ORTA DI ATELLA – Pagina 18

Orta di Atella. Arrestato cittadino pachistano per aggressione e resistenza

16:10 Orta di Atella. I carabinieri della Stazione di Orta di Atella, a Gricignano di Aversa, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per resistenza a pubblico ufficiale del cittadino pachistano Nabeel Shahzad, 23enne in Italia senza fissa dimora. L’uomo, a seguito di un controllo, effettuato dai militari dell’Arma unitamente a quelli dell’Esercito Italiano nei pressi della base Nato, ha tentato di darsi alla fuga, venendo prontamente bloccato dai carabinieri. Successivamente lo stesso, in forte stato di agitazione, ha aggredito fisicamente i carabinieri, cercando di rompere a calci la portiera dell’autovettura di servizio. Shahzad è stato trattenuto presso le camere di sicurezza dell’arma, in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.
FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, domenica si discute di Terra di Lavoro e cultura con Pasquale Iorio

17:09 Sant'Arpino     A Sant’Arpino domenica prossima si terrà la presentazione del libro “Terra di lavoro. Ripartire con la cultura” (Edizioni Melagrana, pp. 304, € 12,00), curato da Pasquale Iorio, che raccoglie ben quaranta saggi e contributi di diversi importanti autori. L’iniziativa promossa dalla Pro Loco di Sant’Arpino, con patrocinio dell’Amministrazione Comunale e la collaborazione della rete “Piazze del Sapere”, si svolgerà nel suggestivo scenario del seicentesco Palazzo Ducale “Sanchez de Luna”, e prevede un programma ampio e interessante. (altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, l’ex sindaco Brancaccio condannato a 8 anni di reclusione

10:05 Orta di Atella. E' stato condannato a 8 anni di reclusione Angelo Brancaccio, ex sindaco di Orta di Atella, arrestato lo scorso 13 giugno per associazione a delinquere di stampo mafioso. Questa la sentenza del Gup al termine del processo con rito abbreviato. La richiesta dei pubblici ministeri Pattrizia Dongiacomo e Luigi Landolfi era di 12 anni. L'accusa è di aver avuto rapporti con il clan dei casalesi e dei Mallardo, dai quali avrebbe ricevuto favori elettorali e collaborazione per le speculazioni edilizie. Grazie all'ex sindaco, che con i favori dei clan vinceva le elezioni con percentuali bulgare, per i giudici i clan hanno compiuto una speculazione edilizia edificando indiscriminatamente sull'80% del territorio ortese attraverso il rilascio di permessi a costruire illegittimi in assenza di PUC. Le società a cui venivano concessi i permessi a costruire erano riconducibili al referente del clan dei casalesi sul territorio, Giuseppe Russo, e al clan dei Mallardo. Ad incastrare Angelo Brancaccio sarebbero stati i vari collaboratori di giustizia: Orlando Lucariello, Pasquale Vargas e Luigi D'Ambrosio. Lucariello, su Brancaccio, dichiarò agli inquirenti:"E' più camorrista che politico, per il modo in cui ha gestito gli appalti sui territori di Orta e soprattutto per gli strettissimi rapporti che aveva con gli uomini dei clan". L'edilizia selvaggia ha provocato un esponenziale incremento demografico della popolazione ortese, che dal 2001 al 2011 è aumentata di circa 10mila unità, e la vendita di appartamenti a prezzi molto bassi, costruiti in aree completamente prive di servizi essenziali.  
FacebookTwitterGoogle+Share

Salvatore Lioniello pizzaiolo ufficiale del Festival di Sanremo

12:40

lionielloOrta di Atella          Nuovo prestigioso traguardo  per Salvatore Lioniello, il pizzaiolo di Orta di Atella in procinto di aprire il suo nuovo locale a Succivo. Lioniello è stato scelto infatti come pizzaiolo ufficiale del Festival di Sanremo a Casa Sanremo. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella sommersa dall’immondizia: l’emergenza rifiuti diventa preoccupante

17:33

immondizia orta 2Orta di Atella. Strade piene di rifiuti e, in qualche caso, portoncini inaccessibili per i sacchetti dell'immondizia accumulati che ostruiscono i passaggi pedonali. Così si presentava Orta di Atella questa mattina, una città in piena emergenza rifiuti.

Emergenza partita il 16 dicembre scorso con l'arrivo in Comune del documento del consorzio Ci.te (vincitore della gara d'appalto per il servizio di raccolta rifiuti) in il consorzio, adducendo un credito vantato tale da far considerare il Comune di Orta di Atella gravemente inadempiente, diffidava lo stesso al pagamento della somma vantata entro 15 giorni e comunicava la sospensione unilaterale del servizio ex art 1460 del C.C. in caso di mancato pagamento. Iimmondizia orta 3l 20 dicembre il consorzio Cite comunicava che a decorrere dal 21 dicembre si sarebbe limitato solo ad effettuare le prestazioni essenziali. Il giorno dopo, il 21 dicembre, il settore ambientale del Comune di Orta di Atella diffidava il Consorzio a voler effettuare tutte le attività previste dal contratto trattandosi di un servizio pubblico essenziale necessario per la salvaguardia della salute pubblica. Il 22 dicembre il consorzio rispondeva alla nota del settore ambiente ribadendo la sospensione del servizio e preannunciando di adire il giudice per la risoluzione coattiva del contratto. Il 22 dicembre Il dirigente del settore finanziario e il dirigente dell'area immondizia orta 4tecnica di Orta di Atella, a seguito di un controllo sulla documentazione presentata dal consorzio hanno appurato che il credito risultante è di gran lunga inferiore a quello richiesto dal consorzio e che, inoltre, sarebbe riferito in parte a crediti presunti non dovuti e in parte a crediti certificati con scadenza successiva al 31 gennaio 2018. Il 27 dicembre il Comune diffidava ulteriormente il Consorzio Ci.te a riprendere ad horas lo svolgimento del servizio ma, nello stesso giorno, il consorzio confermava la sospensione del servizio. Il 29 dicembre il Comimmondizia orta 5missario Straordinario, Vincenzo Lubrano, affidava ad un consorzio con sede in Pagani il servizio straordinario di rimozione dei rifiuti giacenti sul territorio comunale per 5 giorni al prezzo di 7mila 500 euro al giorno oltre iva. C'è da evidenziare, infine, che gli operatori ecologici che prestavano servizio per il consorzio Ci.te continuano ad essere in protesta all'esterno del Comune (che è presidiato da polizia e carabinieri) in via Petrarca poichè sono in ferie forzate e non percepiscono lo stipendio da diversi mesi.

imfu

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, conclusi i saggi conoscitivi sulle pareti di Palazzo Ducale, scovate numerose opere

15:40

affreschi1S.Arpino.D’intesa con la soprintendenza abbiamo completato i saggi sulle pareti del Palazzo Ducale. Togliamo i veli alla bellezza, per augurarci un anno nuovo senza pallottole vaganti, senza roghi tossici. Diventiamo orgogliosi della nostra storia, un tesoro da scoprire e rivalutare. La bellezza è nascosta dietro il grigiore che ci circonda.Dove troveremo i soldi per il restauro degli affreschi non lo sappiamo ancora. Ma la speranza si rinnova nel futuro che nasce” così il sindaco di Sant'Arpino, Giuseppe Dell'Aversana, ha  annunciato la fine della prima parte dei lavori che hanno riguardato gli affreschi al primo piano del Palazzo Ducale Sanchez De Luna di Sant'Arpino.

I due restauratori che hanno eseguito iaffreschi2 lavori, Antonio Colella e Salvatore Liguori, hanno effettuato, nelle ultime settimane, il descialbo di alcune piccole parti di parete al primo piano del palazzo storico santarpinese attraverso tecniche a secco. Numerose sono le opere che i due professionisti hanno scovato sulle pareti del palazzo che, come evidenzia la determina che ha affidato l’incarico ai restauratori, sarebbero state coperte da pitturazioni eseguite, per negligenza ed ignoranza, durante la metà del secolo scorso.

"In seguito alla campagna di saggi eseguiti sulle volte poste nell’ala sita al primo piano nel complesso del palazzo ducale Sanchez De Luna di Sant’Arpino - hanno dichiarato Colella e Liguori - , abbiamo potuto evincere la presenza di varie decorazioni, sia a tempera che ad affresco, affreschi3anche sovrapposte l’una all’ altra non coeve tra loro, cosa che fa pensare ai vari passaggi di personalità nel palazzo. Stiamo realizzando la giusta documentazione da porre all’attenzione della soprintendenza che deciderà se e cosa preservare dei decori fuoriusciti”

Sarà quindi la soprintendenza ai beni culturali di Caserta ora a decidere se e come proseguire. La stessa soprintendenza che ha sollecitato il comune di Sant'Arpino ad iniziare i saggi per garantire una migliore conservazioaffreschi4ne delle opere che, come hanno evidenziato i due professionisti atellani, in molti casi sarebbero sovrapposte tra loro poichè . Osservazione che è stata fatta negli ultimi giorni anche da Antonio Dell'Aversana dell'associazione Aderula che ha inoltre anche spiegato una delle opere che i due restauratori hanno trovato al primo piano del Palazzo Ducale :"Dai saggi degli affreschi del Palazzo Ducale, è emersa l'impresa della Famiglia Sanchez De Luna. Per Impresa si intende un Disegno allegorico che racconta le gesta di un Nobile e della sua stirpe. Alonzo Sanchez De Luna, all'epoca Marchese di Grottole e Gran Tesoriere del Regno di Napoli, "alzo' " come simbolo Ercole che lotta contro l'Idra dalle 7 teste ed il motto VIX HERCULES (Neppure Ercole) per motivi legati al suo incarico. Avendo i "restauratori" intaccato già vari strati degli affreschi da ricercare, speriamo che "ci restituiscano" qualcosa di realmente storico e non raffazzonato".

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, l’Associazione “Bambini simpatici e speciali” in visita al reparto pediatria dell’ospedale San Paolo

10:05

fuorig4Orta di Atella. Martedì 26 Dicembre l'Associazione “Bambini simpatici e speciali” di Orta di Atella ha fatto visita al reparto Pediatria dell'ospedale San Paolo di Fuorigrotta per consegnare dei doni, sorrisi e tanto affetto a tutti i bimbi ricoverati in occasione delle Festività Natalizie.

“E' stata una grande gioia-  dichiarano all’unisono il presidente Michele Pisano e tutti i collaboratori dell’associazione-  portare nel nostro piccolo un sorriso a tutti i bimbi ricoverati e alle loro famiglie, è stato molto emozionante per noi trascorrere un po' di tempo insieme a loro.”

“Il nostro ringraziamento particolare va  al Signor Primario del reparto di Pediatria, a tutti i dottori, alla caposala, infermieri e tutto il personale del reparto per la loro gentilezza e disponibilità. Un grazie speciale, ovviamente, a tutti i genitori per averci dato la possibilità di incontrare i loro bimbi e passare del tempo in allegria e spensieratezza. A tutti loro i nostri più sinceri Auguri di buone feste e felice anno nuovo. E' stata una bellissima esperienza per i nostri bambini speciali. Questa giornata ci dona speranza e ottimismo per il futuro.”

FacebookTwitterGoogle+Share

C@mbiAMOrta “Ecco gli invisibili monatti”

16:19

cambiamortaOrta di Atella      Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento C@ambiAMOrta .

"Ad Orta continuano ad uscire con una frequenza ormai fastidiosa delle copie sbiadite delle antiche e famose “ Catilinarie” da parte di certuni che, convinti assertori dell’arianesimo inteso come purezza di razza e di pensiero e novelli seguaci delle moderne ricerche biomediche in campo genetico, analizzano, indagano, scrutano dall’alto della loro onniscienza ogni palpito politico della comunità ortese. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, GENESIS MOBILE ATELLANA-PROGER TERAMO 29-32 (p.t. 15-17) , Mister Toscano: «Nulla da rimproverarci»

16:34 genesis-TeramoGENESIS MOBILE ATELLANA – Sall 7, Liparulo 6, Cirillo G. (’97) 4, Russo 4, Calcagno 2, Mozzillo F. 2, Balasco O. 2, Del Prete 1, Abbonante 1, Mozzillo G., Cirillo G., (’99), Iovinella, Migliaccio, Balasco G. All. Toscano. PROGER TERAMO – Murri 9, Morale 6, Buccione 5, Angeloni 4, Santucci 3, Arduini 2, Cinelli 1, Di Sabatino 1, Camaioni 1, Canzanese, Savini, D’Argenio, Barbuti, Sturba. All. Chionchio. Arbitri: Pellegrino e Carrino PRIMO TEMPO – Non riesce il poker di vittorie consecutive alla Genesis Mobile Atellana, fermata al Palalettieri dal Proger Teramo per 29-32. Una gara apparsa subito complicata per i padroni di casa, i quali, pur passando in vantaggio con Giuseppe Cirillo, hanno dovuto inseguire per quasi tutto l’incontro gli abruzzesi. Gli ospiti hanno mostrato una difesa arcigna. Le armi della velocità e del contropiede dei giallorossi poco sono servite contro la fisicità del Teramo. Per un lungo periodo del primo tempo il match, comunque, è rimasto in bilico. Al 10’ il punteggio è sul 5 pari. Il 7-6 per i padroni di casa è solo un breve fuoco di paglia. La Proger Teramo prima pareggia, poi ottiene il doppio vantaggio (7-9). Due reti di Onofrio Balasco consentono alla Genesis Mobile di pareggiare nuovamente. È il momento migliore per la squadra di mister Toscano. Giuseppe Balasco para un rigore agli ospiti e, dopo l’espulsione temporanea subita dal Teramo, gli atellani per la prima e l’unica volta durante il match vanno avanti di 2 sugli avversari. Appena ristabilita la parità numerica, i due minuti di panca toccano anche alla Genesis Mobile, con Migliaccio. La fisicità degli ospiti si fa sentire anche in attacco. Si torna in parità sul 13-13 e, subito dopo, Teramo chiude il primo tempo in vantaggio per 15-17. SECONDO TEMPO - Inizia male per la Genesis Mobile. Gli ospiti in pochi minuti ottengono un vantaggio di +4. La voglia di strafare e la troppa fretta sono il motivo dei continui errori nelle conclusioni di Sall e compagni. Affiora anche un po’ di nervosismo nelle fila giallorosse, che comunque accorciano le distante a -2 (18-20). A peggiorare le cose, però, arriva l’infortunio di Calcagno, che si accascia a terra ed è costretto ad uscire definitivamente per una lussazione alla spalla. Il pivot giallorosso è sostituito da Abbonante. Al 10’ Teramo è in vantaggio per 18-22. Dall’out destro capitan Mozzillo cerca di risollevare le sorti della sua squadra, accorciando ancora le distanze con una doppietta. La Genesis Mobile si porta a -1 (23-24), con una sventola di Abbonante all’incrocio dei pali. Si rivedono velocità e contropiede, e Sall, ancora una volta il miglior marcatore dei suoi, ottiene il meritano pareggio (27-27). Non c’è tempo, però, per esultare. Teramo torna a +2 e Mozzillo va in panca per 2 minuti. Gli abruzzesi ne approfittano e allungano ancora sul 27-30. Gli ospiti non fanno più avvicinare al proprio portiere la Genesis Mobile, che continua a sbattere sul muro biancorosso. I tre gol di distacco rimangono tali sino alla fine. La Proger Teramo espugna il Palalettieri per 29-32 e supera gli atellani in classifica. Mister Toscano, nel dopo-gara, non se la prende più di tanto. «Abbiamo incontrato una squadra forte, che ci ha messo in difficoltà con il fisico e l’esperienza. Noi abbiamo cercato di fare la nostra gara, forse dovevamo sfruttare di più le ali, ma non possiamo rammaricarci. Siamo quarti, l’ultimo posto disponibile per la salvezza e i play-off, e abbiamo le capacità per mantenere questa posizione. Il 2017 è stato un anno eccezionale per la nostra società». Il campionato di A2 effettuerà una lunga pausa natalizia. Si tonerà in campo il 27 gennaio, con la prima giornata di ritorno. La Genesis Mobile Atellana affronterà, ancora al Palalettieri, la Lazio.  
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, “Città Visibile” apre a PD-PSI: Intesa se si lavora ad un vero cambiamento

9:18 cittavisibileOrta di Atella. Riceviamo e pubblichiamo dal  Collettivo Politico – Culturale “Città Visibile” di Orta di Atella. Sederci per rilanciare “Città Visibile” due anni fa è nata per ricostruire, in un paese dilaniato, una coscienza civile che sembrava essere stata seppellita. Il nostro percorso si prospettava lungo e aveva come orizzonte la scadenza naturale di una legislatura amministrativa appena cominciata. Le cose sono andate diversamente e ci siamo ritrovati il compito non facile di accelerare quel percorso e dare nell’immediato delle risposte. Non vedendo all’orizzonte nessuna traccia di discussione sui reali problemi del nostro paese, abbiamo deciso noi stessi di rappresentare quelle istanze di cambiamento che ardevano come brace sotto la cenere. Tuttavia se il nostro obiettivo era e rimane l’autosufficienza politica, la realtà immediata ci costringeva, volendo in qualche modo incidere nel reale, di trovare degli interlocutori prossimi politicamente alle nostre istanze. Volendo restare fedeli al nostro modo di fare e di agire, non potevamo sottostare alla logica di decisioni prese da poche persone nel chiuso di una stanza. Avevamo coscienza che la concertazione era necessaria per portare all’interno del dibattito politico quegli elementi che riteniamo primari e importanti, ma avevamo necessità di un “motivo” per sederci. Quel tavolo quindi, andava rovesciato e lo abbiamo fatto. Abbiamo chiesto un atto di trasparenza alle altre forze politiche. Abbiamo chiesto di portare alla luce la discussione sui contenuti e di poter discutere apertamente e pubblicamente di una piattaforma programmatica che fosse di totale rottura col passato. Oggi dunque ci troviamo nella condizione necessaria di dover riconoscere che quell’invito da parte del Partito Democratico e del Partito Socialista è stato accolto. Vi è un obbligo, da parte nostra, di dare credito a quelle forze che pubblicamente, oltre al superamento del Piano Urbanistico Comunale, si sono fissati come orizzonte la Municipalizzazione dei servizi e che si sono resi disposti e disponibili a interrompere ogni tipo di rapporto con aziende come la Acquedotti e la C.I.T.E. e che, come noi, vogliono mettere mano radicalmente alla macchina comunale. Ovviamente, siamo coscienti che l’aderenza programmatica è condizione necessaria ma non sufficiente. C’è ancora una lunga strada da percorrere, lungo la quale si dovranno scegliere uomini che quel cambiamento dovranno incarnare. Figure immediatamente riconoscibili che non lascino adito a interpretazioni sulla natura di una coalizione che ci vedrà come componente solo se avrà il coraggio di rompere con le logiche e le politiche del passato. Bisogna dare gambe alle idee, ma riteniamo positivo che si arrivi alla definizione di un tavolo di discussione, alla luce del sole e nella trasparenza delle posizioni delle forze coinvolte. Siamo fiduciosi di poter incontrare, nelle prossime settimane, i rappresentanti del Partito Democratico e del Partito Socialista, per capire se quella scatola, con dentro molte belle parole, sia una scatola vuota o possa diventare la base fondante di un processo costitutivo. Porteremo su quel tavolo lo stesso spirito e le stesse pretese che abbiamo sempre avuto, pronti a rovesciarlo nuovamente, nel momento in cui avremo il presentimento che “cambiamento” era solo una bella parola a cui, in realtà, non si voleva dare sostanza.
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, Un altro scontro al vertice per GENESIS MOBILE ATELLANA, al PALALETTIERI c’è TERAMO. Toscano: «Abbiamo il morale alto»

16:54

mister ToscanoOrta di Atella. Ritorna al Palalettieri la Genesis Mobile Atellana Handball, dopo due trasferte consecutive, Ginosa e Manfredonia, in cui la squadra di mister Toscano ha conquistato la massima posta in gioco. Quattro punti che sono serviti per risalire al terzo posto e posizionarsi in classifica a ridosso di Città Sant’Angelo e Putignano. Ma l’ultima gara prima della pausa natalizia riserva alla formazione atellana un altro scontro al vertice. Sabato 16 dicembre alle 18.30 arriva ad Orta di Atella la Proger Teramo, roster che insegue i giallorossi al quarto posto e un punto in meno. Insomma, l’ennesima sfida con una squadra che si pone come obiettivo di entrare fra le prime quattro in classifica. Per chi ci riuscirà significherebbe salvezza sicura e possibilità di partecipare ai play-off. Un avversario, quindi, da non sottovalutare, ma mister Gigi Toscano non si nasconde dietro al paravento delle frasi fatte e punta al poker di vittorie consecutive. «E’ chiaro che tre successi di fila, di cui due in trasferta, hanno esaltato il morale dei ragazzi. Siamo carichi e siamo consapevoli che prima delle vacanze possiamo farci un bel regalo. Ci siamo preparati bene e ci avviciniamo a questa gara nel modo migliore, sapendo che abbiamo nelle corde la possibilità di un altro successo. Affrontiamo una squadra che ambisce a rimanere nella categoria, una signora squadra. Esperta, con una buona difesa, guidata da Franco Chionchio, uno degli alfieri della pallamano nazionale, da giocatore vincitore di numerosi scudetti. Tutto ciò, però, non ci spaventa». C’è un’altra notizia che ha rinforzato il morale in casa Genesis Mobile. «Francesco Silvestre ha tolto il gesso alla gamba, – prosegue Toscano - speriamo di averlo nel gruppo prima che finisca l’anno e rimetterlo in campo verso il 21 gennaio con l’under 19, per poi portarlo in prima squadra alla ripresa del campionato, contro la Lazio». Intanto, la Genesis Mobile Atellana si gode la convocazione nella Nazionale di Beach Handball di Giovanni Abbonante. «È una convocazione di grandissimo prestigio, perché siamo vice campioni del mondo e medaglia di bronzo agli europei. Giovanni avrà l’opportunità di stare a contatto con giocatori affermati e giovani di valore come lo è lui. La sua convocazione - conclude il tecnico giallorosso - è un premio a ciò che stiamo facendo di buono nel settore giovanile».

FacebookTwitterGoogle+Share
1 16 17 18 19 20 35