ORTA DI ATELLA

Orta di Atella. Domenica si discute della Scuola dei Mistici con il professor Aldo Gervasio

15:16

misticiOrta di Atella     LA VIA DEL CUORE E LA SCUOLA DEI MISTICI: ITINERARIO STORICO, FILOSOFICO, RELIGIOSO. E’ questo il tema del convegno che si terrà domenica 17 alle ore 18,00 presso il Centro Studi Massimo Stanzione di Orta di Atella, presieduto dal Prof. Aldo Gervasio. Il prof. Aldo Gervasio, docente di Storia e Filosofia in pensione, psicologo, pedagogista e pedagogista clinico, ha maturato varie esperienze di insegnamento, dalla formazione professionale, alla scuola media e superiore, all’Università di Cassino. Ha pubblicato:1. per una pedagogia dell’età evolutiva (E.DI.CI., Isernia, 1982);  2. Lineamenti metodologici e didattica speciale (A.N.S.I. Piedimonte Matese, 1993); 3. Linee di psicopedagogia ed esperienze di didattica speciale (Ed.  F. Ciolfi, Cassino, 1995); 4. Modelli educativi per la famiglia contemporanea, BookSprint Edizioni, 2017). (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella . C@mbiAMOrta: “Finalmente siamo sulla buona strada”

14:45

cambiamortaOrta di Atella .        Riceviamo e pubblichiamo dal Laboratorio Politico “C@mbiAMOrta”.

Accogliamo e valutiamo con vero piacere il documento congiunto a firma PD – PSI nel quale emergono proposte politiche-programmatiche che sono perfettamente in linea con quanto espresso dal movimento C@mbiAMOrta in diverse occasioni.

Riteniamo assolutamente fondamentale, in questa fase di transizione politica, la presenza di due partiti storici che, senz’altro, contribuiranno a quella “stabilizzazione” cui Orta aspira per il suo futuro.

La collimazione degli indirizzi amministrativi ci rende consapevoli di aver per tempo interpretato i profondi segnali di cambiamento di cui necessita Orta e che oggi, finalmente, trovano legittimazione piena nelle intenzioni programmatiche di PD e PSI.

E’ un primo fondamentale passo verso quella auspicata sintesi politico-programmatica che non necessita di protagonismi dannosi ed antistorici bensì di idee solide e condivise che trovino nei partiti, nei movimenti e in tutte le altre Istituzioni presenti sul territorio, le energie necessarie per trasformarle in atti concreti per la comunità ortese.

Questo processo implica una chiara presa di distanza da tutti quelli che, in un modo o nell’altro tendono subdolamente al ripristino di vecchi ed ormai noti schemi politici e vecchie “liturgie” amministrative.

D’altronde, all’interno del laboratorio politico C@mbiAMOrta i temi più scottanti (dall’Urbanistica ai rifiuti passando per le questioni finanziarie e tributarie) sono stati ampiamente discussi e di conseguenza la piena convergenza sulle proposte programmatiche del PD e PSI non è una mera ed acritica accettazione ma la presa d’atto che occorrono ampie sinergie e consapevoli “concertazioni” con altri e alti livelli istituzionali.

Occorre, però, al contempo, tenere ben presente la necessità di distanziarsi da tutti quei movimenti che ancora hanno la pretesa di avere in tasca la panacea di tutti i mali di Orta o, peggio, di poter essere gli unici ed immacolati interpreti, del “cambiamento” della nostra città.

Gli ortesi tutti, non crediamo che, siano più disposti ad inseguire sfrenati populismi e demagogiche esternazioni di chi, respingendo ogni proposta e qualsiasi contributo provenienti da forze politiche e movimenti presenti sul territorio, ritiene possibile pianificare un nuovo “ordine” amministrativo declinando ogni forma di collaborazione e maturando, persino, l’idea di rovesciare qualunque tavolo di confronto e di discussione.

Non riteniamo che la soluzione dei problemi debba, come in passato, essere perseguita attraverso altissimi e controproducenti tassi di conflittualità ma, come ben evidenziato nel documento PD-PSI e come più volte esternato da C@mbiAMOrta, debba essere frutto di intese consapevoli, reali e realizzabili, intese che, auspichiamo, possano concretizzarsi attraverso un confronto senza pregiudiziali con quelle forze politiche e quei movimenti che, senza infingimenti, abbiano a cuore le sorti del paese ed il “bene comune” di tutti i cittadini.

In questa direzione C@mbiAMOrta intensificherà il proprio impegno sul territorio promuovendo incontri, confronti e dibattiti con l’obiettivo di intercettare le istanze più urgenti dell’intera comunità ortese e prospettare soluzioni opportune ed approfondite delle tante problematiche del territorio.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, In uscita l’8 dicembre Canapa, terzo videoclip dei Tiempo Antico.

11:06

tiempo anticoOrta di Atella. Ad un anno dall’uscita del loro primo album dal titolo: CADEBE’, i Tiempo Antico annunciano per l’8 dicembre l’uscita del loro terzo videoclip: CANAPA.

Il nuovo videoclip Canapa preannuncia l’inizio di un secondo album che in fase di progettazione.

Dichiara Giovanni Sorvillo: “Era da tempo che avevo in testa questo brano, poi sono maturati i tempi e l’ho scritto. Canapa perché è un filo che lega, unisce, questo testo con i precedenti come Terra Avvelenata e gli altri dell’album Cadebè. La mia ispirazione trova terreno fertile nelle tradizioni, radici dalle quali cercano in ogni modo di sradicarci, avvelenandola. La canapa che tante famiglia ha sfamato è espressione della terra, la mia terra, madre feconda, a cui esser grati e difenderla in ogni modo.”

Il sound dei Tiempo Antico sigilla ancora una volta una propria sonorità, un sound mediterraneo che non guarda al mare ma attinge dall’interno, dai suoni di Terra di Lavoro e Terra dei Fuochi. Dalle immense distese coltivate a canapa e tabacco, dove si elevavano canti e tradizioni contadine, le cui origini si perdono nella notte dei tempi, arrivano sentimenti antichi ornati di una nostalgia propositiva.

Il promo :https://www.youtube.com/watch?v=sE-vpg54FUQ

Tiempo Antico – Canapa

Testo e musica Giovanni Sorvillo

Giovanni Sorvillo: voce, sax tenore, chitarra acustica

Salvatore Acerbo: chitarra elettrica

Nicola Girardi: basso

Giuseppe Vertaldi: batteria

Mario Lupoli: sax baritono

Jennà Romano: sintetizzatori

Credits:

Arrangiamenti: Jennà Romano, Giovanni Sorvillo, Tiempo Antico

Registrato e missato presso Laboratori di Provincia da Jennà Romano

Mastering realizzato da Vittorio Remino presso Loung Soul LAB STUDIO

Produzione artistica Jennà Romano

Realizzazione video di Carmine Giordano

Brano e video prodotto da Vincenzo Perrotta

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, successo per i mercatini natalizi dell’associazione “Bambini simpatici e speciali”

11:48

fabulaeOrta di Atella. Grande successo per i mercatini natalizi organizzati dall’associazione “Bambini simpatici e speciali” sabato 2 dicembre presso il Centro Commerciale Fabulae di Orta di Atella.

Le decorazioni natalizie fatte a mano e confezionate direttamente dai bambini e dai volontari e collaboratori dell’associazione sono andate esaurite in pochissimo tempo.

L’intero ricavato della vendita andrá a sostegno di tutte le attività riguardanti l’associazione e servirà a finanziare un progetto di solidarietà per il reparto di pediatria dell’ospedale S.Paolo di Fuorigrotta.

“Sabato – dichiarano all’unisono il presidente Michele Pisano e tutti i collaboratori dell’associazione- abbiamo vissuto un bel momento di solidarietà e di grande partecipazione per tutta la nostra comunità. Ringraziamo la popolazione per l’affetto dimostrato nei nostri confronti e per tutte le donazioni. La nostra associazione è quotidianamente attiva per regalare un futuro più sereno ai nostri bambini”.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, Aniep annuncia l’apertura di una nuova sede nel paese atellano, affiliazione con l’associazione “Bambini simpatici e speciali”

12:10

speciali2ORTA DI ATELLA. Nascerà con il nuovo anno  una nuova realtà Aniep nella città di  Orta di Atella. L’ associazione nuova si occuperà di tutelare ampiamente  i diritti dei disabili, e dei bambini autistici.  Il nuovo gruppo lavorerà insieme ai vertici dell’associazione “Bambini simpatici e speciali”ed  avrà come obiettivo quello di perseguire finalità di solidarietà sociale nel campo dell’assistenza sanitaria  rivolgendo il suo operato sociale a persone con disabilità permanenti, anziani economicamente svantaggiati e a tutte quelle persone che, per vari motivi, non possono avere più accesso alla riabilitazione fornita dal Sistema Sanitario Nazionale.
Nel suo motto “Porgere la propria pietra per costruire una  valida vita migliore” è racchiusa l’essenza divina del suo obiettivo afferma la presidentessa provinciale Adele Di Gioia intervenuta insieme alla vice presidentessa nazionale Monica Santonastaso  nella riunione tenuta ieri a Casagiove con  il presidente dell’associazione di Orta di Atella “Bambini simpatici e speciali” Michele Pisano. Il presidente Pisano in compagnia della moglie Francesca Naviglio, e della giovanissima operatrice Laura Mayer hanno espresso tutto il loro entusiasmo per questa affiliazione che partirà ufficialmente dal prossimo anno. Aprire nuove sedi della nostra realtà oggi è importante, bisogna con essenzialità  garantire ai disabili e ai loro familiari, una qualità di vita dignitosa attraverso l’offerta di alcuni dei servizi basilari in ambito di assistenza.
“Vorremmo creare una grande famiglia associativa  – afferma la Santonastaso  vice presidente dell’associazione nazionale  – dove lavoreranno figure multidisciplinari, perchè nei disabili abbiamo riscontrato che finchè c’è un evento acuto e sono in ospedale abbiamo una tutela, poi però una volta fuori manca sempre un  riferimento dove il disabile può fare dei percorsi integrativi, migliorare la sua qualità di vita stimolando e ottimizzando la capacità residua .”
Siamo pronti per questo nuovo percorso,  la nuova  sede  che nascerà  ad Orta afferma il presidente dell’associazione “Bambini simpatici e speciali”servirà  ad essere base  operativa del progetto, per arrivare col tempo a costruire una rete associativa più ampia  specializzata, ma soprattutto pronta ad  acquisire nuove tecniche di assistenza utili a non aggravare il nostro  Sistema Sanitario in quanto vista l’attuale situazione economica del nostro paese, non può farsi carico dell’intero percorso riabilitativo del soggetto. Il nostro scopo finale risulta essere l’aiuto alle persone con disabilità superiore all’80% che abbiano esaurito il percorso riabilitativo intensivo ed estensivo e soggetti anziani con particolari difficoltà economiche, indipendentemente dal loro livello di disabilità, conclude affermando la giovanissima operatrice Laura Mayer.
“Noi ci rivolgeremo – dice in conclusione  Adele Di Gioia  – in particolare a quei disabili in fase cronica stabilizzata che di fatto non possono più avere accesso alle prestazioni, proprio perchè  queste hanno la precedenza in fase acuta ed  hanno sviluppato la propria disabilità da pochi anni. L’unica via percorribile quindi per loro è il settore privato,  affermano insieme i due presidenti delle due realtà associative, per chi può, e chi non può spesso e volentieri non fa niente e rimane a casa privo di una assistenza inadeguata  che influisce purtroppo  sulla qualità di vita. L’incontro si è concluso con la benedizione finale della presidentessa Di Gioia, ora si attendono i primi passi per conoscere la nuova realtà associativa dell’Aniep  ad Orta di Atella.

( Fonte: Giacinto Di Patre, v-news.it )

http://www.v-news.it/laniep-annuncia-lapertura-di-una-nuova-sede-ad-orta-di-atella-presto-sara-ufficializzato-il-sodalizio-con-lassociazione-bambini-simpatici-e-speciali/

 

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, GENESIS MOBILE ATELLANA-ESPERANTO FONDI 29-21 (p.t. 15-11). Toscano: «Abbiamo controllato la gara senza affanni»

8:44

Genesis - FondiGENESIS MOBILE ATELLANA – Sall 9, Cirillo G. 4, Cirillo G. 4, Abbonante 3, Calcagno 2, Balasco O. 2, Migliaccio 2, Del Prete F. 1, Mozzillo F. 1, Liparulo 1, Del Prete L., Balasco G., Mozzillo G., Arena. All.: Toscano.

ESPERANTO FONDI – Pinto 8, Miceli A. 7, Macera 2, Riccardi 2, Berardino 1, Di Ponio 1, Cavaiola, Marcucci, Orghidan, Sergianno, Muccitelli. All. Miceli S.

Arbitri: Marasciulo e Tempone di Fasano

PRIMO TEMPO – Torna alla vittoria la Genesis Mobile Atellana, che supera in scioltezza l’Esperanto Fondi. Un match controllato sin dall’inizio dalla squadra di mister Toscano, che ha rischiato poco o nulla ed è riuscita a tenere a distanza di sicurezza i laziali. L’andamento della gara si capisce già dai minuti iniziali. Ne passano appena cinque quando la Genesis Mobile Atellana è in vantaggio per 3-0, grazie alla rete di Abbonante e la doppietta di Sall. Fondi chiama il primo time-out e alla ripresa del gioco accorcia le distanze con Riccardi. Gli ospiti tentano un primo recupero e si portano a -1. Al 10’ il punteggio è 4-3 per la gli atellani. Inizia la girandola della espulsioni temporanee. A subire i due minuti forzati in panca è Marcucci dell’Esperanto. La Genesis Mobile è imprecisa nelle conclusioni e non approfitta della momentanea superiorità numerica. Ristabilita la parità dei giocatori in campo, i biancoverdi laziali provano a riavvicinarsi. Il tentativo è però stoppato da altri centoventi secondi di uomo in meno. Questa volta i giallorossi colgono l’occasione e staccano gli avversari. Altre due reti di Sall, tra cui un preciso diagonale, e il rigore realizzato da Giuseppe Cirillo riportano a +5 il distacco in favore della squadra campana. Dopo venti minuti di gioco il risultato è un rassicurante 10-5 per la Genesis Mobile Atellana. Il distacco aumenta di uno con la rete di Abbonante, ma la prima espulsione temporanea subita dai padroni di casa permette agli ospiti di accorciare le distanze. Al termine del primo tempo Genesis Mobile Atellana 15, Esperanto Fondi 11.

SECONDO TEMPO – Ripartono bene gli atellani con il gol di Sall. Attenta in difesa, la Genesis Mobile non permette al Fondi di segnare e ottiene il massimo vantaggio: +7 sugli avversari. Gli ospiti sbagliano anche un rigore con Pinto, o meglio è bravo Balasco a respingere, e segnano il primo gol del secondo tempo dopo oltre sei minuti di gioco, con Macera. La manovra dei padroni di casa è veloce, spesso troppo precipitosa, ma il punteggio rimane saldamente in mano a Sall e compagni: 20-13 al 10’. La gara poi attraversa un momento di stanca. Le due squadre non riescono a concludere con precisione e la Genesis Mobile ha un leggero rilassamento in difesa, che porta l’Esperanto a realizzare, per la prima volta, due reti consecutive. Al 20’ siamo 25-19, ma mister Toscano chiama il time-out. La partita è in netto controllo della squadra atellana, che rallenta il gioco e stringe le maglie della difesa. Nel disperato tentativo di recupero, Fondi tenta la carta dei tiri dalla distanza, ma la chiusura degli spazi da parte della retroguardia giallorossa porta i laziali a forzare le conclusioni e quindi ad essere imprecisi. A trenta secondi dal termine c’è gloria anche per Francesco Del Prete, che realizza la rete del definitivo +8. La Genesis Mobile Atellana vince meritatamente per 29-21. Nelle interviste del dopo-gara mister Toscano non si esalta, ma è sicuramente soddisfatto. «L’andamento della gara mi ha permesso di far giocare i ragazzi che avevano un minor minutaggio. Alcuni erano alla prima presenza. Penso che sia stato importante per loro fare esperienza ed entrare subito in partita. Abbiamo controllato il match senza grossi affanni, grazie anche una difesa attenta che non ha lasciato spazio agli avversari. Questa vittoria è importante perché venivamo da due sconfitte contro le migliori squadre del girone. Ci permette di rimanere nelle zone alte della classifica. Ora c’è un altro match alla nostra portata, contro Ginosa. Possiamo proseguire su questo trend», conclude l’allenatore atellano.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, “Città Visibile” lancia la sfida: #rovesciamoiltavolo

10:18

open_graph_rovesciamoiltavoloOrta di Atella. Riceviamo e pubblichiamo dal  Collettivo Politico – Culturale “Città Visibile” di Orta di Atella.

Abbiamo cercato nelle ultime settimane di trovare, nel dibattito politico apertosi ad Orta di Atella in vista delle Amministrative 2018, uno spiraglio, un punto di rottura e di cambiamento rispetto agli schemi e all’approccio ai problemi che aveva caratterizzato la politica dell’ultimo ventennio.

Siamo rimasti per lo più a guardare, sperando nell’improvvisa evoluzione verso un approccio che mettesse la città e i cittadini al centro della discussione politica ed invece abbiamo assistito ad una riedizione stantia di vecchie logiche, di vecchi modi di fare: un vero e proprio mercato delle vacche incarnato da residui di vecchia politica, di vecchia nomenclatura ansiosi di candidarsi a sindaco.

Così ci siamo ritrovati noi stessi costretti, nel deserto della rappresentanza, a dover intercettare le istanze di un paese che anela un cambiamento non di facciata, non una rotazione di persone che porti al governo “volti nuovi” che rappresentano però i vecchi interessi di sempre, ma una vera e propria rivoluzione che mettesse in discussione tutto l’assetto politico e culturale di Orta di Atella per come lo abbiamo conosciuto.

La nostra Città, ormai da decenni, viene usata dalla classe politica per perseguire i propri interessi a discapito di quelli di un’intera comunità. Il risultato, che è davanti agli occhi di tutti, è un paese ridotto in macerie, disintegrato nel suo tessuto sociale e culturale.
Occorre ribadirlo: la necessità primaria di Orta di Atella è quella di ritornare ad essere un paese NORMALE.

Ritornare normali è la condizione minima per poter riattivare quelle potenzialità, che pure sono sopravvissute, e che sono indispensabili per uscire dalla palude. Si ritorna normali solo con il contributo di tutti: col contributo innanzitutto della politica, che deve riscoprire la sua vocazione, quella di servire il popolo. Che è tutt’altra cosa dal servirsene.

Si ritorna normali se si ha il coraggio di mettere al centro del proprio operato una rivoluzione sistemica, se si ha il coraggio di dire che nulla di ciò che è stato prodotto dal vecchio ceto politico può essere utile per tirare fuori la nostra città dalle sabbie mobili. Se si ha il coraggio di dire che quella tavola imbandita alla quale è ingrassata una intera classe dirigente va rovesciata.

Riteniamo che l’idea di cambiare tutto per ritornare normali sia il concetto  intorno al quale è possibile lanciare un appello a quelle forze politiche che vogliono essere partecipi, finalmente, di un vero processo rivoluzionario.

Per questo il Collettivo Politico – Culturale “Città Visibile” ha ritenuto opportuno capovolgere anche la modalità dei rapporti tra le forze politiche, il dialogo non si rifiuta, sia ovvio, ma non più un dibattito privato tra pochi soggetti che decidono le sorti di un’intera comunità, bensì assemblee pubbliche aperte al popolo e a tutte le forze politiche e sociali; assemblee attraverso le quali tessere le affinità con altri soggetti e arrivare alla definizione di una piattaforma politica chiara e inequivocabile.

Una piattaforma che noi riteniamo debba avere dei cardini imprescindibili:

  • La ristrutturazione della macchina comunale: è inderogabile l’esigenza di una vera e propria operazione verità su larga parte di quell’apparato burocratico che  ha condiviso le scelte scellerate che hanno portato alla devastazione del nostro territorio o che, nella migliore delle ipotesi, si è voltato dall’altra parte.
  • Trasformazione radicale del sistema dei servizi attraverso un nuovo processo di municipalizzazione: la messa a punto di una macchina comunale efficiente è propedeutica proprio per questo, Tributi, Acqua e Raccolta Rifiuti devono essere gestite direttamente dal Comune. Si deve far tramontare ogni ipotesi di ri-esternalizzazione della riscossione tributi, bisogna avere una gestione veramente pubblica dell’Acqua e stracciare il Contratto-Pacco che ci hanno rifilato con la CITE
  • Ridefinire un nuovo modello urbanistico: La soluzione ai problemi urbanistici di Orta di Atella non è affatto semplice ma va affrontata con uno studio approfondito svolto da persone competenti e oneste, che non hanno interessi particolari da anteporre al bene della comunità. La politica urbanistica adottata in passato ha lasciato migliaia di famiglie senza casa o con una casa ma in una situazione di indefinitezza e dunque di estrema difficoltà; un’intera città è sorta dal deserto senza servizi e senza un piano di viabilità. A questo quadro fa da complemento la questione del decoro urbano: fogne inadeuate in molti punti della città, tubazioni inesistenti, illuminazione stradale in molte zone assente o inefficiente, strade dissestate, marciapiedi inesistenti o impercorribili, nessuna pista ciclabile, barriere architettoniche e abusivismo diffuso ci consegnano la fotografia di una città invivibile. Senza dimenticare un centro storico che cade a pezzi e che in nessuna delle passate amministrazioni è rientrato in un progetto di sviluppo e rilancio della città e della sua storia antica di 2 mila anni.
  • Educazione al bene comune. Oltre alle tematiche connesse ai servizioccorre unamappatura degli immobili e degli spazi comunali inutilizzati o in stato di degrado. Per avviare una prima fase conoscitiva di un lavoro più ampio di analisi del territorio cittadino,  che abbia la finalità di rigenerare e ricucire il tessuto urbano della città esistente mettendo a disposizione luoghi.  

Questi sono i nodi principali, non gli unici, su cui siamo disposti a metterci in gioco e in discussione con chiunque, un programma minimo chiaro che non lasci adito a interpretazioni e con a guida una figura di garanzia, estranea alle vecchie logiche e soprattutto senza nessun tipo di interesse personale da salvaguardare

FacebookTwitterGoogle+Share

C@mbiAMOrta . ” Diciamo No alle polemiche sterili. Il rinnovamento passa attraverso il metodo ed i contenuti”

13:13

cambiamortaOrta di Atella         Riceviamo e pubblichiamo dal Laboratorio Politico “C@mbiAMOrta”.

In premessa a questo comunicato vogliamo innanzitutto chiarire che, da parte nostra, non vi è intenzione alcuna di partecipare ad alcuna sterile polemica.

Tuttavia, restiamo al contempo convinti che talune decisioni vadano rispettate anche se ci lasciano perplessi e basiti le motivazioni addotte per renderle coerenti e credibili. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. I Socialisti: “L’Ambiente e la Riqualificazione Urbana tra le priorità d’intervento”

18:22

 psi ortaOrta di Atella      Riceviamo e pubblichiamo dalla locale sezione del Partito Socialista Italiano

Il Psi di Orta di Atella sta proseguendo sulla strada delineata dal direttivo di Sezione tenutosi nel mese scorso, determinato nell’affrontare da un lato, le spinose problematiche che attanagliano la cittadina atellana e dall’altro, perseguendo la strada che porti al raggiungimento di una coalizione tra forze politiche sulla base di una linea programmatica condivisa, scevra da personalismi di ogni sorta e che attraverso le primarie cittadine porti all’espressione della futura leadership di governo locale. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella Pina Russo aderisce a ‘Campania libera’. D’Ambrosio: “Un valore aggiunto e di grossa qualità per il nostro movimento”

18:21

image1Orta di Atella        Continua la campagna adesioni di ‘Campania libera’ ad Orta di Atella. Dopo l’ufficializzazione del passaggio dell’ex consigliere comunale Gennaro Della Porta, il movimento, capeggiato in Provincia di Caserta dal consigliere regionale Luigi Bosco, annuncia l’ingresso di Pina Russo. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Sabato Salvatore Sorvillo presenta “Vorrei Saperti Amare” al Medì

18:14

Sorvillo MondadoriArriverà il prossimo 9 Dicembre in tutti i Digital Stores “Vorrei Saperti Amare” il nuovo lavoro di Salvatore Sorvillo. Il giovane cantante atellano in questo prodotto edito dalla Deluxe Edition affronta tematiche ed argomenti a lui molto cari. C’è, infatti, la title track “ Vorrei Saperti Amare”, canzone autobiografica che mette in evidenza la propria adozione, mentre  “Come Sempre”, è un brano dedicato alla seconda famiglia di Sorvillo: l’Arma dei Carabinieri. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 17