ORTA DI ATELLA – Pagina 30

Fortissima scossa di terremoto nel Centro Italia. Avvertita distintamente nell’agro atellano

8:30

mappa-terremotoAgro Atellano   Una nuova fortissima scossa di terremoto è stata avvertita questa mattina alle 7,40 in tutto il Centro Italia. Secondo i primi dati si tratta di un sisma di magnitudo 6.1 e profondità 10 km con epicentro tra Marche e Umbria, nella zona già duramente colpita dagli eventi del 24 agosto e di questa settimana. Il terremoto è stato avvertito distintamente in tutto il centro Italia, compresa la Provincia di Caserta, e in tutto l'agro atellano. Le località prossime all'epicentro, spiega la Protezione civile, sono nuovamente Castelsantangelo, Norcia e Preci.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta, scippa la borsa ad una donna di Succivo: arrestato Francesco Miele

9:11

carabinieriORTA DI ATELLA. I carabinieri della Stazione di Orta di Atella , in quel centro, hanno arrestato in flagranza di reato per rapina in concorso, Miele Francesco, cl. 1964, di Marigliano.

Nella circostanza il malvivente, a bordo di ciclomotore, unitamente ad un complice in corso di identificazione, ha rapinato una borsetta a una quarantottenne di Succivo , spingendola contro un muro ed impedendone i movimenti.

Nel corso dell’azione delittuosa la donna ha perso l’equilibrio ed è caduta rovinosamente.

Il tempestivo ausilio di alcuni passanti e l’immediato intervento dei militari dell’Arma ha permesso di bloccare i malfattori, uno dei quali è però riuscito a scappare per le vie limitrofe, facendo perdere le proprie tracce.

L’arrestato è stato accompagnato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. Le ricerche del fuggitivo sono tuttora in corso.

(altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, giovedì presentazione del libro “Loro diranno, noi dicamo” di Zagrebelsky e Pallante

10:25

coverOrta di Atella. Giovedì 27 Ottobre alle 19:30 si terrà, presso il Chiostro del Convento dei Frati Minori in P.zza San Salvatore a Orta di Atella, la presentazione del libro "Loro diranno, noi diciamo" di Gustavo Zagrebelsky e Francesco Pallante.

All'incontro organizzato dal Collettivo Politico Culturale "Città Visibile", all'interno della rassegna "Pretesti per Parlarne", parteciperanno l'autore Francesco Pallante, professore di Diritto Costituzionale presso l'Università di Torino e Giuseppe Cerreto, del Collettivo Città Visibile e responsabile del Comitato Atellano per il NO. Modererà l'incontro Renato Briganti, professore di Diritto Pubblico.

Loro diranno, noi diciamo è un libro quanto mai attuale, che servirà da spunto per parlare di politica, Costituzione e soprattutto del Referendum Costituzionale su cui saremo chiamati ad esprimerci il 4 Dicembre.

Nel saggio, diventato il manifesto delle ragioni del NO alla riforma, gli autori argomentano contro le modifiche della Costituzione – di cui si vorrebbero cambiare ben 47 articoli (oltre un terzo del totale) – e contro la legge elettorale, per il rinnovamento di una democrazia partecipata. Oltre alle critiche di merito (contraddizioni, errori concettuali, complicazione del sistema), vengono messe in evidenza le forzature procedurali che hanno connotato il percorso di approvazione delle due leggi. Ne emerge un quadro tutt'altro che rassicurante: le nuove regole del gioco politico risultano essere, a giudizio degli autori, sempre più un'imposizione unilaterale basata su rapporti di forza incostituzionali – leggi approvate in tutta fretta e al costo di qualunque forzatura.
Il libro si chiude offrendo al lettore il confronto, articolo per articolo, del testo della Costituzione vigente con quello che scaturirebbe dalla riforma. Ciò allo scopo di offrire al cittadino una chiara visione d'insieme del nuovo dettato costituzionale.
Una presentazione che va nel solco dell'impegno nella campagna referendaria per il NO, nella quale il Collettivo Città Visibile è impegnato, essendo tra i promotori del Comitato Atellano per il NO.
FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, costituito il comitato referendario per il “SI”

12:54

orta-per-il-siOrta di Atella. Ad Orta di Atella parte la campagna referendaria per il “Sì”. A seguito di una serie di incontri, in perfetta sintonia con lo spirito inclusivo, di coinvolgimento e di sensibilizzazione su una tematica di fondamentale importanza per la vita democratica dell’intera nazione, quale la riforma costituzionale, l’associazionei-Dem, associazione di riferimento del Partito Democratico, assieme al Partito Socialista Italiano e ad una folta e qualificata rappresentanza della società civile, hanno costituito il comitato promotore per il Sì.

Davanti ad un appuntamento così importante per le sorti dell’intero paese si è deciso di unire tutte le forze politiche ed associazionistiche impegnate, da sempre, nell’azione riformista e progressista, lanciando un segnale chiaro di compattezza su temi che vanno oltre quelli che possono essere le differenziazioni e sfumature delle parti (e dei partiti). Un comitato più ampio e trasversale che vuole interpretare davvero il senso di un referendum popolare: i partiti hanno fatto la loro parte in Parlamento, ora spetta agli italiani in quanto cittadini.Nel pieno rispetto,quindi, diquelle che sono le direttive nazionali e regionali, cui però, evidentemente, alcune “parti in causa” hanno preferito non aderire, scegliendo altre strade “autoreferenziali”.

Si procederà, comunque, anche ad Orta di Atella, all’organizzazione di una serie di iniziative che sosterranno la scelta del “Sì” nel referendum confermativo della riforma costituzionale approvata dal Senato il 20 gennaio e confermata dalla Camera l’Aprile scorso. Il voto è fissato per il prossimo 4 dicembre.

Le modifiche, in sintesi, consistono nel superamento del bicameralismo perfetto, la riduzione del numero dei parlamentari (Palazzo Madama ospiterà 100 senatori), il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del titolo V della Costituzione.

Saranno avviati una serie di appuntamenti tematici in cui si affronteranno tutte le novità previste dalla storica Riforma.

Al comitato, aperto, inclusivo e disponibile alla collaborazione con tutti coloro che si sentono impegnati nella campagna referendaria per il Sì, oltre ai rappresentanti di i-Dem, Gianfranco Piccirillo e Annalisa Cinquegrana, al segretario dei socialisti, Espedito Ziello,Antonio Russo (consigliere comunale), Angelo Cervone (assessore),e tutti gli iscritti delle due compagini, hanno aderito amministratori comunali ed esponenti del mondo dell’associazionismo e della società civile. Fragli altriArturo Vislino (consigliere comunale), Rosaria Autieri (assessore), la professoressa Angela Iervolino e tanti altri che saranno presenti nel corso delle iniziative che saranno messe in campo sin dai prossimi giorni.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, sorpreso con hashish a bordo dell’auto: deferito 31enne di Frattaminore

18:07

carabinieriOrta di Atella    Nel corso della mattinata odierna i Carabinieri del Comando Stazione di San Prisco hanno deferito in stato di libertà, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo hashish, un 31enne di Frattaminore. L’umo in via Clanio, ad Orta di Atella, a bordo di autovettura Lancia Y, con manovra di retromarcia repentina, ha eluso l’alt intimato dai carabinieri dandosi a precipitosa fuga, riuscendo a dileguarsi per le vie limitrofe.  (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta, domenica il centro studi “Stanzione” presenterà il libro “Pisacane – lettere al fratello Borbonico 1847-1855”

14:54

pisacane-ortaOrta di Atella. Domenica 9 ottobre alle ore 18,00 il Centro Studi Massimo Stanzione presenterà il libro di Carmine Pinto, Silvia Sonetti, dell’Università di Salerno e di Ernesto Maria Pisacane, discendente del noto eroe risorgimentale: “PISACANE – LETTERE AL FRATELLO BORBONICO 1847-1855”, edizioni Rubbettino. Il dibattito sarà moderato dal Direttore del Centro Studi Alessandro Di Lorenzo. Molte delle lettere presenti nel testo sono inedite e provengono dall’archivio della famiglia Pisacane. La scelta di presentarlo ad Orta di Atella è stata dettata dalla volontà di volere omaggiare la cittadina che diede i natali alla compagna del Pisacane: Enrichetta di Lorenzo. Le lettere conducono il lettore in una sfera personale di affetti dei due fratelli Pisacane: Filippo e Carlo, ma al contempo rendono ancora più chiare le ragioni delle loro antitetiche scelte politiche. Filippo, infatti, fratello maggiore, dedicherà tutta la sua vita alla causa lealista e alla monarchia borbonica, essendo un ufficiale degli Ussari, fino all’epilogo dei fatti di Gaeta e il successivo esilio a Marsiglia, mentre, di converso Carlo affiderà al suo triste destino della spedizione di Sapri il suo più alto inno alla rivoluzione italiana e allo stato unitario. Nel 1849 i due fratelli rischiarono anche di combattere su fronti opposti presso Velletri, durante la repressione della Repubblica Romana. Nonostante le divergenze politiche, i due seppero amarsi e rispettarsi, e nessuno cercò mai di dissuadere l’altro nelle proprie scelte di campo. Carlo divenne così l’eroe sfortunato tanto acclamato dal Risorgimento, mentre Filippo condusse i suoi ultimi giorni come Generale borbonico in esilio, dove riuscì a vivere grazie ad un vitalizio concessogli da Francesco II. Dalle lettere emerge l’indole indomita ed amorevole della Enrichetta, che continuava a scriverle insieme all’amato Carlo. Dall’epistolario traspare anche evidente il ruolo dei Di Lorenzo nella lotta risorgimentale e soprattutto il loro rapporto con la famiglia ebrea-tedesca dei Rothschild, ai quali i due fuggiaschi chiesero spesso aiuto durante il loro peregrinare errante per l’Europa.

L’evento ha come supporters l’Associazione Ex Alunni Liceo Durante, l’AICC delegazione di Frattamaggiore ed Atella TV.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta, venerdì il centro “Massimo Stanzione” proietta “Via Nova”, il film sulla strage nazista di Orta di Atella

10:46

20160925_184936Orta di Atella. In occasione del settantatreesimo anniversario della strage nazista di Orta di Atella, Venenrdì 30 alle ore 19,30 il Centro Studi Massimo Stanzione è lieto di  proiettare presso la sua sede, sita in Orta di Atella (CE) alla via Mazzini n.11, il film evento “La Via Nova”. La pellicola liberamente tratta dai registi Michele Cinquegrana e Concetta De Cristofaro, con la  sceneggiatura di Roberto Russo, è diventata nel giro di un anno, dalla sua uscita nelle sale cinematografiche, un cult della storia atellana. I fatti sono narrati in modo esplicito ma senza menzionare i nomi delle persone realmente esistite e coinvolte nel tragico evento. L’uso del bianco e nero rende autentico il filmato, calandosi in quella realtà agraria della Orta degli anni quaranta del secolo scorso, tutta dedita alla lavorazione della canapa. Nonostante la delicatezza di privacy dettata dai giovani registi nostrani, il film mette in luce episodi  e quesiti che  tutt’oggi sono ancora avvolti da una coltre di nebbia ermetica. Il video-romanzo diviene così una sintesi dei vari “sentito dire”, condito da una lirica dantesca, che raggiunge il suo apice nelle scene  finali degli angeli-martiri che in cerchio cercano di proferire “una parola ancora”; una parola ancora per i carnefici ed una parola ancora per i familiari e per quel pneuma, soffio di vita, che ormai diviene sempre più fioco. Emozionante il racconto di quei tragici fatti che alla fine della pellicola  le persone anziane ceracano di fare, tutte unite in coro nella frase finale: sono morte solo  povere persone innocenti , che niente avevano a che fare con la presunta azione partigiana. Rimane il dilemma aperto e storico-critico sull’interpretazione degli autori del rapimento dei soldati tedeschi, ovvero sono da considerarsi eroi partigiani, alla stregua di quelli di via Raselli a Roma, oppure erano personaggi  dediti alla borsa nera ed al furto?

La proiezione sarà presieduta, oltre che dai registi sopra citati, dallo sceneggiatore Roberto Russo.
FacebookTwitterGoogle+Share

Controllo congiunto del territorio dei vigili urbani, protocollo d’intesa fra i sindaci atellani

15:24

sindaciatellaniAgro Atellano        Continua l’attività della Conferenza permanente dei Sindaci dei Comuni atellani, che si riuniscono ormai settimanalmente al fine di portare avanti iniziative e far fronte ad emergenze comuni. Facendo seguito all’incontro tenutosi venerdì 16 settembre con il Prefetto Donato Cafagna, commissario straordinario di governo per i roghi di rifiuti, il giorno giovedì 22 settembre presso la Sala Giunta del Palazzo Ducale “Sanchez de Luna” del Comune di Sant’Arpino è stata discussa dai  Sindaci Atellani, Giuseppe Dell’Aversana, Gianni Colella, Giuseppe Mozzillo, Enzo Guida, Andrea Moretti e Giuseppe Bencivenga, una bozza di Protocollo d’intesa da siglare con i Comandi dei Vigili Urbani dei rispettivi Comuni.  (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Lo studente di Orta Marco Ciccarelli protagonista del mondo delle app

14:18

marco-ciccarelliOrta di Atella    Fino a poche settimane fa nel descrivere l’apporto del giovane studente di Orta di Atella, Marco Ciccarelli, al mondo delle nuove tecnologie si poteva a giusta ragione parlare dell’opera di una giovane promessa. Ma in questo scorcio di Settembre si può senza tema di smentita definire l’operato di Ciccarelli come quello di una vera e propria realtà consolidata. Infatti per il ventiduenne studente di informatica presso l’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”, ormai è un susseguirsi di riconoscimenti sia dal mondo Apple che da quello Android, che testimoniano la bontà delle intuizioni e soprattutto dei progetti che diventano realtà del Ciccarelli. In queste settimane è, infatti, tutto un susseguirsi di approvazioni per applicazioni che svariano a 360 gradi dalle consulenze per giochi e strumenti connessi alle nuove tecnologie, a quella per trovare gli ospedali e le cliniche più vicine, fino ad un catalogo contenente le migliori battute delle nuove leve della comicità made in Napoli. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta, Stefano Caiazza conquista un buon quinto posto al primo trofeo “Pizza della Fiera Vesuviana”

19:36

San Gennaro Vesuviano. stefanocaiazza E' stato assegnato oggi il primo trofeo "Pizza della Fiera Vesuviana di San Gennaro" che ha visto scontrarsi ben 60 pizzaioli campani su due tipologie di pizza: "margherita" e "classica" (con gusto e impasto a scelta).

La competizione vesuviana ha visto gareggiare anche un pizzaiolo di Orta di Atella, Stefano Caiazza (Pizzeria "Antico Palazzo", Via S. Donato, 61, 81030 Orta di Atella CE) , che ha ben figurato con il suo quinto posto finale. "Speravo in un migliore piazzamento ma va bene così - dichiara il pizzaiolo di Orta - considerando anche che eravamo oltre 50 a gareggiare e che la competizione non è stata semplice".

La fiera vesuviana è una delle più antiche della campania, arrivata all’edizione numero 403, ed ha avuto quest'anno il suo Primo Trofeo della Pizza, organizzato da Gennaro e Angelo Catapano e Salvatore Perillo, colonne portanti della famosa pizzeria Jolly.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta: minaccia di far saltare casa, carabinieri evitano strage

14:21

carabinieriOrta di Atella     I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise hanno deferito, in stato di libertà, un cinquantacinquenne di Orta di Atella che, la notte scorsa, in preda a disturbi psichici, dopo essersi barricato in casa, ha aperto una bombola di gas e maneggiato un accendino col chiaro intento di causare un’esplosione all’interno dell’edificio di residenza, dove vi sono ulteriori 5 appartamenti, occupati da altrettante famiglie.  (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share
1 28 29 30 31 32 35