CULTURA – Pagina 24

Il 9 Dicembre esce “Vorrei Saperti Amare”, il nuovo album di Salvatore Sorvillo

15:33

vorrei-saperti-amartiOrta di Atella   Un percorso di crescita continua, grazie al quale sta diventando una delle più interessanti promesse del panorama artistico regionale e nazionale. Stiamo parlando di Salvatore Sorvillo, il giovane musicista di Succivo che dopo le numerose apparizioni teatrali e festival canori dei mesi addietro,  lancia un nuovo lavoro discografico. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO – Sant’Arpino, presentazione del libro “Come l’araba fenice” del Circolo Culturale “G. Brassotti Ziello”

17:39
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta, il pizzaiolo Stefano Caiazza conquista il gradino più alto del campionato europeo della pizza

11:35

campionatopizza2Orta di Atella. Continua a collezionare successi il pizzaiolo ortese Stefano Caiazza della pizzeria "L'antico palazzo" (via San Donato, 61, Orta di Atella) che lunedì scorso, 31 ottobre, ha conquistato il primo posto nel campionato europeo della pizza "Pala d'oro", giunto alla sua quinta edizione,  nella categoria "pizza napoletana".

La manifestazionecampionatopizza si è svolta presso Villa Carfieri a Barignano di Pontelatone ed è stata organizzata dal giornale "Bella Pizza", noto sul territorio per le sue recensioni ai locali sulle specialità tipiche. Due sono state le categorie di sfidanti, “Allievi” e “Chef professionisti”, e tre sono state le categorie relative alla competizione dei pizzaioli: pizza Margherita, pizza Napoletana e pizza Fantasia (farcita a proprio piacimento).

Patron della manifestazione è stato il dott. Giovanni Vigliucci, Presidente dell'associazione "AssoBellona".

FacebookTwitterGoogle+Share

Natale a Succivo, il Comune nega la concessione del Casale di Teverolaccio alla Parrocchia e dopo 6 anni muore la suggestiva manifestazione natalizia

20:44

14902736_886623608140791_2223844796186174324_oSuccivo. Così come fanno sapere dalla pagina facebook dell'evento natalizio, quest'anno non si svolgerà alcuna manifestazione natalizia all'interno del Casale di Teverolaccio. Vi riportiamo di seguito il post firmato dal Parroco della Parrocchia della Trasfigurazione di Succivo, Don Crescenzo Abbate:

ANNULLATA LA MANIFESTAZIONE “ NATALE A SUCCIVO 2016” AL CASALE DI TEVEROLACCIO Il Comune di Succivo ha negato alla Parrocchia della Trasfigurazione la concessione del Casale di Teverolaccio, nel quale la manifestazione si svolgeva ininterrottamente dal 2010. Succivo, 29 ottobre 2016. Viste le numerose sollecitazioni di cittadini e operatori economici che in queste ultime settimane hanno richiesto informazioni sul Natale a Succivo 2016 , è con profondo rammarico che devo comunicare a tutta la comunità succivese ed al numeroso pubblico che ci ha sempre seguiti, che la manifestazione “Natale a Succivo”, organizzata nel casale di Teverolaccio dalla Parrocchia della Trasfigurazione fin dal 2010, in collaborazione con le associazioni del territorio ed in partenariato con il Comune di Succivo, quest’anno non si terrà in quanto è venuta a mancare proprio la collaborazione del Comune, proprietario dell’immobile. La nuova amministrazione comunale, infatti, non ha concesso l’autorizzazione all’uso del Casale di Teverolaccio, splendida cornice in cui la manifestazione, in questi sei anni, con sacrificio di tanti volontari e tanti operatori economici del territorio, aveva assunto carattere regionale, con migliaia di visitatori nell’arco delle feste natalizie. Nello specifico, nonostante il sottoscritto, dopo vari colloqui con l’assessore alla cultura Russo e con l’amico Antonio Colella, avesse rinunciato al contributo economico inizialmente richiesto per organizzare la manifestazione, il Sindaco, dopo quasi due mesi dalla richiesta, ha negato l’uso del Casale di Teverolaccio trincerandosi dietro l’impossibilità di concedere il contributo economico posto alla base della iniziale richiesta e dietro la presunta volontà di altre associazioni di svolgere nello stesso periodo in piazza IV Novembre una manifestazione alternativa e analoga al Natale a Succivo . A questo punto ho dovuto ribadire per iscritto la rinuncia al contributo, già espressa all’assessore Russo e all’amico Antonio Colella, richiedendo al Sindaco di rivedere la sua decisione e consentire che la manifestazione organizzata dalla Parrocchia e dalle associazioni che intendono collaborare si svolgesse a Teverolaccio, senza alcun onere per il Comune. Purtroppo ad oggi non è giunta alcuna risposta alla mia ultima sollecitazione e, quindi, data la mancanza di tempo necessario per organizzare in modo decoroso la manifestazione e la mancata autorizzazione, ho dovuto trarre le conclusioni che l’Amministrazione non ha intenzione di consentire alla Parrocchia di organizzare “Natale a Succivo” nel Casale di Teverolaccio e non ho altra scelta che annullare la manifestazione. Ribadisco il rammarico per l’epilogo di questa surreale vicenda, in cui non ho avuto risposta alla mia ultima nota, e soprattutto perché, a mia memoria, non è stata mai negata ad alcuna associazione la possibilità di svolgere manifestazioni che hanno come unico scopo quello di valorizzare le eccellenze locali e farle conoscere ad un ampio pubblico, come fatto dal “Natale a Succivo” in questi ultimi sei anni. Don Crescezo Abbate e comitato organizzazioni .

FacebookTwitterGoogle+Share

Il rapper santarpinese Elpy presenterà stasera a Crispano la sua prima canzone: “Guagliò”

17:31

14725666_10209435845726913_6156307745969123841_n

Sant'Arpino. E' una celebrazione di Napoli e dei napoletani, la prima canzone del giovane rapper Elpy, santarpinese di nascita ma trapiantato nella città partenopea da diversi anni per motivi professionali.

Orecchiabile e dal sound terribilmente giovane, "Guagliò" (questo il titolo della canzone) sarà presentata per la prima volta stasera, venerdì 28 novembre ore 21:00, al teatro "De Filippo" di Crispano, durante una serata organizzata dall'associazione culturale "Irma Bandiera".

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, giovedì presentazione del libro “Loro diranno, noi dicamo” di Zagrebelsky e Pallante

10:25

coverOrta di Atella. Giovedì 27 Ottobre alle 19:30 si terrà, presso il Chiostro del Convento dei Frati Minori in P.zza San Salvatore a Orta di Atella, la presentazione del libro "Loro diranno, noi diciamo" di Gustavo Zagrebelsky e Francesco Pallante.

All'incontro organizzato dal Collettivo Politico Culturale "Città Visibile", all'interno della rassegna "Pretesti per Parlarne", parteciperanno l'autore Francesco Pallante, professore di Diritto Costituzionale presso l'Università di Torino e Giuseppe Cerreto, del Collettivo Città Visibile e responsabile del Comitato Atellano per il NO. Modererà l'incontro Renato Briganti, professore di Diritto Pubblico.

Loro diranno, noi diciamo è un libro quanto mai attuale, che servirà da spunto per parlare di politica, Costituzione e soprattutto del Referendum Costituzionale su cui saremo chiamati ad esprimerci il 4 Dicembre.

Nel saggio, diventato il manifesto delle ragioni del NO alla riforma, gli autori argomentano contro le modifiche della Costituzione – di cui si vorrebbero cambiare ben 47 articoli (oltre un terzo del totale) – e contro la legge elettorale, per il rinnovamento di una democrazia partecipata. Oltre alle critiche di merito (contraddizioni, errori concettuali, complicazione del sistema), vengono messe in evidenza le forzature procedurali che hanno connotato il percorso di approvazione delle due leggi. Ne emerge un quadro tutt'altro che rassicurante: le nuove regole del gioco politico risultano essere, a giudizio degli autori, sempre più un'imposizione unilaterale basata su rapporti di forza incostituzionali – leggi approvate in tutta fretta e al costo di qualunque forzatura.
Il libro si chiude offrendo al lettore il confronto, articolo per articolo, del testo della Costituzione vigente con quello che scaturirebbe dalla riforma. Ciò allo scopo di offrire al cittadino una chiara visione d'insieme del nuovo dettato costituzionale.
Una presentazione che va nel solco dell'impegno nella campagna referendaria per il NO, nella quale il Collettivo Città Visibile è impegnato, essendo tra i promotori del Comitato Atellano per il NO.
FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO INTEGRALE – Sant’Arpino, presentazione del libro “torno da turista”

17:02
FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO – Sant’Arpino, presentazione del libro “torno da turista”, intervista all’autore

16:52
FacebookTwitterGoogle+Share

Questione riduzione appelli a giurisprudenza, link Napoli:”ci mobiliteremo con tutti e tutte per mantenere i sette appelli”

11:29

Napoli. Ieri, 3 Otlink-napolitobre, allo Scalone della Minerva si è riunita un'assemblea di circa un centinaio di studenti di Giurisprudenza della Federico II che ha discusso a seguito della proposta avanzata in Consiglio di Dipartimenti di ridurre il numero degli appelli di esame da 7 a 6 (https://www.facebook.com/linkgiurisprudenzafedericoiipage/posts/1112023188852358). L'assemblea è stata partecipata da tutte le associazioni del dipartimento e da moltissimi iscritti alla facoltà.

In merito agli esiti dell’assemblea, Francesco Alifano (Link Napoli), rappresentante degli studenti presso il Consiglio di Dipartimento di Giurisprudenza dichiara: “Denunciamo la posizione che hanno rivendicato gli esponenti di alcune associazioni, i quali hanno affermato che i rappresentanti, una volta eletti, possono "gestire" le problematiche del dipartimento senza avvisare il corpo studentesco.

L'assemblea ha, poi, esaminato varie proposte e ha deciso di inviare una delegazione di circa una trentina di studenti dal professor Cernigliaro, presidente della commissione per il coordinamento della didattica, che ha assicurato che, entro pochi giorni, sarà pubblicata una nota che apporta alcune modifiche al regolamento di dipartimento, modifiche proposte dal professore stesso. Tra queste c'è la proposta di inserire un'ulteriore possibilità per sostenere gli esami di profitto.

Incontreremo ancora gli studenti, le altre associazioni e le autorità universitarie per costruire un'ampia mobilitazione che sappia rivendicare il diritto per ogni studente di autodeterminare i propri tempi di studio e richiediamo con forza la partecipazione di ogni studente alla determinazione delle azioni dei rappresentanti e la trasparenza di ciò che avviene nel Consiglio di Dipartimento.”

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta, domenica il centro studi “Stanzione” presenterà il libro “Pisacane – lettere al fratello Borbonico 1847-1855”

14:54

pisacane-ortaOrta di Atella. Domenica 9 ottobre alle ore 18,00 il Centro Studi Massimo Stanzione presenterà il libro di Carmine Pinto, Silvia Sonetti, dell’Università di Salerno e di Ernesto Maria Pisacane, discendente del noto eroe risorgimentale: “PISACANE – LETTERE AL FRATELLO BORBONICO 1847-1855”, edizioni Rubbettino. Il dibattito sarà moderato dal Direttore del Centro Studi Alessandro Di Lorenzo. Molte delle lettere presenti nel testo sono inedite e provengono dall’archivio della famiglia Pisacane. La scelta di presentarlo ad Orta di Atella è stata dettata dalla volontà di volere omaggiare la cittadina che diede i natali alla compagna del Pisacane: Enrichetta di Lorenzo. Le lettere conducono il lettore in una sfera personale di affetti dei due fratelli Pisacane: Filippo e Carlo, ma al contempo rendono ancora più chiare le ragioni delle loro antitetiche scelte politiche. Filippo, infatti, fratello maggiore, dedicherà tutta la sua vita alla causa lealista e alla monarchia borbonica, essendo un ufficiale degli Ussari, fino all’epilogo dei fatti di Gaeta e il successivo esilio a Marsiglia, mentre, di converso Carlo affiderà al suo triste destino della spedizione di Sapri il suo più alto inno alla rivoluzione italiana e allo stato unitario. Nel 1849 i due fratelli rischiarono anche di combattere su fronti opposti presso Velletri, durante la repressione della Repubblica Romana. Nonostante le divergenze politiche, i due seppero amarsi e rispettarsi, e nessuno cercò mai di dissuadere l’altro nelle proprie scelte di campo. Carlo divenne così l’eroe sfortunato tanto acclamato dal Risorgimento, mentre Filippo condusse i suoi ultimi giorni come Generale borbonico in esilio, dove riuscì a vivere grazie ad un vitalizio concessogli da Francesco II. Dalle lettere emerge l’indole indomita ed amorevole della Enrichetta, che continuava a scriverle insieme all’amato Carlo. Dall’epistolario traspare anche evidente il ruolo dei Di Lorenzo nella lotta risorgimentale e soprattutto il loro rapporto con la famiglia ebrea-tedesca dei Rothschild, ai quali i due fuggiaschi chiesero spesso aiuto durante il loro peregrinare errante per l’Europa.

L’evento ha come supporters l’Associazione Ex Alunni Liceo Durante, l’AICC delegazione di Frattamaggiore ed Atella TV.

FacebookTwitterGoogle+Share

Frattaminore, “Affrontiamo coraggiosamente la vita ogni giorno”, in uscita il primo libro di Gaetana Tranchino

10:55

gaetana-tranchinoFrattaminore. "Non c'e niente di nobile nell'essere superiore ad un altro uomo. La vera nobiltà consiste nell'essere superiore a quello che eravamo" è racchiuso in questa citazione di Ernest Hemingway il fil-rouge di “Affrontiamo coraggiosamente la vita ogni giorno”, il libro in uscita di Gaetana Tranchino, studentessa universitaria in filosofia e giovane scrittrice proveniente dall’hinterland della provincia napoletana.

“Il libro è una raccolta di 366 aforismi – dichiara la scrittrice – in altrettante pagine, una per ogni giorno dell’anno, e  vuole essere uno strumento per incoraggiare le persone ad affrontare la quotidianità con il sorriso sulle labbra perché tutti gli esseri umani hanno diritto di essere felici”.

 La Tranchino, inoltre, è autrice di un saggio dal titolo “L’amicizia, oro per la salute umana” che tratta il tema dell’amicizia in tutte le sue sfaccettature: dall’origine del termina all’evoluzione del concetto di amicizia nel tempo fino ad arrivare al pensiero di alcuni filosofi a riguardo.

FacebookTwitterGoogle+Share
1 22 23 24 25 26 27