POLITICA – Pagina 4

Il PSI di Orta sostiene il SI al prossimo referendum di ottobre

9:12

PSIOrta di Atella. Dopo la Direzione provinciale del P.S.I. tenutasi anche in presenza del Segretario Regionale Marco Riccio,la sezione “S.Pertini” di Orta di Atella nella figura del suo Segretario Espedito Ziello, compatta ed unita sostiene la campagna refendaria per il SI alla prossima scadenza di Ottobre.
Il referendum costituzionale con cui verrà deciso se approvare o respingere la legge Boschi, cioè la riforma della Costituzione voluta dal governo Renzi. Si tratta di un testo lungo e complesso che modificherà in maniera sostanziale il funzionamento dello stato.

L’Italia cesserà di essere un paese dove vige il “bicameralismo perfetto”, cioè la parità di ruolo e competenze tra le due camere, con l’apporto diuna riforma sostanziale del Senato della Repubblica.
Saranno modificati inoltre i rapporti tra stato e regioni e verranno introdotte tutta un’altra serie di modifiche come quelle sull’elezione del presidente della Repubblica e sull’istituto del referendum.

E’ un momento di confronto serio su tematiche politiche che possano rafforzare e rilanciare l’azione di governo centrale, partendo principalmente dalle basi locali.
Il Partito Socialista, congiuntamente con i partiti, i gruppi , le associazioni che sostengono questa battaglia referendaria, s’impegnera’ nella costituzione di un tavolo locale, d’informazione, organizzazione e confronto.
Questa referendaria sara’un’occasione importante per i Partiti stessi,che consentira’di rafforzare la nostra identità, la nostra funzione, e di recuperare un   nuovo entusiasmo: essere, come nostro dovere e natura storica, gli interpreti del cambiamento.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta. Indaco non è più presidente del consiglio comunale. Al suo posto Russo.

15:49

indacoOrta di Atella     Eduardo Indaco non è più presidente del consiglio comunale di Orta di Atella, a seguito del voto di stamattina con il quale il civico consesso atellano ha revocato la delibera del 9 luglio 2015. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta: Eleveri annuncia l’avvio di ludoteca, banco alimentare e segretariato sociale

23:01

orta di atellaORTA DI ATELLA   Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere delegato alla 328 del Comune di Orta di Atella, Raffaele Eleveri. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, il Psi ” Necessario un cambio di passo”

23:05

ZielloOrta di Atella    Il PSI (PARTITO SOCIALISTA ITALIANO) nell’ultimo direttivo di sezione, ha deliberato, in un’analisi complessiva dell’attuale situazione politico-amministrativa, di preventivare una serie di iniziative da proporre all’attuale amministrazione attraverso i suoi rappresentanti. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. Il Collettivo Città Visibile “Tutti a casa”

18:08

1 orta-di-atella-dimetteteviOrta di Atella.     Riceviamo  e pubblichiamo dal Collettivo Città Visibile.

“Gli ultimi giorni hanno visto nuovamente Orta di Atella al centro della cronaca giudiziaria. Quello che emerge, in tutta la sua dirompente tragicità, è un disarmante degrado politico e morale, il quadro di un ceto politico ortese abituato alla commistione con zone grigie della società, se non del tutto asservito ad esse. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Il PD “Con Mozzillo un anno di niente”

15:15

pdOrta di Atella      Riceviamo e pubblichiamo dal Partito Democratico di Orta di Atella.

“È trascorso, ormai, un anno dalle elezioni che hanno portato all’apparente rinnovo dell’amministrazione comunale. Un anno di niente!

Si galleggia con un risicatissimo voto in più. Il cambio di passo non c’è stato. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Referendum. I sì oltre il 90% nei comuni atellani

13:11

urne-seggio-elettoraleAgro atellano.    Si sono espressi in larghissima maggioranza per il sì gli elettori atellani che ieri si sono recati alle urne. A Sant’Arpino i favorevoli sono stati 3.062 pari al 93, 13%, i no 226. A Succivo per il sì hanno votato 1.716 cittadini pari al 93,31%. Ad Orta per l’abrogazione della normativa in vigore si sono espressi 4.867 cittadini corrispondenti al 94,82% di quanti hanno votato, a Cesa, infine, i favorevoli sono stati 1.352 pari 91,60% dei votanti.

FacebookTwitterGoogle+Share

Referendum, nemmeno il 30% ha votato nei comuni atellani

7:50

referendum_900_0Agro Atellano.     Ha fatto registrare un dato ancora più basso rispetto a quello nazionale l’affluenza alle urne nei comuni atellani in occasione della tornata elettorale referendaria.

In nessuno dei quattro centri è stato raggiunto il 30% del quorum, con Sant’Arpino che ha fatto registrare il 29,97% dei partecipanti, Succivo il 29,03%, Orta di Atella il 26,85% e Cesa il 22,75%.

FacebookTwitterGoogle+Share

L’appello di OrtaSiCura per il sì al referendum

15:26

orta sicuraOrta di Atella.   Riceviamo e pubblichiamo dall’associazione OrtaSiCura.

Pur consapevoli che Il tema delle trivellazioni o meglio le attività di ricerca e di estrazione di petrolio in mare, su cui dobbiamo esprimerci nel referendum del 17 Aprile 2016, risulta molto complesso; non si può stabilire il piano energetico di un paese a colpi di referendum; un referendum non darà, da solo, qualunque sia il risultato delle votazioni, la soluzione di una problematica che richiede una diversa sensibilità, da parte di tutte le forze politiche, nella visione strategica del futuro energetico di un Paese; Siamo convinti che non si può consentire il soffocamento di un momento di democrazia, subendo un silenzio totale su una problematica che interessa il futuro del nostro Paese; Bisogna dare un segnale forte con l’espressione del voto, per evitare che l’astensionismo invalidi il referendum con un quorum inferiore al 50% e per dimostrare che si ha voglia di partecipare e di contrastare una politica che non è molto attenta al futuro del nostro Paese; Bisogna esprimere con forza, attraverso il voto, che sussiste la necessità di dotare il nostro Paese di una strategia energetica che consenta gradualmente di uscire fuori dall’era dei fossili e ci proietti sempre di più nel mondo delle energie rinnovabili; BISOGNA VOTARE E VOTARE SI  PER QUESTI MOTIVI: L’estrazione del petrolio inquina e distrugge l’ambiente; La fase di estrazione del petrolio mette in pericolo la salute dei cittadini, le nostre coste, la fauna  e il turismo  perché nel caso di eventuali incidenti, con conseguente perdita di petrolio, si   provocherebbero danni gravissimi e irreversibili; L’estrazione del petrolio non determina ricadute positive sul bilancio dello Stato e contempla unicamente gli interessi di multinazionali e di grandi gruppi di potere; I fantomatici e tanto decantati posti di lavoro creati dalle “trivellazioni” sono pochi. Basti pensare, a tal proposito, che una indagine statistica, attenta e rigorosa, ha stabilito che se i capitali, utilizzati per le  estrazioni petrolifere, venissero impiegati per le energie rinnovabili si verificherebbe una ricaduta occupazionale maggiore di circa  venti volte; Le trivellazioni non risolvono la dipendenza energetica dai Paesi Esteri.  A ciò si aggiunga  anche la certezza che tutto il petrolio estratto dai nostri mari viene sottoposto a lunghi ed articolati viaggi, con conseguenti e consistenti danni alla salute e all’ambiente, per subire i relativi processi di lavorazione e che lo stesso non è nelle nostre disponibilità di utilizzo; Il mancato raggiungimento del “quorum” del 50% consentirà l’intensificazione delle politiche energetiche basate su combustibili fossili che continueranno a determinare danni irreversibili all’ambiente e alla nostra salute. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta. Silvestre e D’Ambrosio referenti di “Terra Libera”

16:16

BOSCO ORTAORTA DI ATELLA. Anna Silvestre e Ferdinando D’Ambrosio sono i referenti di Orta di Atella di ‘Terra libera’, movimento diretta espressione del consigliere regionale Luigi Bosco; la nomina è stata formalizzata dallo stesso vicepresidente della commissione Attività produttive, Industria, Commercio e Turismo. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Il PD. “Basta con l’immobilismo. Bisogna affrontare i problemi di Orta”

13:14

pdORTA DI ATELLA. Riceviamo e pubblichiamo dal locale circolo del Partito Democratico.

“Domenica 20 marzo si è svolta l’assemblea cittadina del Partito Democratico. Una discussione appassionata ed approfondita ha evidenziato una condivisione di giudizi che impongono, a quanti si rivedono nella tradizione democratica del nostro partito, di superare le divergenze che avevano caratterizzato l’ultimo periodo.

Pur rispettando le decisioni del Ministero dell’Interno, che non ha ritenuto opportuno sciogliere il consiglio comunale per infiltrazioni camorristiche, il circolo del Partito Democratico, senza nascondere perplessità in merito a tale decisione, ha deciso, all’unanimità, di riprendere l’iniziativa, aprendo un confronto con i cittadini in primis e con le forze politiche e sociali, associazioni e movimenti, presenti sul territorio, per proporre, con serenità e correttezza, un percorso che rivitalizzi una discussione democratica. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 4 5