POLITICA

Sant’Arpino,Boerio-Di Santo:”un’amministrazione che ad un anno dall’insediamento avvia il pre dissesto ha scarse competenze economico-finanziarie”

10:21

boeriodisantoSant’Arpino. Riceviamo e pubbichiamo dalle consigliere comunali del gruppo politico “Alleanza Democratica per Sant’Arpino” Iolanda Boerio e Maria Rosaria Di Santo.

“Un’amministrazione che ad un anno dall’insediamento avvia le procedure relative al pre-dissesto è un’amministrazione che, probabilmente, ha scarse competenze in materia economica. A tal proposito, occorre sottolineare come in giunta non ci sia un esperto in materia economico-finanziaria, infatti, la delega al bilancio, per una questione meramente politica, è stata trattenuta dal sindaco Giuseppe Dell’Aversana che, per quanto culturalmente molto preparato, non ci risulta avere competenze accademiche in materia economica. Il sindaco ha preferito gli accordi politici pre-elettorali sulle nomine degli assessori al benessere dei santarpinesi che,ora, dovranno far fronte alla situazione di pre-dissesto che non sembra affatto essere un gesto di responsabilità nei confronti dei cittadini, come ribadito dal sindaco in consiglio comunale. In questo particolare periodo storico l’unico gesto di responsabilità reale, da parte degli amministratori, sarebbe quello di rinunciare alle indennità di carica o quantomeno ridurle. Tra le altre cose bisogna sottolineare come questa del pre-dissesto non è ancora cosa certa, visto che il piano di risanamento dovrà essere approvato dalla Corte dei Conti e, in caso negativo, la situazione si aggraverebbe ulteriormente poiché si andrebbe verso la dichiarazione di dissesto finanziario.

Infine, come ribadito in consiglio comunale, le variazioni di bilancio in questione sembrerebbero necessarie per assumere tecnici esterni da utilizzare per le pratiche di condono ancora in essere. Sarebbe opportuno, da parte dell’amministrazione, far conoscere i criteri che ha adottato per la selezione dei succitati tecnici”.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, Alleanza Democratica:”Per gli amici di Sant’Arpino al Centro: chi è che vota con la maggioranza?”

16:27

alleanza-democratica-per-santarpino-e1463071039327Sant’Arpino. Riceviamo e pubblichiamo dal gruppo politico “Alleanza Democratica per Sant’Arpino”.

Dopo la festa del Santo Patrono, nel corso della quale abbiamo condiviso con tutti i cittadini una sana e festosa serenità, ci corre l’obbligo riprendere alcuni argomenti sollevati dai nostri “amici al centro”, anche in vista del prossimo Consiglio Comunale che si preannuncia molto importante e delicato.

Tutti sanno che il meccanismo democratico si regge su un rapporto ben definito, che vede, da una parte, la “maggioranza” governare e prendere le decisioni e, dall’altra, la “minoranza” vigilare e controllare l’operato della prima. Si può dire, pertanto, che se l’essenza della democrazia è la “maggioranza”, la sua legittimazione, però, gli deriva dalla “minoranza”.

Chiediamo scusa per queste ovvietà, note a tutti, ma riteniamo importanti tali premesse, anche per spiegare l’imbarazzo dei nostri colleghi di opposizione nell’essere additati, a furor di popolo, quali “trasformisti e voltagabbana”, … se non addirittura, da qualcuno, … quali … “rinnegati”.

E’ molto difficile, infatti, accettare l’atteggiamento “collaborativo” da parte di chi dovrebbe, invece, “vigilare e controllare”: perché, la “collaborazione”, tirata all’estremo, sfocerebbe nella ”condivisione”, ed, infine, nella “fusione”, che decreterebbe la fine della democrazia per il venire meno della sua legittimazione, e cioè della “minoranza”, spalancando le porte ai “regimi”, così come storicamente già avvenuto.

E, francamente, trasformare Dell’Aversana in un “RAS”, non abbiamo ne la voglia ne il tempo, in assenza, oltretutto, di qualsiasi presupposto soggettivo ed oggettivo.

C’è da dire, tuttavia, che la lusinga, utilizzata ad ogni piè sospinto, circa l’opposizione “responsabile” (da parte di chi non ha titolo alcuno nell’attribuire patenti di “responsabili” !!!), sono tipiche di quella strategia subdola ed infida del “divide et impera”, adottata da chi ha facile gioco nel seminare zizzania tra gli avversari, facendo balenare possibili “contentini” … riservati, però, soltanto ad alcuni.

Con questo non vogliamo dire che “Sant’Arpino al Centro” abbia ricevuto delle proposte da Dell’Aversana, anche perché quest’ultimo dovrebbe inevitabilmente dare conto alla sua maggioranza, fatta di personaggi che difficilmente accetterebbero di fare posto ai “tavoli delle spartizioni”, anzi, … ci meravigliamo come politici navigati possano, anche solo per un attimo, aver ceduto a tali lusinghe.

Andrebbe, comunque, chiarita la solerzia con cui la compagine di Elpidio Maisto partecipa agli incontri con Dell’Aversana, che è inversamente proporzionale alla disponibilità che riserva agli incontri con noi di Alleanza Democratica, in quanto, a tutt’oggi, non abbiamo avuto ancora il piacere di uno scambio di opinione.

Non deve meravigliare, pertanto, se, in occasione della richiesta di sottoscrizione del Consiglio Comunale Aperto per discutere sulla Multiservizi, avanzata nell’autunno scorso da parte di “Sant’Arpino al Centro”, non ci sia stata da parte nostra una adesione solidale, in quanto, la correttezza istituzionale avrebbe richiesto un pur minimo accordo preventivo, che avrebbe permesso, anche, di superare eventuali pregiudizi sulle vere motivazioni che erano all’origine della richiesta, che vanno ricercati negli impegni elettorali assunti dai “centrini” nei confronti dei dipendenti della Multiservizi e volentieri avremmo dato un contributo per togliere d’impaccio Brasiello e gli altri, i quali ben avvertivano il peso delle responsabilità in ordine alla gestione dell’azienda in house.

Per questo non riusciamo a “digerire” il voto favorevole per lo scioglimento della Ecoatellana ed è perfettamente inutile accampare giustificazioni in ordine alla impossibilità di un suo recupero, le quali, se sono comprensibili in un Dell’Aversana, che essendo dipendente statale, non capisce niente di problemi aziendali, non sono affatto accettabili, invece, da parte di un Brasiello che conosce perfettamente tutto l’excursus della Multiservizi e non riesce ad essere credibile nemmeno quando prova a bacchettarci sfidandoci a trovare il famoso MILIONE per la ricapitalizzazione, dimenticando che quel milione non è affatto capitale da ripristinare, ma CREDITI da incassare nei

confronti del Comune.

Dobbiamo confessare, comunque, che quello che ci ha reso veramente inviso i “centrini”, in uno con buona parte della cittadinanza, è stato l’altro voto favorevole, con il quale si è decretato il ritorno di “Equitalia” sul territorio di Sant’Arpino, definito addirittura “obbligatorio”.

Diciamo, subito, agli amici che questo non è vero affatto e le informazioni date sono false e tendenziose e destituite di ogni fondamento giuridico, in quanto non è affatto obbligatorio, a legislazione vigente, impiegare l’ex Equitalia nell’attività di riscossione dei ruoli, potendo benissimo, gli enti locali, utilizzare i propri uffici per fare ciò (art. 2 co.2-3 D.L. 193/2016).

Vero è, invece, che tale decisione mette a nudo il fallimento del progetto di gestione e riscossione in house dei tributi posto in essere da Dell’Aversana con l’assunzione della super-esperta dott.ssa Iovine.

In tale occasione sembra che gli amici di “Sant’Arpino al Centro” abbiano usato la benda per non vedere. E la benda l’hanno usata in diverse occasioni, pur di tutta evidenza, come:

– quando abbiamo rimesso il dibattito istituzionale sui binari giusti di correttezza e trasparenza, obbligando Dell’Aversana e la Tinto ad un maggior rispetto delle prerogative dei consiglieri di opposizione, tanto da indurci ad assentarci dal Consiglio Comunale del 27/12/2016 … ed in quella occasione non abbiamo ricevuto alcun gesto di solidarietà;

– quando abbiamo contestato l’irregolare compilazione di importanti e fondamentali documenti contabili e dei bilanci, … nemmeno un accenno di condivisione;

– quando abbiamo smascherato Dell’Aversana sui debiti del Comune e sulla gestione più che fallimentare di sei mesi di amministrazione, … nemmeno una interrogazione.

In merito, poi, alla invettiva sulla questione IMU, … vi confessiamo che ha suscitato in noi molto imbarazzo … per l’enorme menzogna riportata a caratteri cubitali, che, per carità di patria, preferiamo attribuire ad una svista, perché mai e poi mai ci saremmo permessi di aggravare le già precarie condizioni economiche della stragrande maggioranza dei cittadini, … che solo Dell’Aversana non vede, per la sua “miopia” sociale e politica.

Ebbene, il nostro voto favorevole alla delibera n. 8 del 16/03/2017 era relativo all’adeguamento del VALORE VENALE DELLE AREE FABBRICABILI PER L’IMU 2017, rilasciato a fronte di una relazione del responsabile area-tecnica, arch. D’Angelo, sia perché erano valori venali desunti dai rogiti dei notai, quindi già utilizzati, e sia per scoraggiare eventuali tentazioni speculative.

Il riferimento, poi, all’altra votazione relativa all’IMU, quella della delibera n. 14 del 11/04/2017, che modificava le aliquote dal 2018, Iolanda Boerio e M.Rosaria Di Santo non parteciparono al voto, … mentre si astennero gli amici “centrini” !!!

Domanda: … chi è che vota con la maggioranza ?

… E, soprattutto, come si comporterà “Sant’Arpino al Centro” nel prossimo Consiglio Comunale sulla proposta di Dell’Aversana di avviare la procedura di riequilibrio pluriennale, che comporterà per i cittadini di Sant’Arpino un futuro all’insegna di lacrime e sangue ?

Concludendo, possiamo certamente affermare che errori sono stati commessi, … dall’una e dall’altra parte, … diversamente Dell’Aversana poteva pure invecchiare facendo il professore di matematica, concedendosi qualche sproloquio culturale, di tanto in tanto, … e sarebbe finito lì. Invece, lo dobbiamo vedere nuocere al paese come sindaco, come assessore al bilancio ed ai tributi, come assessore alla cultura e come presidente del CODI.

FacebookTwitterGoogle+Share

Succivo, lunedì 24 luglio alle 19:30 Salvatore Papa risponderà alle domande dei succivesi in diretta streaming

11:01

salvatorepapa_nSuccivo. Salvatore Papa, Vicesindaco di Succivo, risponderà lunedì prossimo, 24 luglio, alle domande dei succivesi in diretta streaming.

Sarà possibile seguire la diretta sulla nostra pagina facebook atellanews.it a partire dalle ore 19:30 e si potrà interagire direttamente con lui commentando il video.

FacebookTwitterGoogle+Share

Donato al Comune di Sant’Arpino un presepe dai detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere

9:22

presepeSant’Arpino. Domenica 9 Lugliola Pinacoteca Comunale di Sant’Arpino “Massimo Stanzione” nelle mani del Sindaco Giuseppe Dell’Aversana e di una rappresentanza dell’Amministrazione Comunale, ha ricevuto in consegna un pezzo unico di arte presepiale realizzato dai detenuti dell’Istituto Penitenziario di Santa Maria Capua Vetere. “I diversamente liberi” come si definiscono i detenuti autori dell’opera nell’intestazione della targa che accompagna la donazione, hanno voluto offrire un omaggio alla comunità santarpinese attraverso un pezzo di arte presepiale realizzato interamente con materiale riciclato. Un presepe che richiama la struttura del Palazzo Ducale “Sanchez de Luna” simbolo del Comune atellano, attraverso il quale i detenuti hanno voluto mostrare riconoscenza per la visita ricevuta lo scorso Natale da parte del Sindaco di Sant’ArpinoDell’Aversana e di una delegazione dell’Amministrazione Comunale, in occasione dello Spettacolo teatrale “Un fatto di Cronaca” tratto dall’opera di Raffaele Viviani, realizzato da 12 detenuti sotto la regia della santarpinese Susy Ronga della Compagnia teatrale “I SudAtella” e conla guida del Funzionario Giuridico Pedagogico presso laCasa circondarialeGiovanna Tesoroela santarpinese Maddalena Mangiacapra, Esperta Psicologa del Carcere di S.M.C.V. L’invito presso la Casa Circondariale “Francesco Uccella” da parte della direttrice Carlotta Giaquinto faceva seguito alla proposta del Sindaco Dell’Aversana, nonché della Presidente del Consiglio Comunale delegata alla Cultura Ivana Tinto, di ospitare la Compagnia di detenuti presso il Comune atellano. “Stiamo lavorando a questa iniziativa – dichiarano all’unisono il Sindaco Dell’Aversana e la Presidente del Consiglio Tintoal fine di offrire l’opportunità a questi ragazzi che stanno intraprendendo un percorso riabilitativo dove l’arte teatrale diviene lo strumento per coltivare la cultura della legalità, diesprimersi all’esterno,come opportunità di reinserimento ecambiamento“. Proprio la scorsa settimana lo stesso gruppo di detenuti ha preso parte all’evento Toghe & Note, presso il cortile d’onore del Castello Aragonese, sede del Palazzo di Giustizia in Aversa, che ha visto in scena magistrati, avvocati, personale del ministero della giustizia e detenuti, in uno spettacolo a fini benefici a favore della Caritas diocesana di Aversa, a dimostrazione della funzione rieducativa della pena e del lavoro che l’istituzione giustizia svolge per il reinserimento dei detenuti. “Come Sindaco di Sant’Arpino– dichiara Dell’Aversanasono onorato che la mia cittadina abbia ricevuto un simile dono da questi ragazzi, che con tenacia, attraverso le svariate forme dell’arte, stanno conoscendo la possibilità di una nuova prospettiva di vita. L’auspicio – conclude il Sindaco –è quello di poterli vedere presto in scena nella magica cornice del nostro Palazzo Ducale,attraverso un progetto che aiuti a promuovere nella nostra comunità un messaggio di inclusione, coniugandolo con la tradizione del teatro atellano”.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, AD:”Dell’Aversana ha tentato di tenere all’oscuro i santarpinesi di un fatto politicamente grave: le dimissioni della capogruppo Coppola”

21:08

alleanza-democratica-per-santarpino-e1463071039327Sant’Arpino. Riceviamo e pubblichiamo dal gruppo politico “Alleanza Democratica per Sant’Arpino”.

Il giorno 5 luglio 2017 con protocollo n. 6895, la consigliera comunale Rosaria Coppola ha rassegnato formali dimissioni da capogruppo di maggioranza di Speranza e Futuro.

Ieri, 10 luglio 2017, insieme alla consigliera comunale Maria Rosaria Di Santo, con protocollo n. 7097/17, abbiamo richiesto la copia della documentazione protocollata dalla Coppola, con le relative motivazioni che l’hanno spinta verso questa decisione.
Ciò che più ci rammarica, è il goffo tentativo del Sindaco Dell’Aversana, il quale, autoproclamatosi in campagna elettorale detentore della trasparenza politica, ha tentato di tener all’oscuro la popolazione santarpinese di un fatto così politicamente grave

19958882_1812187895474717_2785853022095047434_n

FacebookTwitterGoogle+Share

Casaluce. Ambito C6, la denuncia di Forza Nuova: “Nepotismo per le collaborazioni occasionali”

9:46

forza-nuova-dolce-gabbanaCasaluce      Riceviamo e pubblichiamo. “Al peggio non vi è mai fine. Al Comune di Casaluce vige la regola “tutto mio all’oscuro di tutti”. Chi è preposto al controllo della macchina amministrativa, è assente come non mai: che sia politico o giudiziario. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, Alleanza Democratica:”Multi…fallimento al centro nella speranza di un futuro migliore!!!”

11:09

alleanza-democratica-per-santarpino-e1463071039327Sant’Arpino. Riceviamo e pubblichiamo dal gruppo politico “Alleanza Democratica per Sant’Arpino”.

Il Movimento Speranza e Futuro, in riferimento alla messa in liquidazione della Ecoatellana Multiservizi, nel tentativo disperato di trovare una scusa pur di salvare la faccia sui licenziamenti dei dipendenti, ha lanciato un vero e proprio “J’ACCUSE” nei confronti di Alleanza Democratica.
E in questa pubblica accusa trova anche il tempo per tessere le lodi al gruppo di Sant’Arpino al Centro, definendoli una forza politica responsabile.

Proprio loro che in campagna elettorale hanno sbandierato ai quattro venti che la Multiservizi andava rilanciata perché le condizioni c’erano tutte e i bilanci lo permettevano!
E questo leitmotiv è continuato anche dopo le elezioni, organizzando consigli comunali aperti, dicendo di avere la soluzione adatta per mantenere in vita la società, continuando a prendere in giro gli elettori e i dipendenti.
Allora, visto che il forte caldo a volte confonde, meglio mettere in chiaro alcune cose!!!

La prima cosa da evidenziare è che i bilanci degli anni 2013, 2014 e 2015 facevano riferimento ad Eugenio Di Santo, Gianluca Fioratti e Aldo Zullo,
mentre il bilancio che va da giugno 2016 a dicembre 2017 è responsabilità di Peppino Dell’Aversana.
O il sindaco, come suo solito, pensa di scappare facendo il finto tonto e di tirarsi indietro di fronte alla Corte dei Conti e al giudizio del popolo???

Poi vorremmo ricordare a voi Speranzosi e Futuristi, che quando gettate fango su Alleanza Democratica, offendete chi oggi vi sostiene attivamente, ma soprattutto chi governa con voi questo paese.
E parliamo di Salvatore Lettera che ha ricoperto la carica di assessore nella maggioranza targata Alleanza Democratica.
Come pure Elpidio Iorio, vostro sponsor elettorale, il quale è stato assessore sempre militando con Alleanza Democratica.
Entrambi hanno governato nello stesso gruppo!

Allo stesso tempo vorremmo ricordarvi che quando prendete le difese di Sant’Arpino al Centro state inconsciamente difendendo il nostro operato.
Perché la maggior parte dei candidati di Sant’Arpino al Centro ha governato il paese nelle fila di Alleanza Democratica.
Il coordinatore Angelo Lettera, Gianluca Fioratti, Imma Quattromani, Mimmo Cammisa, Andrea Guida, Angela Salino, Aldo Zullo e Salvatore Brasiello.
Tranne i vostri nuovi alleati Elpidio Maisto e Pina Drea che non hanno mai governato il paese solo perché non sono mai stati in grado di vincere una competizione elettorale a Sant’Arpino!

Che dire poi dei vostri pseudo incontri con Maisto e Drea per trovare una soluzione al fallimento.
Quando ci sarebbero stati? E soprattutto dove? C’è qualche comunicazione ufficiale che a noi non è mai pervenuta? O, come vostro solito, questi incontri si sono tenuti in gran segreto a casa di qualcuno?

Perciò, cari coordinatore e membri del direttivo degli Speranzosi e Futuristi, prima di scrivere e lanciare accuse fatevi raccontare da chi è al potere come stanno realmente le cose.
Evitereste di fare pessime figure e ne guadagnereste in credibilità!!

FacebookTwitterGoogle+Share

Svolto ieri il congresso del PSI regionale a Portici, presente anche l’esponente santarpinese Luigi Guida

17:44

luigi guidaPortici. Si è tenuto ieri, presso il teatro “De Filippo” a Portici, il congresso regionale del PSI della Campania.

I lavori congressuali sono stati aperti dal Primo Cittadino di Portici, Enzo Cuomo, e dai rappresentanti della locale sezione del Partito Socialista. Successivamente c’è stata una relazione del segretario regionale, Marco Riccio, mentre la conclusione è stata affidata all’on. Enzo Maraio, consigliere regionale della Campania e responsabile nazionale organizzazione PSI.

A prendere parte al congresso anche l’esponente santarpinese del Partito Socialista, Luigi Guida.

FacebookTwitterGoogle+Share

Casaluce, Forza Nuova:”continua il business sulla pelle dei migranti”

10:48

Casaluce. Rmigranteiceviamo e pubblichiamo dal gruppo politico casalucese “Forza Nuova”.

Continua l’azione di monitoraggio da parte del gruppo cittadino di Forza Nuova Casaluce. Nella mattinata del 5 luglio, dopo varie segnalazioni, i forzanovisti si sono recati in via Brodolini ed hanno nuovamente constatato che un immigrato, ospitato nel centro accoglienza sito in via Lemitone II tratto – angolo via Salvo D’Acquisto, stava ripulendo il perimetro esterno della scuola media “L. Van Beethoven”.

Come si può ascoltare dal video, a commissionare il lavoro al ragazzo di colore, è stato lo stesso uomo del camion verde, lo stesso che già in occasioni precedenti è stato sorpreso ad utilizzare altri immigrati a ripulire prima via Lemitone – zona San Lorenzo in occasione del 15 giugno, giorno della traslazione dell’icona della Madonna di Casaluce ad Aversa, e successivamente via Lemitone – secondo tratto all’imbocco della SS7bis.

Siamo qui a domandarci: è tutto lecito questo? L’amministrazione Comunale e gli uffici competenti sono a conoscenza di questi ‘lavori di pulizia’? Perché per tale lavoro devono essere utilizzati gli immigrati e non i tanti casalucesi che non hanno un posto fisso?

Lavoro nero, sfruttamento dell’immigrazione: questa è la tanto sbandierata integrazione? Chiediamo attenzione e politiche mirate al rilancio del lavoro in modo tale da aiutare le famiglie di Casaluce, le quali annaspano in una crisi economica senza fine, dove chi lavora, il più delle volte è sottopagato e stretto dalla morsa del fisco e della criminalità.

 

FacebookTwitterGoogle+Share

Enzo Guida nuovo coordinatore della Conferenza dei sindaci Atellani

13:53

Enzo Guida Maggio 2017Agro Atellano    Cambio della guardia al vertice della Conferenza dei Sindaci Atellani. Enzo Guida, primo cittadino di Cesa, subentra al sindaco di Sant’Arpino Giuseppe Dell’Aversana, quale coordinatore dell’organismo sovracomunale che comprende anche i comuni di Orta di Atella, Succivo, Gricignano di Aversa e Frattaminore. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO – Sant’Arpino, consiglio comunale del 29 giugno 2017

10:25
FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 10