ORTA DI ATELLA

Orta di Atella, PD sull’emergenza rifiuti:”adesso basta! Nei prossimi giorni presenteremo una proposta per risolvere il problema”

11:43

pdOrta di Atella. Riceviamo e pubblichiamo dal Circolo del Partito Democratico di Orta di Atella.

Ancora una volta i cittadini di Orta di Atella sono costretti a convivere con l’ennesima emergenza riguardante la raccolta rifiuti. Ancora una volta, e per di più nei giorni più caldi dell’anno, le strade di Orta di Atella sono invase da sacchetti della spazzatura che non vengono raccolti a causa delle proteste dei lavoratori ecologici che non vedono pagati con regolarità i salari a loro dovuti.

Per quanto tempo e quante altre volte ancora i cittadini Ortesi dovranno vivere una emergenza che ormai si ripete ciclicamente da diversi anni?

Possibile che non si riesce a risolvere un problema di cui le cause sono note a tutti ormai da anni?

Possibile che non si affronti mai seriamente il tema della soluzione di  quel nodo che vede incrociati i costi della raccolta rifiuti con i tributi (enormi) dovuti dai cittadini e quindi con le spettanze della società preposta alla raccolta e i suoi dipendenti?

Possibile che non si sia mai fatta una analisi vera e puntuale sui motivi per cui ad Orta di Atella vi siano costi così abnormi per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti e perché questi costi puntualmente non vengono coperti nemmeno per la metà?

Adesso basta!

I cittadini Ortesi sono stanchi di pagare una tassa rifiuti altissima e di vivere continuamente in emergenza!

Le istituzioni, le forze politiche e sociali devono farsi carico di un problema che non è più rimandabile e dare ai cittadini una soluzione che gli permetta di vivere in un territorio pulito e contestualmente alleggerire il carico tributario che grava nelle loro tasche.

Il Partito Democratico presenterà nei prossimi giorni una proposta a tutta la cittadinanza che speriamo sarà da stimolo per un confronto che trovi le soluzioni definitive al problema per il futuro.

FacebookTwitterGoogle+Share

Succivo,XV giornata dell’insieme:visita del Vescovo Spinillo per la prima giornata,oggi convegno sulle diversità e concerto di Giovanni Sorvillo

15:08

casadellavita2Succivo. E’ stata una visita d’eccellenza, quella che hanno ricevuto ieri i ragazzi e i volontari di “Casa della Vita” per il primo giorno della XV edizione della giornata dell’insieme, che è iniziata ieri e che proseguirà per tutto il weekend.

Per l’avvio della manifestazione, infatti, è arrivato a Teverolaccio il Vescovo di Aversa, Mons. Angelo Spinillo, che si è intrattenuto con i ragazzi e con i volontari dell’associazione, facendo sentire, come sempre, la propria vicinanza alle importanti realtà associative del territorio. La giornata è poi preseguita con la Santa Messa, celebrata dal Parroco della Parrocchia della Trasfigurazione di Succivo, Don Crescenzo Abbate, nella sala convegni del Casale di Teverolaccio. Il primo giorno si è concluso con l’apertura della torta per i 25 anni di attività e l’esibizione dei ragazzi dell’associazione in balli latino americani, curata da Maria Liguori.

Questo il ricco programma di oggi, venerdì 16 giugno, seconda giornata:

ore 19:00 Apertura della mostra “25 anni di attività” a cura di Gianfranco Di Costanzocasadellavita1

Ore 19:15 Incontro sul tema “Uguali nelle diversità: tutti nello stesso sentiero, ognuno con il proprio passo”. Interverranno: Onorevole Gennaro Oliviero, consigliere regionale campania; Avv. Gianni Colella, Sindaco di Succivo; Dott. Nicola Graziano, Magistrato, Dott.ssa Emilia Narciso, Presidente provinciale Unicef Caserta, Prof. Antonietta Adamo e Pasquale Di Costanzo, soci fondatori dell’associazione “Casa della Vita”, Dott. Gennaro Capasso, Presidente Associazione “Casa della Vita”. L’incontro sarà moderato da Idio Urciuoli di atellanews.it. Al termine sarà consegnato il premio “Enea”.

ore 20:00 apertura dello stand gastronomico “Fritto misto” a cura dei soci e volontari dell’associazione “Casa della Vita”

ore 21:15 Concerto dei “Tiempo Antico” di Giovanni Sorvillo

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. Arresto Brancaccio 21 indagati a piede libero. C’è anche l’ex sindaco Del Prete

18:32

angelo-brancaccioOrta di Atella     Di seguito i nomi degli indagati coinvolti nell’operazione che stamattina ha portato all’aresto dell’ex sindaco di Orta di Atella, Angelo Brancaccio. Si tratta di 21 persone tutte a indagate a piede libero. Ecco l’elenco.

Aprovitola Domenico, Aprovitola Francesco, Aprovitola Giuseppe,Cacciapuoti Andrea, Ciccarelli Antonio, Ciccarelli Gennaro, Ciccarelli Olimpia, Ciccarelli Vincenzo, Clemente Raffaele, Concilio Domenico, Concilio Isidoro, Concilio Roberto, Del Prete Salvatore ex sindaco di Orta di Atella,  Diana Teresa, D’Alterio Paolo, Di Santillo Irene,  Esposito Michele,  Iannone Amalia, Letizia Raffaele, Lucariello Maria Grazia,  Mundo Salvatore.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, voti in cambio di licenze edilizie:arrestato questa mattina Angelo Brancaccio

11:25

angelo-brancaccioOrta di Atella. Arrestato questa mattina Angelo Brancaccio, ex sindaco di Orta di Atella ed ex consigliere regionale della Campania, per associazione di stampo mafioso. E’ accusato di aver avuto rapporti con il clan Russo-Schiavone e Mallardo di Giugliano durante il periodo delle elezioni amministrative.

Brancaccio avrebbe garantito, in cambio della sua rielezione, la speculazione edilizia sul territorio ortese tramite il rilascio di permessi a costruire illegittimi, concessì, cioè, in assenza del PUC. In questo modo, la popolazione di Orta di Atella è praticamente raddoppiata, passando da circa 13000 abitanti (2001, dati istat) ai 24700 dell’ultimo censimento istat, tuttavia, però, in modo incontrollato, senza servizi e con un conseguente aumento dei fenomeni di microcriminalità.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, giovedì al centro studi “Stanzione” sarà inaugurata la mostra “Experimenta – dialoghi astrattisti”

8:35

mostra astrattismo geometricoOrta di Atella. Giovedì 15 giugno, alle ore 18:00 presso il Centro Studi ‘Massimo Stanzione’ sarà inaugurata la mostra ‘EXPERIMENTA – Dialoghi astrattisti’ che è stata organizzata d’intesa tra l’ ‘Istituto di Studi sull’Astrattismo e l’Aniconismo’ ed il ‘Convicinio di Orta’.

La mostra è curata da Rosario Pinto che svolgerà una relazione sul tema ‘Il tempo nella prospettiva astrattista da De Stijl ad Astractura’ . In esposizione, opere di: A. Bellani, L. Bocca, M. Bonolis, G. Cotroneo, M.R. Esposito, F. Gallo, M. Lanzione, M. Marzo, A. Minervini, C. Novaco, A. Salzano, S. Starace.

Questa occasione espositiva intende riflettere su alcuni aspetti della ricerca astrattista del XX secolo e degli sviluppi attuali che essa consente di apprezzare, considerando, in particolare il lungo percorso seguito dalla pratica astrattiva a muovere dalle ricerche di ‘De Stijl’, che viene fondato nel 1917, fino alle ricerche astracturiste dei nostri giorni, seguendo un fil rouge che va dalla ortogonalità mondrianiana fino alla riflessione astracturista sulle dinamiche del linearismo e delle prospettive cronotopiche.

La mostra segna l’avvio del processo di cooperazione tra il ‘Convicinio di Orta’ e l’ ‘Istituto di Studi sull’Astrattismo e l’Aniconismo – Isiclass’, processo di cooperazione che tende a sviluppare non soltanto occasioni ed opportunità di scambi di esperienze espositive, ma anche di coordinamento di ricerche, di archiviazioni di dati e, più in generale, di sinergia culturale per lo studio e la promozione della ricerca artistica.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella: il 17 Giugno la presentazione del libro “Tutte le promesse” di Raffaele Mozzillo

17:29

libro mozzilloOrta di Atella      Sabato 17 Giugno alle ore 19,00 al Centro Studi Massimo Stanzione  presentazione del libro di Raffaele Mozzillo: Tutte le promesse, edizione effequ.

Primo pensiero: non si dovrebbero fare osservazioni su questo romanzo. Non si dovrebbe dire nulla. Ma viverlo attraverso le parole. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, Citta Visibile:”Una politica chiara e trasparente per ritornare un paese normale”

19:23

cittavisibileOrta di Atella. Riceviamo e pubblichiamo dal collettivo “Città Visibile” di Orta di Atella.

La situazione politica e sociale di Orta di Atella ha bisogno, in questa fase quanto mai delicata, di trasparenza e atteggiamenti chiari e riconoscibili. Mai in politica si dovrebbe preferire l’accordo sottobanco ad un’intesa aperta e stipulata alla luce del sole, ma riteniamo che, in questo determinato periodo storico, questa esigenza sia ancora più urgente.

 Tutti sappiamo cosa ha passato il nostro paese sotto l’aspetto finanziario, urbanistico e culturale e parlarne, per quanto qualcuno possa non concordare, non è né superfluo né stucchevole, ma è un esercizio di memoria che serve per costruire il futuro, avendo ben chiaro cosa non vogliamo essere e cosa non vogliamo più fare.

Non è nostra intenzione dividere Orta di Atella in buoni e cattivi, ma non ci si può chiedere neanche di dimenticare il passato con la filosofia del “Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato”, perché noi sappiamo bene che “chi ha avuto” lo ha sottratto alla vivibilità e al patrimonio di un’intera cittadinanza. “Chi ha dato”, ha pagato un prezzo troppo alto.

 Il nostro Collettivo ha un nome che è una dichiarazione politica: Città Visibile.

 Ci chiamiamo così perché ispirati da un passo de “Le Città Invisibili” di Italo Calvino che parlando dell’Inferno quotidiano suggerisce due modi per uscirne. “Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più” e questo è quello che qualcuno ci invita a fare, “Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.”

Questo il nostro manifesto politico, il criterio con cui ci predisponiamo anche verso le altre forze politiche per costruire un’altra città, una città normale, una città visibile.

 Non possiamo avere nulla in comune con quei movimenti e laboratori politici che nascono dopo “serie e stringenti riflessioni” ma sempre e solo quando si profila la tornata elettorale ed hanno come obiettivo non quello di costruire ma quello di vincere. Non è giusto che questo paese dopo anni sia ancora orfano di proposte politiche e pieno solo di capi bastone e portatori di voti. Non è giusto per Orta di Atella, non è giusto per gli ortesi.

 Non possiamo avere nulla in comune perché crediamo che la nostra Città abbia in sé ancora delle forze inespresse, abbia ancora delle capacità, sia fatta ancora da cittadini disposti a mettersi al servizio del popolo e non abbiano come ultimo scopo quello di servirsi del popolo.

Non possiamo avere nulla in comune perché crediamo che nella nostra Città ci siano ancora delle energie figlie di quella politica che preferiva l’interesse pubblico a quello privato, le idee e la sfida di una proposta politica ai voti che un singolo “signore dei voti”  possa portare in dote.

Non possiamo avere nulla in comune perché crediamo che il popolo ortese abbia la voglia e la necessità di fare una scelta politica chiara e culturalmente onesta e siamo convinti che la proposta che vogliamo costruire possa avere questi requisiti.

 Non possiamo e non vogliamo avere nulla in comune con le “gioiose macchine da guerra”, ma vogliamo invece mettere in comune il nostro tempo e le nostre idee con chi voglia condividere con noi un percorso politico che vada oltre questa tornata elettorale e sia legato alle radici culturali di Orta di Atella.

Ci siederemo da persone libere con persone libere, per porre al centro la questione di un paese che prima di tutto va liberato da vecchie trame e da grigi suggeritori che per anni,senza mai esporsi, hanno sussurrato alle orecchie di chi amministrava.

 Vogliamo costruire una forza inclusiva, che sia basata sulla politica e sulla credibilità delle persone. Non faremo questioni di lana caprina, a patto che si abbia come discriminante la messa in discussione dei modelli finanziari, culturali e urbanistici che fino all’ultimo PUC hanno spadroneggiato nella discussione amministrativa, con quelle forze che si prefigurano come continuità o addirittura ne vogliono raccogliere l’eredità. Contro questi alzeremo muri e verso queste persone non abbiamo altro da dire che “Ci vediamo sulle barricate”.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. Ruba oggetti di valore nelle case in cui lavora. Arrestata 41enne

17:35

arresti-carabinieri-donna-696x388Orta di Atella.     Nel comune di Sant’Antimo, al termine di attività info-investigativa, i militari locale tenenza deferivano in stato di libertà per il reato di furto aggravato A. A. 41enne di Orta di Atella.

La donna è ritenuta responsabile della commissione di alcuni furti di monili in oro (collane, anelli e bracciali ecc.), del valore complessivo di circa 20.000,00, perpetrati, tra Aprile e Maggio del corrente anno, all’interno di due abitazioni di Sant’Antimo, dimore presso le quali la donna aveva lavorato in qualità di domestica.

L’attività di indagine ha consentito di recuperare e sequestrare parte della refurtiva trafugata, pari a circa 1.000,00 euro, rinvenuta presso un negozio “compro oro”, ubicato a Grumo Nevano, esercizio commerciale presso il quale la stessa l’aveva regolarmente rivenduta.

FacebookTwitterGoogle+Share

C@ambiAMOrta: “Per cambiare Orta non occorrono nè muri nè barricate”

14:27

cambiamortaOrta di Atella      Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento C@mbiAMOrta.

Non è nelle nostre intenzioni alimentare sterili ed improduttive polemiche né, tantomeno, assumere il ruolo di critici spietati delle vostre posizioni e delle vostre considerazioni politiche.

Al contrario desideriamo o meglio auspichiamo un confronto civile e sereno per riflettere insieme sul momento, l’ennesimo, delicato e difficile che si accinge ad affrontare il nostro paese e concordare le linee direttrici utili e indispensabili per orientare una progettazione territoriale che restituisca certezze e serenità alla nostra comunità. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

C@ambiAMOrta: ” Sceneggiata Pentastellata”

16:36

cambiamortaOrta ai Atella    Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento C@mbiAMOrta.Tralasciamo ogni commento a proposito della marcia “francescana”, così colma di buoni propositi, della vostra  originale e divertente “sceneggiata”, delle ridicole disquisizioni grammaticali sul verbo “AMARE” e del tentativo goffo e puerile di attribuirvi l’esclusività di una “chiocciolina” che, per quanto ci risulta, è patrimonio dell’intera umanità, per ritornare alla dura realtà del nostro territorio ed ai problemi che lo stanno soffocando in una stretta mortale. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO- Orta di Atella: La Festa dei Popoli alla Direzione Didattica. Lo speciale di Atell@news

16:35

fetsa dei popoliOrta di Atella     Colori, balli, canti, divertimento, solidarietà e voglia di stare insieme. Tutto questo è stata la seconda edizione della “Festa dei Popoli“, organizzata dalla Direzione Didattica di Orta di Atella. Nei nostri servizi le parole della dirigente scolastica della Dirigente Scolastica Maria De Marco e di alcuni bambini dell’istituto atellano.

FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 12