ORTA DI ATELLA – Pagina 3

Orta di Atella Pina Russo aderisce a ‘Campania libera’. D’Ambrosio: “Un valore aggiunto e di grossa qualità per il nostro movimento”

18:21

image1Orta di Atella        Continua la campagna adesioni di 'Campania libera' ad Orta di Atella. Dopo l'ufficializzazione del passaggio dell'ex consigliere comunale Gennaro Della Porta, il movimento, capeggiato in Provincia di Caserta dal consigliere regionale Luigi Bosco, annuncia l'ingresso di Pina Russo. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Sabato Salvatore Sorvillo presenta “Vorrei Saperti Amare” al Medì

18:14

Sorvillo MondadoriArriverà il prossimo 9 Dicembre in tutti i Digital Stores “Vorrei Saperti Amare” il nuovo lavoro di Salvatore Sorvillo. Il giovane cantante atellano in questo prodotto edito dalla Deluxe Edition affronta tematiche ed argomenti a lui molto cari. C’è, infatti, la title track “ Vorrei Saperti Amare”, canzone autobiografica che mette in evidenza la propria adozione, mentre  “Come Sempre”, è un brano dedicato alla seconda famiglia di Sorvillo: l'Arma dei Carabinieri. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, il Centro Studi Massimo Stanzione presenta “Lo spirito del tempo e il tempo dello spirito”

12:03 locandina tempo tifVenerdì 24 alle ore 19,00 il Centro Studi Massimo Stanzione presenterà, presso la sede di Orta di Atella in via Mazzini n.11, per il ciclo “I nostri tempi, i nostri luoghi” il convegno  “ Lo spirito del tempo e il tempo dello spirito”. Dialogheranno con gli ospiti il prof. Antonio Di Nola, illustre accademico di logica matematica presso l’Università di Salerno ed il noto prof. Pasquale Arciprete, docente presso l’Istituto di Scienze Religiose di Aversa e il Liceo Classico F. Durante di Frattamaggiore. E’ ancora possibile argomentare sullo “Spirito” nel nostro tempo tecnologico? Ovvero, possiamo ancora illuderci di affrontare tematiche metastoriche in un tempo in cui il tramonto dell’occidente sembra aver raggiunto la sua forma più compiuta? La téchne, che nell’antica Grecia sanciva l’agire umano tra l’essere ed il nulla, fondamento stesso dell’atavica forma teologico-sapienziale, è divenuta oggi la tomba di ogni pensiero metafisico. Se il mondo metafisico e spirituale è posto dal nostro pensiero, mentre quello fisico-essente esiste indipendentemente da noi, come afferma il logico matematico Piergiorgio Odifreddi, il problema parmenideo, che introduce una meontologia del nulla, l’essere è, il non essere non è, sembrerebbe così solo una questione meramente grammaticale, quindi, l’Essere come sostanza delle cose diviene un mero soggetto del predicato nominale, privo di ogni verità assoluta e ultraterrena. Nel periodo della filosofia esistenzialistica del novecento però, la riduzione logico matematica a zero dell’aspetto metafisico, pone inevitabilmente un ritorno ad una spiritualità laica, ad una ricerca poetica e caritatevole del senso della vita. Infatti, come afferma Gianni Vattimo, dopo il cristianesimo la poesia assurge alla forma più alta di spiritualità. E’ per questo che i metaracconti e le metanarrazioni devono lasciare il posto all’era dello spirito, a quella visione ermeneutica-spirituale e non più esclusivamente grammaticale dei testi religiosi. Nell’era post-moderna, quindi, la spiritualizzazione assume il carattere di indebolimento delle strutture forti del nostro essere, ossia della tecnica. La spiritualità, in questi dickensiani hard times, coincide con il bisogno di pensare. Infatti, citando il teologo Vito Mancuso, il bisogno di pensare è un bisogno primordiale, esistenziale dell’uomo, un punto d’orientamento nei confronti della vita che scorre, del suo panta rei, è la meraviglia dell’uomo nei confronti della natura, del cosmo, della storia, imponderabilmente infiniti. Questo bisogno di pensare ci guida, quindi, verso la necessità di una ricerca spirituale, che porta seco la domanda che Pilato rivolse a Gesù: che cos’è la Verità? Ovviamente nel procuratore romano essa non ricopriva alcun aspetto teoretico, mentre sul piano puramente intellettivo la Verità va intesa come la ricerca incessante dell’amore, di quell’amore caritatevole da cui il nostro intelletto è completamente rapito, non potendone farne a meno, così come recita il poeta latino Ovidio: nec tecum nec sine tecum vivere possum! Riportando la questione dal piano strettamente speculativo al piano più pragmatico e realistico, resta da chiedersi se nei nostri territori, ormai sepolti sotto il soverchiante carico di problemi socio-politici, ci sia ancora spazio all’introspezione delle coscienze soprattutto giovanili. E’questo l’obiettivo che si pone il ciclo di convegni del Centro Studi Massimo Stanzione, ossia quello di risvegliate le anime sopite!  

Direttore CSMS

Alessandro di lorenzo

FacebookTwitterGoogle+Share

Contrabbando. Arrestato pregiudicato di Orta di Atella con 33 kg di sigarette

17:29

sigarette contrabbando ortaOrta di Atella    La Compagnia della Guardia di Finanza di Capua, nell’ambito di un servizio di controllo economico del territorio, ha sottoposto a sequestro 33 kg circa di sigarette di contrabbando, traendo in arresto un soggetto per l’illecita detenzione dei tabacchi destinati alla vendita locale. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, sabato Luigi De Magistris ospite del Collettivo “Città Visibile”

17:11

cittavisibileSarà il sindaco di Napoli Luigi De Magistris l’ospite di punta del secondo appuntamento della Rassegna “Pretesti per parlarne”, organizzata dal Collettivo Politico - Culturale "Città Visibile" di Orta di Atella.

L’incontro è per sabato 11 novembre alle ore 18 presso la sala consiliare del comune di Orta di Atella, in viale Petrarca.

Oltre al sindaco di Napoli, che presenterà il suo libro “La città ribelle – Il caso Napoli”, interverranno Vincenzo Tosti, portavoce del collettivo Città Visibile, Eleonora De Majo Consigliera Comunale di Napoli per Dema, e Paolo Chiariello, giornalista di Sky Tg 24. Introdurrà l’evento Giovanni Salomone del collettivo Città Visibile.

“La Rassegna, come si evince dal nome che le abbiamo dato, ha l’obiettivo di focalizzare sempre più l’attenzione sui problemi che attanagliano il nostro paese ed individuare delle soluzioni percorribili” precisa il portavoce di Città Visibile Vincenzo Tosti. “Quest’incontro vuole sottolineare come un governo diverso, distante dalla gestione malsana degli ultimi decenni, sia possibile anche per Orta di Atella. Noi proponiamo un modello di città nuovo, rivoluzionario, che sappia coinvolgere tutte le forze sane di questo paese e far convergere tutte le energie positive nella costruzione della città ribelle”.

FacebookTwitterGoogle+Share

Pauroso schianto fra Casapozzano e Marcianise. Cinquecento urtata si ribalta.

22:06

inicente-casapozzano-bis5Orta di Atella      Paura pochi minuti fa lungo la strada provinciale che collega Orta di Atella, in particolare la frazione di Casapozzano, con Marcianise. Erano da poche trascorse le 21:00 quando, di fronte all'opificio che ospitava l' Edil Atellana, una Fiat Cinquecento è stata tamponata da un'altra autovettura. A seguito dell'impatto l'utilitaria si è ribaltata finendo nei campi ai margini della carreggiata. Il conducente dell'autovettura che ha provocato l'incidente si è immediatamente dileguato. Sul posto sono giunti i militari della locale stazione dei carabinieri. Nessuna conseguenza, fortunatamente, per l'uomo alla guida della Cinquecento che subito dopo l'incidente è uscito dalla macchina con le proprie gambe.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. Gennaro Della Porta aderisce a Campania Libera

15:14

dambrosio-bosco-dellaporta-villanoOrta di Atella    La famiglia di ‘Campania libera’ in provincia di Caserta cresce sempre di più. Nella giornata di ieri, è stata formalizzata l’adesione di Gennaro Della Porta di Orta di Atella. Già consigliere comunale nelle fila dell’Mpo (Movimento politico ortese), Della Porta ha sigillato il suo passaggio nel movimento diretta espressione del governatore Vincenzo De Luca, alla presenza del consigliere regionale Luigi Bosco, di Cesario Villano del coordinamento provinciale di ‘Campania libera’ e responsabile dell’agro aversano-atellano e Ferdinando D’Ambrosio, referente cittadino di Orta di Atella. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, PALLAMANO CAPUA-GENESIS MOBILE ATELLANA 33-34 (p.t. 9-12) , Sabato prossimo big match con il Città Sant’Angelo

16:41

usca-capuaPALLAMANO CAPUA – Errico F. 10, Di Lella 8, Imella 3, Affinito K. 3, De Simone 3, Errico A. 2, Izzo 2, Affinito M. 2, Boccia, Nocerino, Di Pasquale, Di Lillo, Iorio, Vastano. All.: Di Lella.

GENESIS MOBILE ATELLANA – Silvestre 10, Sall 9, Calcagno 9, Cirillo 5, Del Prete 1, Mozzillo F., Migliaccio, Abbonante, Mozzillo G., Balasco O., Liparulo, Balasco G., Arena. All.: Toscano

La Genesis Mobile Atellana fa suo il derby con la Pallamano Capua per 34-33 e rimane in testa alla classifica del girone D della serie A2, dividendo il primato con la Pharmapiù Città Sant’Angelo a punteggio pieno. Proprio gli abruzzesi saranno i prossimi avversari dei giallorossi, nel big match della quarta giornata. Tornando alla partita disputata al Palasport di Capua, i ragazzi di mister Toscano hanno condotto la gara in sicurezza, almeno sino a pochi minuti dal termine. Le reti di scarto in favore degli atellani sono oscillate, per quasi tutta l’ora di gioco, fra le quattro e le sei. Solo nella parte finale della partita i padroni di casa sono riusciti ad avvicinarsi in maniera pericolosa, tanto da sfiorare il pareggio. Gli ultimi sei, sette minuti sono stati quasi fatali per capitan Mozzillo e compagni. Oltre alla voglia di non perdere in casa da parte del Capua, si è aggiunta l’immancabile espulsione per centoventi secondi che ha complicato la vita alla formazione ospite. La Genesis Mobile Atellana ha subìto la velocità, il pressing alto e le marcature a uomo su Sall e Silvestre della squadra allenata da mister Di Lella. Stringendo i denti e le maglie della difesa, gli atellani hanno condotto in porto una partita comunque vinta meritatamente. Tra i migliori Cirillo, oltre a Silvestre e Sall che, come al solito, hanno finalizzato tanto. «Non siamo ancora al centro per cento, – ribadisce Franco Mozzillo – i meccanismi non sono fluidi come lo scorso anno. Credo che sia più un fatto di testa che atletico. Non riusciamo a variare il gioco e questo ci ha penalizzato. L’importante è portare a casa i due punti, anche non esprimendoci al meglio. Ora testa e pensiero a Città Sant’Angelo, che ha vinto abbondantemente. Sarà uno scontro al vertice. Sabato prossimo riusciremo a dire la nostra. Giochiamo in casa ed è d’obbligo impegnarsi al massimo».

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. Grande successo per l’inaugurazione della sede dell’associazione “Bambini simpatici e speciali”

14:41 caldoreOrta di Atella. Sabato 4 novembre 2017 alle ore 19,30  si è tenuta, in via Napoli ad Orta di Atella, l’inaugurazione della sede dell’associazione “Bambini simpatici e speciali”. La serata-evento ha visto la partecipazione dei cantanti Luciano Caldore, Ivan Granatino e Mario Forte, in qualità di ospiti d’onore, e di Agnese Ginocchio, cantautrice e Testimonial internazionale per la pace e la nonviolenza. L’obiettivo comune degli artisti sarà quello di aiutare quotidianamente e nel tempo i bambini speciali con il maggior coinvolgimento possibile della comunità e realizzare insieme a loro un grande spettacolo musicale. Ricordiamo, ancora,  che l’associazione “Bambini simpatici e speciali” è una nuova realtà associativa territoriale, che ha come scopo e obiettivo principale l’integrazione e il pieno inserimento delle persone disabili ed autistiche nella comunità territoriale di Orta di Atella. L’associazione è stata di recente premiata per l’impegno profuso a favore dei diritti dei diversamente abili. “Voglio ringraziare – dichiara il presidente dell’associazione Michele Pisano- tutte le persone intervenute, gli amici che ci hanno dato un grande supporto morale e i volontari che hanno reso possibile questa splendida serata. E’ stato un successo oltre ogni previsione, ho sentito l’affetto e la partecipazione da parte di tutti. Spero con tutto il cuore, sia la prima tappa di un futuro più roseo per i nostri ragazzi”.  
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, per la Genesis Mobile Atellana è l’ora del derby con il Capua, Capitan Mozzillo: «E’ sempre una partita particolare»

11:50

usca2Sarà un derby d’alta quota, quello che Genesis Mobile Atellana Handball e Pallamano Capua giocheranno sabato 4 novembre al Palasport di via Martiri di Nassiriya, con fischio d’inizio alle 18.30. Entrambe le squadre sono prime in classifica con quattro punti nel girone D della serie A2, primato che condividono insieme alla squadra abruzzese del Pharmapiù Città Sant’Angelo. La Genesis Mobile Atellana di mister Toscano è reduce dalla vittoria interna con l’Altamura, ma l’allenatore giallorosso non è rimasto del tutto contento dalla qualità del gioco espresso nel match contro i pugliesi. In settimana gli allenamenti sono stati impostati proprio per evitare, nelle prossime gare, gli errori di inesperienza e superficialità commessi con i pugliesi. Detto questo, nell’ambiente atellano non si nasconde la soddisfazione per l’ottima partenza in campionato e la difficoltà di affrontare una partita come un derby, che è tutta un’altra storia rispetto alle altre gare. Dall’alto della sua esperienza, il capitano Franco Mozzillo guarda al prossimo futuro con moderato ottimismo. «Il derby con il Capua è sempre una partita particolare. Siamo due squadre campane con una bella storia alle spalle. E' ovvio che c'è rivalità, ma c'è sempre il massimo rispetto dell'avversario. Loro hanno più esperienza in questo campionato e, come noi, sono primi in classifica. Questo la dice lunga sulla bontà del gioco che mettono in campo. La partita di sabato scorso vinta con l'Altamura ci ha dato tanti elementi su cui riflettere. In questa settimana mister Toscano ha evidenziato in allenamento ciò che non è andato bene. Siamo, quindi, consapevoli che, una volta limati quei difetti che si sono evidenziati sabato scorso, avremo delle chance da giocarci. Il pronostico non è mai facile in un derby, giochiamo fuori casa, ma sicuramente riusciremo a mettere in campo tutto quello che serve per contendere il risultato fino all'ultimo secondo. Inoltre, conosciamo bene il Capua, così come loro conoscono noi. Anche se non ci siamo incontrati negli anni scorsi, molti dei ragazzi presenti nelle due squadre si sono affrontanti nei match del settore giovanile». Nella Genesis Mobile Atellana rientrerà Silvestre, dopo la bella esperienza della convocazione nel Club Italia. «E' un giocatore straordinario che ci dà sicurezza e una grossa mano in attacco. Contro il Capua – conclude Mozzillo - sarà una bella partita e, ovviamente, non posso dire altro: vinca il migliore».

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, GENESIS MOBILE ATELLANA-PALLAMANO ALTAMURA 29-25 (p.t. 12-9) Toscano: «Felice per la vittoria, non per il gioco»

16:47 usca 1GENESIS MOBILE ATELLANA HANDBALL – Sall 8, Calcagno 7, Del Prete 4, Mozzillo F. 3, Migliaccio 3, Russo 3, Abbonante 1, Mozzillo G., Balasco O., Cirillo, Iovinella, Liparulo, Balasco G., D’Angelo. All.: Toscano PALLAMANO ALTAMURA – Lanzolla 6, Paolicelli 6, Pepe 4, Denora 2, Lo Capo 2, Scalera 2, Lo Porcaro 2, Tragni 1, Fiore, Gramegna, Quattromini. All.: Loviglio. ARBITRI: De Marco e Carcea. PRIMO TEMPO - Dopo la prima giornata di campionato, con il successo a Roma contro la Lazio, anche la seconda regala alla Genesis Mobile Atellana Handball una meritata vittoria e il primato in classifica. Davanti ad un buon pubblico presente al ‘Palalettieri’, la formazione di mister Toscano ha sconfitto la Pallamano Altamura, nonostante qualche errore in ripartenza e le troppe sospensioni di due minuti subite. L’allenatore giallorosso, inoltre, deve fare i conti con l’assenza di Silvestre, convocato dal Club Italia. Solo nella parte iniziale della partita gli ospiti riescono ad andare avanti nel punteggio. Al 10’ Calcagno aggancia l’Altamura sul 4-4. Da questo momento in poi la Genesis Mobile Atellana prende in mano le redini del match. Subito dopo lo stesso Calcagno commette un fallo sancito con la sospensione per due minuti dal terreno di gioco. La Genenis Mobile Atellana è con un uomo in meno, ma alza le barriere davanti al proprio portiere e il pugliesi non ne approfittano. Anzi sono i padroni di casa ad andare in vantaggio, con un rigore realizzato da Sall. Calcagno rientra e si fa perdonare: prima segna, poi si procura un altro rigore, realizzato sempre dal numero dieci atellano. Al 20’ la Genesis Mobile Atellana è sopra di tre: 8-5. I tre gol di vantaggio diventano quattro grazie al contropiede di Sall, servito da capitan Mozzillo con un millimetrico lancio. La Genesis Mobile continua ad essere fallosa. A distanza di pochi secondi l’uno dall’altro, Russo e Cirillo subiscono i due minuti di sospensione. Con la doppia inferiorità numerica la difesa dei padroni di casa diventa maestosa. Ristabilita la parità degli uomini in campo i giallorossi sembrano voler prendere il largo (11-7), ma sprecano due clamorosi contropiede. Altamura ne approfitta, riducendo a tre i gol di scarto. I primi trenta minuti di gioco si chiudono con la Genesis Mobile Atellana in vantaggio per 12-9. SECONDO TEMPO – Inizia bene la squadra di mister Toscano. Si porta subito sul 16-11, massimo distacco dagli ospiti. Altamura soffre il gioco veloce dei padroni di casa e sembra calare fisicamente. Ma la Genesis Mobile Atellana ci mette del suo per far tornare i pugliesi in partita. Continua ad essere fallosa, con Migliaccio costretto dai direttori di gara a sedersi in panca per altri centoventi secondi. I pugliesi questa volta ne approfittano è realizzano due reti, accorciando le distanze: 16-13 al 10’. Il match va avanti veloce, tra espulsioni temporanee, da una parte e dall’altra, imprecisioni della Genesis Mobile Atellana nelle conclusioni e l’elastico delle reti di vantaggio dei giallorossi: minimo due, massimo quattro. Al 20’ la Genesis Mobile Atellana conduce per 21-17. Ogni qualvolta che i padroni di casa hanno la possibilità di chiudere il match c’è sempre l’errore in attacco o l’immancabile sospensione di un giocatore. A due minuti dal termine, la Genesis Mobile Atellana conduce per 26-22. La partita sembra in porto, ma Liparulo è costretto alla doccia in anticipo. Con un uomo in più l’Altamura ci crede ancora. Per fortuna Calcagno mette al sicuro la partita, con la rete del definitivo 29-25. Nel dopo-gara mister Toscano non è del tutto soddisfatto. «Sono felice per il risultato non per il gioco espresso. Abbiamo permesso all’Altamura di rientrare in gara per colpa delle nostre imprecisioni. Abbiamo fretta di concludere, anche quando partiamo in contropiede. Anche le troppe sospensioni sono frutto della inesperienza di molti dei nostri giocatori. Comunque, ci godiamo il primato e iniziamo a pensare al prossimo match, il derby contro il Capua, lavorando in settimana sugli errori commessi in questa gara».  
FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 4 5 18