ATTUALITA’ – Pagina 2

Orta di Atella. Sit in degli aventi diritto agli assegni di cura. Interviene il commissario straordinario. Si apre uno spiraglio per il pagamento

19:58 Orta di Atella     Sembra aprirsi finalmente uno spiraglio nella drammatica situazione dei dodici aventi diritto agli assegni di cura residenti nel Comune di Orta di Atella. Nel primo pomeriggio di oggi una delegazione di questi cittadini si è recata presso la casa comunale per un sit-in. Appena giunto sul posto il commissario straordinario del centro atellano, il dottor Vincenzo Lubrano, ha ricevuto ed ascoltato le ragioni dei manifestanti. (altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Mercoledì 31 Gennaio alla Camera dei Deputati si celebrano i 20 anni di PulciNellaMente, alla presenza del Ministro Valeria Fedeli e del Maestro Pupi Avati

9:56 Sant'Arpino     Venti  anni di magia, di sogni, di colori e fantasia. Venti anni di grandi incontri, di testimonianza, di impegno civile, ma soprattutto venti anni di tavole di palcoscenico, di pellicole e di desiderio di raccontare la vita attraverso lo sguardo e la creatività delle nuove generazioni. Tutto questo, e molto altro, è PulciNellaMente, tra le più importanti Rassegna di Teatro-Scuola di Italia, che nel 2018 taglia il prestigioso traguardo delle prime due decadi. (altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Edifici scolastici. C@mbiAMOrta scrive al commissario straordinari “Assicurare un dignitoso diritto allo studio”

16:28 Orta di Atella    Di seguito riportiamo il testo della missiva inviata dai componenti del laboratorio politico C@ambiAMOrta al Commissario Straordinario, Vincenzo Lubrano, inerente la situazione degli edifici scolastici. "I componenti del laboratorio politico “C@mbiAMOrta”, con l’intendimento di assicurare alla S.V. in indirizzo un contributo costruttivo sulla soluzione delle diverse problematiche che affliggono il nostro territorio, intendono con la presente sottoporre alla sua attenzione alcuni suggerimenti operativi sulla gravissima problematica indicata in oggetto. (altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. C@ambiAMOrta scrive al commissario Lubrano : “Emergenza rifiuti. Si decurtino gli importi della TARI 2017”

23:47 Orta di Atella    Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata dal Lavoratorio Politico C@ambiAMOrta al Commissario Prefettizio,  Vincenzo Lubrano. "Il LABORATORIO POLITICO “C@mbiAMOrta”, in riferimento ai gravissimi disagi per la nostra comunità che si sono verificati nelle frequenti sospensioni del servizio di raccolta rifiuti relativo all’anno 2017, richiede alla S.V. in indirizzo di provvedere, nel rispetto della normativa vigente (art. 1 Legge n. 147 del 27/12/2013 e Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27/01/1994 avente ad oggetto “Principi sull’erogazione dei servizi pubblici”), ad effettuare le seguenti decurtazioni sull’importo TARI 2017 di ogni singolo contribuente:
  • Quota parte TARI per la sospensione del servizio di raccolta rifiuti per giorni 30 come accertato dal locale Comando di Polizia Municipale, attraverso sopralluoghi corredati da rilievi fotografici.
  • Quota “spese notifica” pari ad €. 3,17 per ogni singolo contribuente.
(altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, l’ex sindaco Brancaccio condannato a 8 anni di reclusione

10:05 Orta di Atella. E' stato condannato a 8 anni di reclusione Angelo Brancaccio, ex sindaco di Orta di Atella, arrestato lo scorso 13 giugno per associazione a delinquere di stampo mafioso. Questa la sentenza del Gup al termine del processo con rito abbreviato. La richiesta dei pubblici ministeri Pattrizia Dongiacomo e Luigi Landolfi era di 12 anni. L'accusa è di aver avuto rapporti con il clan dei casalesi e dei Mallardo, dai quali avrebbe ricevuto favori elettorali e collaborazione per le speculazioni edilizie. Grazie all'ex sindaco, che con i favori dei clan vinceva le elezioni con percentuali bulgare, per i giudici i clan hanno compiuto una speculazione edilizia edificando indiscriminatamente sull'80% del territorio ortese attraverso il rilascio di permessi a costruire illegittimi in assenza di PUC. Le società a cui venivano concessi i permessi a costruire erano riconducibili al referente del clan dei casalesi sul territorio, Giuseppe Russo, e al clan dei Mallardo. Ad incastrare Angelo Brancaccio sarebbero stati i vari collaboratori di giustizia: Orlando Lucariello, Pasquale Vargas e Luigi D'Ambrosio. Lucariello, su Brancaccio, dichiarò agli inquirenti:"E' più camorrista che politico, per il modo in cui ha gestito gli appalti sui territori di Orta e soprattutto per gli strettissimi rapporti che aveva con gli uomini dei clan". L'edilizia selvaggia ha provocato un esponenziale incremento demografico della popolazione ortese, che dal 2001 al 2011 è aumentata di circa 10mila unità, e la vendita di appartamenti a prezzi molto bassi, costruiti in aree completamente prive di servizi essenziali.  
FacebookTwitterGoogle+Share

Salvatore Lioniello pizzaiolo ufficiale del Festival di Sanremo

12:40

lionielloOrta di Atella          Nuovo prestigioso traguardo  per Salvatore Lioniello, il pizzaiolo di Orta di Atella in procinto di aprire il suo nuovo locale a Succivo. Lioniello è stato scelto infatti come pizzaiolo ufficiale del Festival di Sanremo a Casa Sanremo. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella sommersa dall’immondizia: l’emergenza rifiuti diventa preoccupante

17:33

immondizia orta 2Orta di Atella. Strade piene di rifiuti e, in qualche caso, portoncini inaccessibili per i sacchetti dell'immondizia accumulati che ostruiscono i passaggi pedonali. Così si presentava Orta di Atella questa mattina, una città in piena emergenza rifiuti.

Emergenza partita il 16 dicembre scorso con l'arrivo in Comune del documento del consorzio Ci.te (vincitore della gara d'appalto per il servizio di raccolta rifiuti) in il consorzio, adducendo un credito vantato tale da far considerare il Comune di Orta di Atella gravemente inadempiente, diffidava lo stesso al pagamento della somma vantata entro 15 giorni e comunicava la sospensione unilaterale del servizio ex art 1460 del C.C. in caso di mancato pagamento. Iimmondizia orta 3l 20 dicembre il consorzio Cite comunicava che a decorrere dal 21 dicembre si sarebbe limitato solo ad effettuare le prestazioni essenziali. Il giorno dopo, il 21 dicembre, il settore ambientale del Comune di Orta di Atella diffidava il Consorzio a voler effettuare tutte le attività previste dal contratto trattandosi di un servizio pubblico essenziale necessario per la salvaguardia della salute pubblica. Il 22 dicembre il consorzio rispondeva alla nota del settore ambiente ribadendo la sospensione del servizio e preannunciando di adire il giudice per la risoluzione coattiva del contratto. Il 22 dicembre Il dirigente del settore finanziario e il dirigente dell'area immondizia orta 4tecnica di Orta di Atella, a seguito di un controllo sulla documentazione presentata dal consorzio hanno appurato che il credito risultante è di gran lunga inferiore a quello richiesto dal consorzio e che, inoltre, sarebbe riferito in parte a crediti presunti non dovuti e in parte a crediti certificati con scadenza successiva al 31 gennaio 2018. Il 27 dicembre il Comune diffidava ulteriormente il Consorzio Ci.te a riprendere ad horas lo svolgimento del servizio ma, nello stesso giorno, il consorzio confermava la sospensione del servizio. Il 29 dicembre il Comimmondizia orta 5missario Straordinario, Vincenzo Lubrano, affidava ad un consorzio con sede in Pagani il servizio straordinario di rimozione dei rifiuti giacenti sul territorio comunale per 5 giorni al prezzo di 7mila 500 euro al giorno oltre iva. C'è da evidenziare, infine, che gli operatori ecologici che prestavano servizio per il consorzio Ci.te continuano ad essere in protesta all'esterno del Comune (che è presidiato da polizia e carabinieri) in via Petrarca poichè sono in ferie forzate e non percepiscono lo stipendio da diversi mesi.

imfu

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, conclusi i saggi conoscitivi sulle pareti di Palazzo Ducale, scovate numerose opere

15:40

affreschi1S.Arpino.D’intesa con la soprintendenza abbiamo completato i saggi sulle pareti del Palazzo Ducale. Togliamo i veli alla bellezza, per augurarci un anno nuovo senza pallottole vaganti, senza roghi tossici. Diventiamo orgogliosi della nostra storia, un tesoro da scoprire e rivalutare. La bellezza è nascosta dietro il grigiore che ci circonda.Dove troveremo i soldi per il restauro degli affreschi non lo sappiamo ancora. Ma la speranza si rinnova nel futuro che nasce” così il sindaco di Sant'Arpino, Giuseppe Dell'Aversana, ha  annunciato la fine della prima parte dei lavori che hanno riguardato gli affreschi al primo piano del Palazzo Ducale Sanchez De Luna di Sant'Arpino.

I due restauratori che hanno eseguito iaffreschi2 lavori, Antonio Colella e Salvatore Liguori, hanno effettuato, nelle ultime settimane, il descialbo di alcune piccole parti di parete al primo piano del palazzo storico santarpinese attraverso tecniche a secco. Numerose sono le opere che i due professionisti hanno scovato sulle pareti del palazzo che, come evidenzia la determina che ha affidato l’incarico ai restauratori, sarebbero state coperte da pitturazioni eseguite, per negligenza ed ignoranza, durante la metà del secolo scorso.

"In seguito alla campagna di saggi eseguiti sulle volte poste nell’ala sita al primo piano nel complesso del palazzo ducale Sanchez De Luna di Sant’Arpino - hanno dichiarato Colella e Liguori - , abbiamo potuto evincere la presenza di varie decorazioni, sia a tempera che ad affresco, affreschi3anche sovrapposte l’una all’ altra non coeve tra loro, cosa che fa pensare ai vari passaggi di personalità nel palazzo. Stiamo realizzando la giusta documentazione da porre all’attenzione della soprintendenza che deciderà se e cosa preservare dei decori fuoriusciti”

Sarà quindi la soprintendenza ai beni culturali di Caserta ora a decidere se e come proseguire. La stessa soprintendenza che ha sollecitato il comune di Sant'Arpino ad iniziare i saggi per garantire una migliore conservazioaffreschi4ne delle opere che, come hanno evidenziato i due professionisti atellani, in molti casi sarebbero sovrapposte tra loro poichè . Osservazione che è stata fatta negli ultimi giorni anche da Antonio Dell'Aversana dell'associazione Aderula che ha inoltre anche spiegato una delle opere che i due restauratori hanno trovato al primo piano del Palazzo Ducale :"Dai saggi degli affreschi del Palazzo Ducale, è emersa l'impresa della Famiglia Sanchez De Luna. Per Impresa si intende un Disegno allegorico che racconta le gesta di un Nobile e della sua stirpe. Alonzo Sanchez De Luna, all'epoca Marchese di Grottole e Gran Tesoriere del Regno di Napoli, "alzo' " come simbolo Ercole che lotta contro l'Idra dalle 7 teste ed il motto VIX HERCULES (Neppure Ercole) per motivi legati al suo incarico. Avendo i "restauratori" intaccato già vari strati degli affreschi da ricercare, speriamo che "ci restituiscano" qualcosa di realmente storico e non raffazzonato".

FacebookTwitterGoogle+Share

Contrabbando. Arrestato pregiudicato di Orta di Atella con 33 kg di sigarette

17:29

sigarette contrabbando ortaOrta di Atella    La Compagnia della Guardia di Finanza di Capua, nell’ambito di un servizio di controllo economico del territorio, ha sottoposto a sequestro 33 kg circa di sigarette di contrabbando, traendo in arresto un soggetto per l’illecita detenzione dei tabacchi destinati alla vendita locale. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Pauroso schianto fra Casapozzano e Marcianise. Cinquecento urtata si ribalta.

22:06

inicente-casapozzano-bis5Orta di Atella      Paura pochi minuti fa lungo la strada provinciale che collega Orta di Atella, in particolare la frazione di Casapozzano, con Marcianise. Erano da poche trascorse le 21:00 quando, di fronte all'opificio che ospitava l' Edil Atellana, una Fiat Cinquecento è stata tamponata da un'altra autovettura. A seguito dell'impatto l'utilitaria si è ribaltata finendo nei campi ai margini della carreggiata. Il conducente dell'autovettura che ha provocato l'incidente si è immediatamente dileguato. Sul posto sono giunti i militari della locale stazione dei carabinieri. Nessuna conseguenza, fortunatamente, per l'uomo alla guida della Cinquecento che subito dopo l'incidente è uscito dalla macchina con le proprie gambe.

FacebookTwitterGoogle+Share

La sfida di Pasquale D’Orazio: volare al campionato mondiale della pizza di Las Vegas

9:07

CONOCORSO D'ORAZIOSuccivo    Una durissima battaglia a colpi di like su facebook per entrare a far parte del dream team dei pizzaioli italiani e volare a Las Vegas al “Pizza Expoil campionato mondiale della pizza.

E’ questo il sogno del pizzaiolo atellano Pasquale D’Orazio del Ristorante Pizzeria New Old Village di Succivo. La formula è semplice, come altrettanto facile è aiutare D’Orazio.

Basta collegarsi, entro il prossimo 30 Novembre, sulla pagina facebook di Polselli-La Farina  aprire l’album fotografico “Vola a Las Vegas 2018” e mettere mi piace sulla foto di D’Orazio e della sua pizza, quella che vedete anche in questo articolo. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 4 10