CULTURA – Pagina 3

Area Atellana. Domani la Festa dell’Albero all’ex Vasca di Castellone

20:17

festa-dellalberoAgro Atellano     Si terrà domani, presso l’Ex Vasca Castellone, Domenica 11 Dicembre dalle ore 9, la Campagna Nazionale di Legambiente “Festa dell’Albero”.

L’iniziativa che vede l’attiva collaborazione delle Amministrazioni Comunali di Sant’Arpino, Succivo ed Orta di Atella, coinvolgerà i bambini delle scuole elementari ed i volontari dell’Associazione di Volontariato Geofilos e di altre associazioni atellane, nella realizzazione di una siepe che farà da barriera all’inquinamento da traffico veicolare generato nelle arterie immediatamente confinanti con l’area verde. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Al via la tre giorni di PulciNellaMente winter edition con Antonio Lubrano

8:33

pulci-winterAgro Atellano   Al via “PulciNellaMente, winter edition”, progetto culturale elaborato dai comuni atellani di Sant’Arpino, Orta di Atella e Frattaminore, e finanziato dalla Regione Campania con i fondi del Programma Operativo Complementare (POC) 2014-2020 – Linea Strategica 2.4 “Rigenerazione Urbana, Politiche Per Il Turismo e Cultura”.

(altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, domenica prossima il centro studi “Stanzione” presenterà “Il sogno di Safiyya”, ultimo libro del giornalista Nuccio Franco

6:36

locandina-nuccioOrta di Atella. Domenica 20 Novembre alle ore 18,00, il Centro Studi Massimo Stanzione di Orta di Atella presenterà il libro del giornalista romano Nuccio Franco: Il sogno di Safiyya, ed. Arkadia. Relatori della serata saranno la giornalista Annalisa Ucci, l’arch. Mario Di Lorenzo, entrambi attenti osservatori delle dinamiche sociali e del pluralismo religioso, ed il Direttore Alessandro Di Lorenzo, moderatore della Kermesse.

Il libro prende spunto dalla storia d’amore tra l’islamica Safiyya e l’ebreo Yoshua, che cercano di superare le barriere poste dalla società e dall’atavica distanza che da secoli divide le loro rispettive confessioni. Sullo sfondo di questa intensa storia d’amore si dipana il concetto di tolleranza e rispetto tra le diverse religioni. L’autore, grazie ad un lessico semplice ma non scontato, una grammatica ed una sintassi ben articolata e leggiadra nell’esposizione, riesce ad esprimere egregiamente la teoria del pluralismo religioso che significa andare oltre il testo scritto, ovvero giungere alla Verità non attraverso la “lettera” ma attraverso lo “spirito”. Dal libro del Nuccio si evince così l’importanza fenomenologica dell’esperienza, a discapito dell’elemento dottrinale, quale base imprescindibile della libertà di religione.

Il viaggio che l’autore descrive a Nevé Shalom ci descrive anche una possibile convivenza tra diverse confessioni, demolendo così gli assurdi assiomi concettuali degli stati teocratici.

Il romanzo è un’esplosione di filantropia, di rispetto tra gli esseri umani e di amore verso il prossimo, fattori costitutivi di un uomo/giornalista che ha fatto della sua vita una continua ricerca dell’Essere!

Supporters dell’evento saranno l’Ass. Ex Alunni Liceo Classico F. Durante, l’Associazione Italiana di Cultura Classica delegazione di Frattamaggiore e Atella TV.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, giovedì presentazione del libro “Loro diranno, noi dicamo” di Zagrebelsky e Pallante

10:25

coverOrta di Atella. Giovedì 27 Ottobre alle 19:30 si terrà, presso il Chiostro del Convento dei Frati Minori in P.zza San Salvatore a Orta di Atella, la presentazione del libro “Loro diranno, noi diciamo” di Gustavo Zagrebelsky e Francesco Pallante.

All’incontro organizzato dal Collettivo Politico Culturale “Città Visibile”, all’interno della rassegna “Pretesti per Parlarne”, parteciperanno l’autore Francesco Pallante, professore di Diritto Costituzionale presso l’Università di Torino e Giuseppe Cerreto, del Collettivo Città Visibile e responsabile del Comitato Atellano per il NO. Modererà l’incontro Renato Briganti, professore di Diritto Pubblico.

Loro diranno, noi diciamo è un libro quanto mai attuale, che servirà da spunto per parlare di politica, Costituzione e soprattutto del Referendum Costituzionale su cui saremo chiamati ad esprimerci il 4 Dicembre.

Nel saggio, diventato il manifesto delle ragioni del NO alla riforma, gli autori argomentano contro le modifiche della Costituzione – di cui si vorrebbero cambiare ben 47 articoli (oltre un terzo del totale) – e contro la legge elettorale, per il rinnovamento di una democrazia partecipata. Oltre alle critiche di merito (contraddizioni, errori concettuali, complicazione del sistema), vengono messe in evidenza le forzature procedurali che hanno connotato il percorso di approvazione delle due leggi. Ne emerge un quadro tutt’altro che rassicurante: le nuove regole del gioco politico risultano essere, a giudizio degli autori, sempre più un’imposizione unilaterale basata su rapporti di forza incostituzionali – leggi approvate in tutta fretta e al costo di qualunque forzatura.
Il libro si chiude offrendo al lettore il confronto, articolo per articolo, del testo della Costituzione vigente con quello che scaturirebbe dalla riforma. Ciò allo scopo di offrire al cittadino una chiara visione d’insieme del nuovo dettato costituzionale.
Una presentazione che va nel solco dell’impegno nella campagna referendaria per il NO, nella quale il Collettivo Città Visibile è impegnato, essendo tra i promotori del Comitato Atellano per il NO.
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta, domenica il centro studi “Stanzione” presenterà il libro “Pisacane – lettere al fratello Borbonico 1847-1855”

14:54

pisacane-ortaOrta di Atella. Domenica 9 ottobre alle ore 18,00 il Centro Studi Massimo Stanzione presenterà il libro di Carmine Pinto, Silvia Sonetti, dell’Università di Salerno e di Ernesto Maria Pisacane, discendente del noto eroe risorgimentale: “PISACANE – LETTERE AL FRATELLO BORBONICO 1847-1855”, edizioni Rubbettino. Il dibattito sarà moderato dal Direttore del Centro Studi Alessandro Di Lorenzo. Molte delle lettere presenti nel testo sono inedite e provengono dall’archivio della famiglia Pisacane. La scelta di presentarlo ad Orta di Atella è stata dettata dalla volontà di volere omaggiare la cittadina che diede i natali alla compagna del Pisacane: Enrichetta di Lorenzo. Le lettere conducono il lettore in una sfera personale di affetti dei due fratelli Pisacane: Filippo e Carlo, ma al contempo rendono ancora più chiare le ragioni delle loro antitetiche scelte politiche. Filippo, infatti, fratello maggiore, dedicherà tutta la sua vita alla causa lealista e alla monarchia borbonica, essendo un ufficiale degli Ussari, fino all’epilogo dei fatti di Gaeta e il successivo esilio a Marsiglia, mentre, di converso Carlo affiderà al suo triste destino della spedizione di Sapri il suo più alto inno alla rivoluzione italiana e allo stato unitario. Nel 1849 i due fratelli rischiarono anche di combattere su fronti opposti presso Velletri, durante la repressione della Repubblica Romana. Nonostante le divergenze politiche, i due seppero amarsi e rispettarsi, e nessuno cercò mai di dissuadere l’altro nelle proprie scelte di campo. Carlo divenne così l’eroe sfortunato tanto acclamato dal Risorgimento, mentre Filippo condusse i suoi ultimi giorni come Generale borbonico in esilio, dove riuscì a vivere grazie ad un vitalizio concessogli da Francesco II. Dalle lettere emerge l’indole indomita ed amorevole della Enrichetta, che continuava a scriverle insieme all’amato Carlo. Dall’epistolario traspare anche evidente il ruolo dei Di Lorenzo nella lotta risorgimentale e soprattutto il loro rapporto con la famiglia ebrea-tedesca dei Rothschild, ai quali i due fuggiaschi chiesero spesso aiuto durante il loro peregrinare errante per l’Europa.

L’evento ha come supporters l’Associazione Ex Alunni Liceo Durante, l’AICC delegazione di Frattamaggiore ed Atella TV.

FacebookTwitterGoogle+Share

Lo studente di Orta Marco Ciccarelli protagonista del mondo delle app

14:18

marco-ciccarelliOrta di Atella    Fino a poche settimane fa nel descrivere l’apporto del giovane studente di Orta di Atella, Marco Ciccarelli, al mondo delle nuove tecnologie si poteva a giusta ragione parlare dell’opera di una giovane promessa. Ma in questo scorcio di Settembre si può senza tema di smentita definire l’operato di Ciccarelli come quello di una vera e propria realtà consolidata. Infatti per il ventiduenne studente di informatica presso l’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”, ormai è un susseguirsi di riconoscimenti sia dal mondo Apple che da quello Android, che testimoniano la bontà delle intuizioni e soprattutto dei progetti che diventano realtà del Ciccarelli. In queste settimane è, infatti, tutto un susseguirsi di approvazioni per applicazioni che svariano a 360 gradi dalle consulenze per giochi e strumenti connessi alle nuove tecnologie, a quella per trovare gli ospedali e le cliniche più vicine, fino ad un catalogo contenente le migliori battute delle nuove leve della comicità made in Napoli. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta, Stefano Caiazza conquista un buon quinto posto al primo trofeo “Pizza della Fiera Vesuviana”

19:36

San Gennaro Vesuviano. stefanocaiazza E’ stato assegnato oggi il primo trofeo “Pizza della Fiera Vesuviana di San Gennaro” che ha visto scontrarsi ben 60 pizzaioli campani su due tipologie di pizza: “margherita” e “classica” (con gusto e impasto a scelta).

La competizione vesuviana ha visto gareggiare anche un pizzaiolo di Orta di Atella, Stefano Caiazza (Pizzeria “Antico Palazzo”, Via S. Donato, 61, 81030 Orta di Atella CE) , che ha ben figurato con il suo quinto posto finale. “Speravo in un migliore piazzamento ma va bene così – dichiara il pizzaiolo di Orta – considerando anche che eravamo oltre 50 a gareggiare e che la competizione non è stata semplice”.

La fiera vesuviana è una delle più antiche della campania, arrivata all’edizione numero 403, ed ha avuto quest’anno il suo Primo Trofeo della Pizza, organizzato da Gennaro e Angelo Catapano e Salvatore Perillo, colonne portanti della famosa pizzeria Jolly.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, “Enrico Pieranunzi Trio” chiude questa sera la seconda edizione del THINK JAZZ a Casapozzano

10:50

imagesOrta di Atella. Gran finale, stasera alle 21:30, della seconda edizione della rassegna THINK JAZZ in corso di svolgimento in Piazza Virgilio nell’antico borgo di Casapozzano ad Orta di Atella. La kermesse, ideata ed organizzata dall’associazione THINK JAZZ in sinergia con il sodalizio Scott LaFaro, vedrà, questa sera, la perfomance dell’ Enrico Pieranunzi Trio.

Insieme al grande Pianista ci saranno Luca Bulgarelli al contrabbasso e Nicola Angelucci alla batteria. Enrico Pieranunzi è a tutti gli effetti uno dei grandi dle jazz mondiale. Pianista, compositore, arrangiatore, ha registrato più di 70 Cd a suo nome spaziando dal piano solo al trio, dal duo al quintetto e collaborando, in concerto o in studio, con Chet Baker, Lee Konitz, Paul Motian, Charlie Haden, Chris Potter, Marc Johnson, Joey Baron. Pluripremiato come miglior musicista italiano nel “Top Jazz”, annualmente indetto dalla rivista “Musica Jazz” (1989, 2003, 2008) e come miglior musicista europeo (Django d’Or, 1997) Pieranunzi ha portato la sua musica sui palcoscenici di tutto il mondo esibendosi nei più importanti festival internazionali, da Montreal a Copenaghen, da Berlino e Madrid a Tokyo, da Rio de Janeiro a Pechino. A partire dal 1982 si è recato numerose volte negli Stati Uniti dando concerti in varie città tra cui New York, Boston, San Francisco. Di rilievo la sua partecipazione a Spoleto Festival Usa 2007 (Charleston, North Carolina) che ne ha voluto dare un ritratto completo proponendolo in concerti di piano solo, duo e trio. E’ l’unico musicista italiano di sempre ed uno dei pochissimi europei ad aver suonato e registrato (luglio 2009) nello storico “Village Vanguard” di New York. Proprio per il “Live at The Village Vanguard” gli è stato assegnato nel 2014 il prestigiosoEcho Jazz Award (equivalente tedesco dello statunitense Grammy) come Best International Piano Player. La prestigiosa rivista americana “Down Beat” ha incluso il suo cd “Live in Paris”, in trio con Hein Van de Geyn e André Ceccarelli (Challenge), tra i migliori cd del decennio 2000/2010.

Alle 20:00 ci sarà, l’ apertura dello stand promozionale e di informazione sul festival, di quello gastronomico di prodotti tipici del territorio, e degli altri dedicati ai libri, dischi e la proiezione video-documentario sulla storia del Jazz.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, la “Jerry Popolo Band” protagonista del sabato del Think Jazz

10:20

JerryPopolo_JazzInParco01Orta di Atella. Sarà un sabato sera ricco di suggestioni quello che animerà la caratteristica Piazza Virgilio del borgo medievale di Casapozzano ad Orta di Atella. Fra i palazzi storici a farla da padrona sarà ancora una volta il grande jazz, in occasione della seconda giornata dell’edizione 2016 del THINK JAZZ. Ospiti del Festival organizzato dall’associazione THINK JAZZ in sinergia con l’associazione Scott LaFaro, sarà la Jerry Popolo Band che a partire dalle 21:30 proporrà svariati dei più grandi successi del sassofonista.

Nel centro atellano, inoltre, sarà presentato in anteprima il nuovo disco “BELEZA” uscito lo scorso 27 Luglio. Ad affiancare Jerry Popolo ed il suo sax, saranno Alessio Busanca al piano, Antonio De Luise al basso elettrico e Luigi Del Prete alla batteria. Popolo non necessita davvero di presentazione. Per lui parla una carriera che ha preso le mosse nel 1985 e che lo ha visto esibirsi in molti prestigiosi Jazz Festival, in tanti Music Club, in tour e occasionalmente con famosi musicisti jazz come Tony Scott, Kenny Barron, Ben Reily, Ray Drummond, Steve Grossmann, Lee Konitz, Benny Golson, Kim Volpe, Giovanni Tommaso e molti altri. Popolo ha prestato la sua opera in oltre 50 CD di diversi. Nel 2004 e nel 2008 sono stati pubblicati due CD a suo nome con brani originali di sua composizione, rispettivamente “Soul eyes” (Mediterranea) e “Optimum” (Widesound) .

Come sempre alle 20:00 ci sarà, l’ apertura dello stand promozionale e di informazione sul festival, di quello gastronomico di prodotti tipici del territorio, e degli altri dedicati ai libri, dischi e la proiezione video-documentario sulla storia del Jazz.

FacebookTwitterGoogle+Share

Elio Coppola Hammond Trio Featuring Walter Ricci, apre venerdì la seconda edizione del THINK JAZZ

20:16

maxresdefaultOrta di Atella. Si alzerà domani sera il sipario sulla seconda edizione del festival THINK JAZZ. Per l’intero fine settimana l’antico borgo di Casapozzano ad Orta di Atella si trasformerà nel cuore pulsante del jazz. Organizzato dall’associazione THINK JAZZ in sinergia con l’associazione Scott LaFaro, la prima delle tre serate del THINK JAZZ 2016 vedrà il concerto dell’ Elio Coppola Hammond Trio Feautirng Walter Ricci che prenderà il via alle 21:30.

E quella pronta a deliziare le migliaia di fan che accorreranno nel centro atellano sarà una formazione davvero ben assortita con Elio Coppola alla batteria, Ben Paterson all’organo hammond, e Walter Ricci alla voce. Coppola è senza ombra di dubbio uno dei protagonisti della scena jazzistica italiana. Attualmente affianca alla sua attività principale, quella del musicista, il ruolo di direttore artistico del prestigioso festival della musica jazz di Capri, portando sull’isola azzurra alcuni tra i maggiori esponenti mondiali del Jazz. I suoi “ritmi” hanno accompagnato alcuni tra i migliori musicisti al mondo tra cui Benny Golson. Joey De Francesco, Peter Bernstein, Dado Moroni, Ronnie Cuber solo per citarne alcuni. Molto apprezzato dai suoi colleghi, è importante ricordare l’amicizia e la stima reciproca che lo lega al grande maestro Tullio De Piscopo che lo ha invitato recentemente al teatro Mercadante di Napoli per aprire un suo concerto. Per l’occasione si esibirà col suo hammond  Ben Paterson, direttamente da New YorK City e ciliegina sulla torta, con il suo ritmo musicale e la sua creatività artistica, sarà Walter Ricci alla voce, che è considerato tra i grandi nomi della scena Jazz del momento. Nonostante la sua giovane età ha già collaborato con artisti di fama mondiale come Micheal Bublè.

A partire dalle 20:00 ci sarà, l’ apertura dello stand promozionale e di informazione sul festival, di quello gastronomico di prodotti tipici del territorio, e degli altri dedicati ai libri, dischi e la proiezione video-documentario sulla storia del Jazz.

FacebookTwitterGoogle+Share

Nel week end i grandi nomi del jazz protagonisti della II edizione del THINK JAZZ ad Orta di Atella

14:02

thinK jazzOrta di Atella. Tutto pronto per la seconda edizione del THINK JAZZ che, ancora una volta, nel primo fine settimana di Agosto trasformerà l’antico borgo di Casapozzano ad Orta di Atella in uno scenario estremamente suggestivo. Da venerdì 5 Agosto e sino a domenica 7 la piazza centrale dell’antico borgo atellano vedrà l’esibizione di alcuni dei più noti musicisti del panorama jazzistico nazionale in occasione del Festival organizzato dall’associazione THINK JAZZ in sinergia con l’associazione Scott LaFaro .

Ad alzare simbolicamente il sipario sulla rassegna 2016 sarà il concerto dell’ Elio Coppola Hammond Trio Feautirng Walter Ricci che prenderà il via alle 21:30 di venerdì. E quella pronta a deliziare le migliaia di fan che accorreranno nel centro atellano sarà una formazione davvero ben assortita con Elio Coppola alla batteria, Ben Paterson all’organo hammond, e Walter Ricci alla voce. Coppola è senza ombra di dubbio uno dei protagonisti della scena jazzistica italiana. Attualmente affianca alla sua attività principale, quella del musicista, il ruolo di direttore artistico del prestigioso festival della musica jazz di Capri, portando sull’isola azzurra alcuni tra i maggiori esponenti mondiali del Jazz. I suoi “ritmi” hanno accompagnato alcuni tra i migliori musicisti al mondo tra cui Benny Golson. Joey De Francesco, Peter Bernstein, Dado Moroni, Ronnie Cuber solo per citarne alcuni. Molto apprezzato dai suoi colleghi, è importante ricordare l’amicizia e la stima reciproca che lo lega al grande maestro Tullio De Piscopo che lo ha invitato recentemente al teatro Mercadante di Napoli per aprire un suo concerto. Per l’occasione si esibirà col suo hammond Ben Paterson, direttamente da New YorK City e ciliegina sulla torta, con il suo ritmo musicale e la sua creatività artistica, sarà Walter Ricci alla voce, che è considerato tra i grandi nomi della scena Jazz del momento. Nonostante la sua giovane età ha già collaborato con artisti di fama mondiale come Micheal Bublè.

Alle 21: 30 di sabato, il cartellone, preparato dall’associazione THINK JAZZ in collaborazione con l’ associazione ScottLaFaro, vedrà l’esibizione della Jerry Popolo Band che nell’occasione presenterà in anteprima il nuovo disco “BELEZA” uscito lo scorso 27 Luglio. Ad affiancare Jerry Popolo ed il suo sax, saranno Alessio Busanca al piano, Antonio De Luise al basso elettrico e Luigi Del Prete alla batteria. Popolo non necessita davvero di presentazione. Per lui parla una carriera che ha preso le mosse nel 1985 e che lo ha visto esibirsi in molti prestigiosi Jazz Festival, in tanti Music Club, in tour e occasionalmente con famosi musicisti jazz come Tony Scott, Kenny Barron, Ben Reily, Ray Drummond, Steve Grossmann, Lee Konitz, Benny Golson, Kim Volpe, Giovanni Tommaso e molti altri. Popolo ha prestato la sua opera in oltre 50 CD di diversi. Nel 2004 e nel 2008 sono

stati pubblicati due CD a suo nome con brani originali di sua composizione, rispettivamente “Soul eyes” (Mediterranea) e “Optimum” (Widesound) .

Gran finale domenica 7 con la perfomance dell’ Enrico Pieranunzi Trio, insieme al grande Pianista ci saranno Luca Bulgarelli al contrabbasso e Nicola Angelucci alla batteria. Enrico Pieranunzi è a tutti gli effetti uno dei grandi dle jazz mondiale. Pianista, compositore, arrangiatore, ha registrato più di 70 Cd a suo nome spaziando dal piano solo al trio, dal duo al quintetto e collaborando, in concerto o in studio, con Chet Baker, Lee Konitz, Paul Motian, Charlie Haden, Chris Potter, Marc Johnson, Joey Baron. Pluripremiato come miglior musicista italiano nel “Top Jazz”, annualmente indetto dalla rivista “Musica Jazz” (1989, 2003, 2008) e come miglior musicista europeo (Django d’Or, 1997) Pieranunzi ha portato la sua musica sui palcoscenici di tutto il mondo esibendosi nei più importanti festival internazionali, da Montreal a Copenaghen, da Berlino e Madrid a Tokyo, da Rio de Janeiro a Pechino. A partire dal 1982 si è recato numerose volte negli Stati Uniti dando concerti in varie città tra cui New York, Boston, San Francisco. Di rilievo la sua partecipazione a Spoleto Festival Usa 2007 (Charleston, North Carolina) che ne ha voluto dare un ritratto completo proponendolo in concerti di piano solo, duo e trio. E’ l’unico musicista italiano di sempre ed uno dei pochissimi europei ad aver suonato e registrato (luglio 2009) nello storico “Village Vanguard” di New York. Proprio per il “Live at The Village Vanguard” gli è stato assegnato nel 2014 il prestigiosoEcho Jazz Award (equivalente tedesco dello statunitense Grammy) come Best International Piano Player. La prestigiosa rivista americana “Down Beat” ha incluso il suo cd “Live in Paris”, in trio con Hein Van de Geyn e André Ceccarelli (Challenge), tra i migliori cd del decennio 2000/2010.

“Questa seconda edizione del THINK JAZZ- dichiarano gli organizzatori – vuole rappresentare un ulteriore e significativo momento di crescita nel percorso artistico di una manifestazione che, seppur giovane, si augura di offrire ai propri spettatori un cartellone soddisfacente. Ringraziando quanti, a cominciare dagli sponsor, la renderanno possibile, e soprattutto a quanti con il proprio contributo volontario fanno sì che la kermesse riesca nel migliore dei modi. Non ci resta che dare appuntamento per il prossimo fine settimana. BUON THINK JAZZ a tutti”.

FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 4