partirà da viale San Francesco di Paola (il viale del cimitero) ed arriverà al Comune di Sant'Arpino.

 
FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, ieri summit del centro destra. FI e FdI:”si torna a respirare aria di vera politica”

19:48

Ieri sera nella sede in piazza Umberto I, su invito di Forza Italia, si è svolto l’incontro con la componente locale di Fratelli d’Italia, atto a mettere in moto un tavolo permanente di centro destra, che avrà la finalità già dai prossimi incontri, di gettare le basi per un confronto e un’analisi politica - amministrativa locale e di riprendere l'azione politica sul territorio, con argomenti ben definiti.

Per Forza Italia, erano presenti il coordinatore Raffaele Lettera, il Presidente Eugenio Di Santo, i componenti Nicola Romano e Giuseppe Benincaso. Per Fratelli d’Italia il segretario cittadino Giuseppe D’Antonio e il componente Raffaele Dell’Aversana.

"Esprimiamo grande soddisfazione per quanto sta nascendo - così affermano i due coordinatori - A Sant’Arpino si torna a respirare aria di vera politica e di un confronto costruttivo. Soprattuto - aggiungono da Forza Italia - siamo contenti che al nostro appello di creare un coordinamento di Centro destra, abbia risposto Fratelli d’Italia, dimostrando un grande senso di responsabilità e soprattutto di appartenenza politica che ci rivede, nei vari organi Nazionali, Regionali e Provinciali".

Il prossimo incontro pubblico, si terrà il 25 febbraio 2019 ore 20.30 nella stessa sede. Rinnoviamo l’invito a tutte le forze che si rivedono nel centro destra e a tutti i simpatizzanti.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, FdI:”Lieti di accogliere l’invito di Forza Italia a confrontarci e ad unire le forze del centrodestra”

15:42

SANT'ARPINO. Riceviamo e pubblichiamo dal segretario cittadino di Fratelli d’Italia, Giuseppe D’Antonio che, in accordo con il coordinatore d'area Valentina Iovinella, martedì, insieme ad una delegazione di cui faranno parte anche Raffaele Dell’Aversana e Francesco Tramontano, parteciperà ad un incontro pubblico tra le forze del centrodestra locale.

Siamo ben lieti di accogliere l’invito di Forza Italia a confrontarci e ad unire le forze del centrodestra a Sant’Arpino - fanno sapere dal sodalizio tricolore - E’ il punto di partenza per delineare le azioni politiche da mettere in campo per il rilancio del centrodestra”.

FacebookTwitterGoogle+Share

L’azienda santarpinese Siligroup crea il primo pannello doccia antilegionella. Giovedì a Bologna la presentazione con il campione olimpico Massimiliano Rosolino.

7:46

Sant'Arpino    La ricerca e le tecnologie di produzione più avanzate per realizzare un prodotto rivoluzionario che rappresenta una svolta attesa da anni nei processi di sanificazione applicati al relax ed al tempo libero.

E’ questa l’idea alla base del primo pannello doccia con sistema di sanificazione antilegionella, progettato e realizzato dall’azienda santarpinese Siligroup e che sarà presentato giovedì 14 Febbraio a Bologna nella prestigiosa cornice dell’undicesima edizione del FORUM PISCINE. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Titaly, l’ecommerce della gastronomia italiana nasce in Terra di Lavoro

8:46 Caserta       Le eccellenze enogastronomiche di Italia, con un occhio particolare al Meridione, ed uno sguardo ancora più attento alla Campania hanno spinto un gruppo di professionisti di Terra di Lavoro a creare un portale dove promuovere e valorizzare i migliori prodotti del BelPaese. Tutto questo è Titaly il sito di e-commerce che nel giro di pochissimo tempo sta diventando un vero e proprio punto di riferimento nel settore. (altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. Domenica 3 Febbraio il Ragno e la Farfalla al Centro Studi Massimo Stanzione

15:25 Domenica 3 febbraio prossimo, presso il “Centro Studi   Documentazione e Ricerca M. Stanzione” in via Mazzini 11 a Orta di Atella, alle ore 18 sarà presentato l’ultimo romanzo del giornalista e scrittore Vito Faenza, Il ragno e la farfalla pubblicato dalla giovane casa editrice aversana Gnasso Editore.   Il libro è il primo volume della collana “Libri coi baffi” diretta dallo stesso Vito Faenza e si propone  di “dare spazio alle firme affermate del giornalismo e della letteratura attraverso romanzi di spessore”.  Dopo i saluti del Presidente del Centro Zaccaria del Prete l’autore Vito Faenza e il giovane editore Pasquale Gnasso dialogheranno con i presenti sul romanzo e sulle prospettive della sfida di una casa editrice che inizia la sua attività su un territorio che si presenta a corto, se non sprovvisto del tutto, di quelle agenzie culturali in grado di smuoverlo dal proprio torpore. A coordinare il tutto Luigi Mozzillo. Il libro: «Un capo camorra si confessa con un giornalista negli ultimi giorni di vita. Gli racconta la sua carriera criminale e gli rivela i retroscena di delitti per i quali non è stato inquisito. Gli rivela anche i luoghi dove sono state sepolte alcune vittime di lupara bianca, affinché: "Le madri possano avere una tomba sulla quale piangere". Ad assistere a queste confessioni, la nipote del capo camorra che s'innamora del giornalista e il giornalista di lei. Dopo la morte del boss si sposano e vanno a vivere su un'isola del Mediterraneo: "Perché quando si ama non importa il passato, non importa il futuro, conta solo il presente. E quello è per sempre".» (dalla quarta di copertina) L’autore: Vito Faenza (1948), giornalista e saggista. Si è occupato di criminalità organizzata e terrorismo. Autore di numerosi saggi su questi argomenti è stato il segretario dell'Osservatorio sulla Camorra e le Illegalità. Ha tenuto seminari sull'informazione all'Università di Trieste e sulla criminalità organizzata alla Sapienza, Federico II, Università del Sannio e Suor Orsola Benincasa. I suoi articoli sono stati pubblicati dall'Unità, il Messaggero, Panorama, l'Agenzia Giornalistica Italia, l'Agenzia giornali Associati, Repubblica, Corriere della Sera-Corriere del Mezzogiorno e da quotidiani e riviste straniere. E' stato il direttore del quotidiano Piazza Libertà e di alcuni settimanali. Ha pubblicato nel 2013 “Il terrorista e il professore” (Spartaco Edizioni) a cui è seguito nel 2014 “l'isola dei fiori di capperi” (Spartaco Edizioni) Il “Ragno e la farfalla” è il suo terzo romanzo.  
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. Città Visibile : “Orta è di chi ama. Via Casapound dalla città!”

17:31 Orta di Atella.  Riceviamo e pubblichiamo dal  Collettivo Politico – Culturale “Città Visibile” di Orta di Atella. L’agro atellano. Il territorio umiliato e offeso. Un ventennio di devastazione sociale, politica, culturale, estetica. Ma non avevamo visto tutto. I tempi sono brutti, il clima peggio che andar di notte. Il tentativo è quello di accreditare le pulsioni più becere ed intolleranti e farne senso comune. Occorre un’argine, occorre una presenza, occorre RESISTENZA. Dopo la LEGA NORD, sabato 19 gennaio sarà CASAPOUND a calare a Orta di Atella per il tesseramento. Qualche decina di fascisti, verosimilmente protetti da un cordone di forze dell’ordine. Perché di questo si tratta e va detto a chiare lettere: FASCISTI. Ma nella terra che ha pianto i suoi martiri e che non dimentica la lezione della storia non c’è cittadinanza per fascisti e xenofobi. AI NOSTRI POSTI CI TROVERETE. Sabato 19 gennaio, alle 18.00 in Piazza Pertini, il Collettivo Città Visibile chiama a raccolta le forze antifasciste, i cittadini liberi e chiunque voglia riaffermare la propria appartenenza all’unica razza che conosciamo: la razza umana. Riprendiamoci il diritto a manifestare ed ostacoliamo Casapound, fascisti e topi di fogna, in ogni luogo, in ogni modo. Orta di Atella è e resta città antifascista.  
FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 44