POLITICA

ELEZIONI. Valentina Iovinella (Fdl):“Il mio obiettivo è difendere con i denti il nostro territorio da chi vuole distruggere la nostra immagine”

11:14 CASAL DI PRINCIPE. Grande successo di pubblico, ieri, per l'inaugurazione della nuova sede del partito "Fratelli d'Italia" a Casal di Principe. Di particolare rilevanza l'intervento di Valentina Iovinella, candidata alle prossime politiche del quattro marzo tra le fila di FdI. “Da anni, prima la mia famiglia e oggi io, affrontiamo i disagi che hanno martoriato la nostra terra ormai dimenticata e bistrattata dai media e dalla politica stessa. - ha dichiarato la Iovinella -  Non è la mia prima esperienza in politica visto che sono già assessore alle politiche sociali nel comune di Succivo, eletta con più di 1000 preferenze personali. Sono candidata al quarto posto alla camera nel listino proporzionale e sinceramente il  mio personale obiettivo non è il seggio in Parlamento ma difendere con i denti il nostro territorio da questi media che, ripeto, hanno distrutto la nostra immagine. Ho sposato la causa e il programma di Giorgia Meloni perché le sue priorità sono la famiglia, il territorio, le imprese e l'artigianato.  Sono convinta che la nostra leader, se venisse a Casal di Principe, troverebbe terreno fertile.  Siamo i numeri uno nell’ artigianato; abbiamo un metodo di costruzione che nel resto di Europa non ha eguali, abbiamo un settore agricolo altrettanto importante ed efficiente, da recuperare. Nonostante le numerose eccellenze ci definiscono “ultimi”. Non siamo gli ultimi!  Dobbiamo solo bonificare la nostra nomea. Come? Con la buona politica e  con persone serie, innamorate di questo territorio come l'onorevole Giovanna Petrenga e il coordinatore Enzo Pagano che, insieme alla Meloni, hanno deciso di candidare persone che appartengono al territorio, vicine e sensibili alle problematiche quotidiane. Ecco,  questo è il primo segnale di buona politica. Quindi vi invito a votare FdI il 4 marzo e, siccome ci sono ancora tanti indecisi,  fatevi portavoce delle mie parole tra amici e parenti - conclude la Iovinella -  Cerchiamo di portare il centrodestra alla vittoria”.
FacebookTwitterGoogle+Share

A.P.U. fermi da un anno- Venerdì se ne discute al comune di Sant’Arpino con l’assessore regionale al lavoro Sonia Palmeri.

7:52 Sonia Palmeri assessore regionale al lavoro, accompagnata dal consigliere regionale Stefano Graziano, sarà presente venerdì mattina alle ore 9.00 al  Palazzo Ducale di Sant'Arpino per sbloccare il ritardo di oltre un anno nell'assunzione di disoccupati ai sensi del decreto regionale 557/16  che consente agli Enti locali di utilizzare temporaneamente per sei mesi in attività di Pubblica Utilità risorse lavorative  altrimenti inoccupate. (altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino. Eugenio Di Santo nominato Coordinatore della campagna elettorale di Forza Italia

13:24 Sant’Arpino. Il Coordinatore Provinciale della campagna elettorale 2018 di Forza Italia Caserta e Presidente della Provincia di Caserta Giorgio Magliocca, ha nominato Eugenio Di Santo Coordinatore della campagna elettorale di Forza Italia per le Elezioni politiche 2018 per i Comuni di Sant’Arpino, Orta di Atella, Succivo, Cesa e Gricignano.
FacebookTwitterGoogle+Share

ELEZIONI. La santarpinese Margherita Colella candidata con Sinistra Rivoluzionaria

12:45 La santarpinese Margherita Colella , da anni impegnata in politica, sarà candidata, per le elezioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica che si svolgeranno domenica 4 marzo 2018, per la lista « Per una sinistra rivoluzionaria »  nel collegio uninominale di Parma e nel collegio  plurinominale di Caserta insieme ad Antonio Erpice, Federica Russo e Fulvio Beato. Vi proponiamo alcuni passaggi  dell’intervista rilasciata dalla Colella a TV PARMA  durante la trasmissione “Lettere al Direttore”. "La crisi del capitalismo è sotto gli occhi di tutti e provoca disoccupazione, miseria e impoverimento. Sinistra Rivoluzionaria quindi perchè dobbiamo tirare una linea rispetto agli errori della sinistra radicale che si è sempre schierata nel campo riformista e delle compatibilità. E' invece necessaria una Sinistra Rivoluzionaria che si ponga su una traiettoria anticapitalista e antisistema. Tutto questo passa attraverso una rottura netta con l'Unione Europea che in questi anni è stata lo strumento delle politiche di austerità." "La questione vera della sicurezza sta nel garantire una dignità di vita a tutti quanti. Su questo mi permetto di fare un piccolo esempio. Spesso si dice che gli immigrati sono disponibili ad accettare qualunque tipo di lavoro. Il settore della logistica, dove lavorano molti giovani immigrati, è un settore che è stato protagonista, anche qui in Emilia, di lotte importanti contro l'iper-sfruttamento e le condizioni di lavoro disumane e in cui i lavoratori immigrati hanno ottenuto miglioramenti contrattuali per tutti, lavoratori immigrati e lavoratori italiani." "Perchè non ci possiamo più permettere un welfare dignitoso? Non è vero che non ci sono più risorse! Il punto è semmai dove vengono destinati i soldi. Noi in 20 anni abbiamo pagato 1.700 miliardi di debito alle banche e alle assicurazioni. E oggi ogni anno paghiamo 70 miliardi di interessi maturati su questo debito e li paghiamo agli strozzini della finanza internazionale. Quei soldi non devono andare a coprire un debito che abbiamo già ampiamente ripagato con privatizzazioni e licenziamenti, ma devono essere destinati alle politiche sociali. Quei soldi li diamo per salvare le banche, ma poi non abbiamo gli ospedali o i beni fondamentali per far funzionare scuole e università. C'è un impoverimento di massa. Oggi 1 lavoratore su 5 non può pagarsi un affitto. Parliamo di lavoratori, non di disoccupati o di emarginati. E' necessario rifiutare il pagamento del debito e riappropriarci della ricchezza e utilizzarla per l'interesse collettivo e non per salvare una cricca che ha in mano il potere economico." "C'è stato un cedimento dei sindacati in questi anni su tutti i provvedimenti principali, soprattutto durante il governo Renzi: dalla riforma delle pensioni al Jobs Act. Noi dobbiamo contrastare la deriva burocratica dei sindacati che devono tornare nelle mani dei lavoratori, che ne sono i legittimi proprietari."  
FacebookTwitterGoogle+Share

Casaluce. Giovedì visita del Presidente della Regione Vincenzo De Luca

16:10 Casaluce     Tour casertano per il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca. Giovedì 8 febbraio, alle ore 17, accompagnato dal consigliere regionale Luigi Bosco, il presidente giungerà al Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere, dove incontrerà amministratori ed istituzioni locali. Sono previste anche delle tappe presso lo storico Municipio di via Cappabianca, riaperto recentemente dopo 37 anni, e all'Anfiteatro campano. Alle ore 19 De Luca giungerà a Casaluce dove, nella sala consiliare di via Allende, ci sarà un convegno dal titolo 'Comunichiamo con la Regione. Asse per lo sviluppo dei territori'. Dopo i saluti delle istituzioni presenti, ci saranno gli interventi del sindaco di Casaluce Rany Pagano e del consigliere regionale Luigi Bosco, vicepresidente della commissione alle Attività produttive, Industria e Turismo. Le conclusioni del convegno saranno affidate al governatore De Luca.
FacebookTwitterGoogle+Share

Cesa. Ambito C6. Nascita azienda consortile. L’assessore Giusy Guarino“Nessun aggravio per i cittadini”.

16:16 Cesa     “In questi giorni stanno circolando notizie non vere in merito alla possibilità che i 9 comuni dell’ambito C6 decidano di trasformarsi in una azienda consortile. Non ci sarà nessun aggravio di costi per i cittadini e, in special modo, nessun costo per i Cesani pari a 300 mila euro”. L’assessore ai servizi sociali Giusy Guarino interviene per chiarire la questione del progetto di costituzione di una azienda consortile. “La stima di un aumento dei costi pari a 300 mila euro – continua l’assessore Guarino – nasce da una dichiarazione del coordinatore del tavolo 328 in risposta ad un documento, molto articolato, sottoscritto da alcuni sindaci, in merito alle disfunzioni che si registrano. Ma si tratta di una stima non veritiera”. (altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Fratelli d’Italia presenta i suoi candidati. In lista anche Valentina Iovinella

16:08 Caserta     Si è svolta stamattina la conferenza stampa presso la sede di via Giannone 44 Caserta del partito Fratelli D' Italia per la presentazione dei candidati Camera dei Deputati e Senato della Repubblica per la circoscrizione Campania 1 (Avellino, Benevento, Caserta). Erano presenti i candidati alla camera: capolista Gimmy Cangiano, Valentina Carangelo, Michele Serao, Valentina Iovinella. Per il senato Giovanna Petrenga, Vincenzo Pagano, Annamaria De Vanna e Gennaro Caserta. Alla presenza di giornalisti e varie testate on line è stato presentato il programma che la nostra leader nazionale Giorgia Meloni sta proponendo agli italiani. Le dichiarazioni di tutti i convenuti hanno permesso un dibattito concreto ed interessante per la stampa.
FacebookTwitterGoogle+Share

Cesa. Le opposizioni chiedono le dimissioni di Guida

13:19 Cesa. Presentata stamattina una mozione di sfiducia congiunta da parte dei gruppi consiliari di opposizione “Cesa c’è” e “Movimento Cinque Stelle” al sindaco del Partito Democratico Enzo Guida. Ecco il testo integrale. Al Presidente del Consiglio Comunale Di Cesa Al Sindaco di Cesa Alla Segretaria Comunale Ai Capigruppo Consiliari Al Prefetto di Caserta OGGETTO: MOZIONE DI SFIDUCIA EX ART 52 D.LGS N. 267/00 I sottoscritti, consiglieri del Comune di Cesa, chiedono, che venga iscritta all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale per essere esaminata e messa in votazione la seguente Mozione: VISTI - L’art. 52 del D.Lgs. 267/2000; - L’art. 30 dello Statuto del Comune di Cesa PREMESSO - Che l'operato del Sindaco Guida, in questi due anni si è caratterizzato per gravi inadempienze ai più elementari dettami di correttezza e buona gestione politico amministrativa, oltre che per gravi inadempienze programmatiche. Lo stato di abbandono in cui versa il nostro Comune è un dato di fatto incontrovertibile; - Le opere pubbliche da realizzare e messe in programma da quest’amministrazione, non sono mai partite per incapacità gestionale (ex campo del prete, palestra del fanciullo, periferie); - Le aliquote sulle imposte comunali risultano essere tra le più alte d’Italia e senza peraltro ricevere servizi adeguati; - Lo stato di completo abbandono in cui versa una delle zone più belle di Cesa, la c.d. Zona Arena, è significativo dell’inerzia dell’amministrazione. Unici e significativi interventi sono posti in essere dal mondo del volontariato; - La mancanza di una politica di programmazione per il settore commercio ed il contestuale abbandono del centro storico, ha determinato la chiusura di diverse attività commerciali, causando impoverimento e disoccupazione; - Le divisioni nella maggioranza, testimoniano la dissoluzione del vincolo fiduciario che ha legato assessori/consiglieri al Sindaco al momento dell’elezione; - Che l’inesorabile sfaldamento della maggioranza è la logica conseguenza di una gestione arrogante della cosa pubblica da parte del Sindaco, caratterizzata, in questi anni, da un intollerabile immobilismo e dallo svuotamento delle funzioni di indirizzo politico del Consiglio Comunale; - Che la mancata attuazione delle proposte e delle mozioni approvate in Consiglio Comunale, sono un chiaro esempio della compressione delle prerogative di indirizzo politico-amministrativo perpetrata dal Sindaco ai danni dell’organo principe di rappresentanza dei cittadini; Considerato - Che il Consiglio Comunale non può ulteriormente assistere passivamente, solo per tutelare egoisticamente la propria sopravvivenza, ad un così grave degrado senza farsi complice di una inaccettabile inerzia delle Istituzioni, a tutto danno della comunità e dei cittadini che in noi hanno riposto le proprie naturali esigenze ed aspettative per una crescita culturale e sociale. Tutto ciò premesso, i sottoscritti Consiglieri comunali, consapevoli della responsabilità assunta nel 2015 a seguito delle elezioni amministrative nei confronti di tutti i cittadini e consci dell'impossibilità di adempiere ai doveri derivanti dal proprio mandato, stante l’aggravarsi delle difficoltà riscontrate nel gruppo di maggioranza CHIEDONO La convocazione del Consiglio Comunale in seduta straordinaria a norma dell'art. 30 dello Statuto Comunale di Cesa onde procedere alla votazione per appello nominale della su estesa mozione di sfiducia ex art. 52 D.lgs. 267/00 che formalmente presentano. I promotori della Mozione di Sfiducia. Raffaele Bencivenga e Amelia Bortone (Movimento Cinque Stelle) Ernesto Ferrante e Carmine Alma (Cesa c'è).
FacebookTwitterGoogle+Share

Elezioni. Documento del Pd dell’agro aversano a Renzi. Il sindaco di Sant’Arpino Dell’Aversana disponibile a candidarsi alla Camera

7:44 Agro Aversano              Il Partito Democratico chiede che sia un sindaco del territorio candidato nel colleggio camerale di Aversa. La richiesta è contenuta in un documento inviato nel pomeriggio di ieri a Matteo Renzi, sottoscritto da Nicola Tamburrino, sindaco di Villa Literno, Dimitri Russo, sindaco di Castel Volturno, Marcello De Rosa, sindaco di Casapesenna, Giuseppe Dell’Aversana, sindaco di Sant’Arpino, Annamaria Dell’Aprovitola, sindaco di Carinaro, Enzo Guida, sindaco di Cesa, Vito Gravante, sindaco di Grazzanise, Andrea Moretti, sindaco di Gricignano d’Aversa, Antonio Papa, sindaco di Santa Maria la Fossa, Gianluca Corvino, vicesindaco di Casal di Principe, Giuseppe Squino, vicesindaco di Frignano, Sergio Mangiobello, presidente del consiglio comunale di Lusciano, Raffaele Vitale, ex sindaco di Parete. (altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. Città Visibile rompe con PD-PSI: Scelta di discontinuità non condivisa

15:51 Orta di Atella. Riceviamo e pubblichiamo dal  Collettivo Politico – Culturale “Città Visibile” di Orta di Atella. In queste settimane abbiamo provato ad instaurare un dialogo con il Partito Democratico ed il Partito Socialista. Ritenevamo che fosse doveroso confrontarci con due forze che, pur essendo molto lontane dal nostro modo di porci e dal nostro modo di intendere la politica, avevano messo in campo la disponibilità a ragionare su modalità radicalmente diverse rispette a quelle praticate fino ad oggi tanto per quanto riguarda gli aspetti programmatici quanto, soprattutto, sulla valutazione delle persone che avrebbero dovuto incarnare il “nuovo corso”, Abbiamo avuto dunque modo di parlare di progettualità e di raccontarci il modello di sviluppo che immaginavamo per Orta di Atella. C’è stata una convergenza su una piattaforma programmatica e questa era una condizione che consideriamo necessaria ma, dato il particolare momento sociale e politico, non sufficiente. Abbiamo richiesto che la coalizione si caratterizzasse da un lato politicamente, come chiesto d’altronde anche dai nostri interlocutori, ma che allo stesso tempo fosse rappresentata da figure facilmente e immediatamente collocabili, nell’immaginario collettivo, agli antipodi delle passate esperienze amministrative. Credevamo e crediamo che sia necessario un momento di forte e decisa discontinuità rispetto alle politiche attuate ad Orta di Atella negli ultimi 20 anni. Allo stesso modo, riteniamo che tale discontinuità la si debba praticare sia sul piano del programma politico, nel metodo e nel merito, ma soprattutto nelle figure, nei volti che dovranno presentarsi agli elettori ed incarnare l’insopprimibile anelito di cambiamento che Orta esprime nelle sue varie forme. Ed il nostro non è un discorso di ordine morale o etico ma meramente politico. Abbiamo dato indicazione e offerto la disponibilità di profili e competenze specifiche e riconoscibili precisando a più riprese che sarebbe stato rivoluzionario per la politica ortese, vitale per la coalizione e imprescindibile per noi che si riuscisse a costruire un progetto non attorno al peso elettorale delle persone ma attorno alla loro storia politica e sociale. Su questo punto siamo stati intransigenti: noi non siamo disponibili a cercare portatori di pacchetti di voti e costruire su questa sommatoria una alleanza. Non è questo il modo attraverso cui intendiamo creare il consenso. Abbiamo ribadito che il cambiamento passa anche attraverso una inversione di senso. Una volta costruita una coalizione, caratterizzata a sinistra, con un profilo programmatico chiaro e radicale e con una proposta in termini di rappresentanza nettamente in discontinuità con il passato, da essa, e solo da essa, si sarebbe partiti per parlare alle persone, convincerle, cercare di farle appassionare nuovamente alla politica. Purtroppo tale impostazione, tale ragionamento politico non è stato condiviso dai nostri interlocutori e questo inevitabilmente ha compromesso il dialogo, che anche a fatica, si era cercato di porre in essere. Sappiamo bene che il tragitto verso le prossime elezioni amministrative sarà lunga e piena di insidie,, ma vorremmo che fosse chiaro da subito quale tipo di azioni abbiamo in mente per Orta di Atella e che anche i più nobili progetti, per noi, hanno senso se trovano spalle e gambe abituate alla lotta disposte a portarli avanti. Se predichiamo la discontinuità nessuno si dovrebbe scandalizzare se quella discontinuità la vogliamo applicare a 360°, se pretendiamo una leadership che in nessun modo possa essere affiancata o addirittura sovrapposta alle passate e disastrose esperienze amministrative. La chiusura di questo discorso non implica per noi la chiusura di tutti i discorsi. Riteniamo che il tessuto politico e sociale ortese offra ancora tante potenzialità, ci siano molte persone che condividano la nostra stessa lettura della situazione politica attuale, l’accelerazione e la chiarezza che abbiamo preteso dagli incontri con il PD e il PSI nascono esclusivamente da una nostra predilezione alla praticità. Da questo punto di vista abbiamo imparato la lezione di Gramsci al punto da sapere che “a battere la testa contro il muro è la testa a rompersi e non il muro”.
FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, AD:”Quarta farmacia familiare”

20:05 Sant'Arpino. Riceviamo e pubblichiamo dal gruppo politico "Alleanza Democratica per Sant'ArpinO". Un dribbling degno di un calciatore professionista quello del Sindaco Dell'Aversana in merito all'inaugurazione della quarta farmacia a Sant'arpino. Ci chiediamo come sia possibile che un Sindaco, che si riempie la bocca di parole come trasparenza, moralita e legalità poi, anziche rispondere alle nostre domande e dare spiegazioni, fa' il finto tonto e annuncia con enfasi l'inaugurazione della farmacia che, guarda caso, e' ubicata proprio nei locali di proprietà di un suo diretto parente!! Cari amici, siamo ormai davvero all'inverosimile. E come se non bastasse la farmacia sorge in un'area in cui non c'è parcheggio e che per di più presenta già numerosi problemi di viabilità e, come gia preannunciato da Noi di Alleanza Democratica, a sole poche settimane dall'apertura della farmacia, già ci sono stati diversi incidenti e problemi di parcheggio e viabilità! E novità degli ultimi giorni, abbiamo saputo che la titolare della farmacia è la moglie di una persona vicina alla farmacia comunale per la quale il Sindaco ha sempre detto che ci sono dei contenziosi... E ovviamente se qualcuno chiede al Sindaco il motivo di questa scelta, risponde che lui non c'entra nulla!! Caro Sindaco, non credi che avresti fatto piu bella figura a restare zitto??? Il dribbling è ormai la tua specialità ma purtroppo per te nessuno è cosi stupido da crederti ancora! Ancora una volta VERGOGNA!!
FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 14