Notizie in evidenza – Pagina 3

Sant’Arpino. Lettera aperta del Meetup

16:00

Sant'Arpino      Riceviamo e pubblichiamo.

"Innanzitutto ci corre l’obbligo di scusarci in quanto nella nostra prima uscita ufficiale avvenuta a mezzo volantino siamo incorsi in un errore. Abbiamo pubblicato a nome di meetup Sant’arpino movimento 5 stelle. Ci è stato fatto notare come la denominazione movimento 5 stelle fosse illegittima in quanto adottabile solo dopo una serie di verifiche degli organi preposti all’interno del Movimento stesso.Ci teniamo a precisare che l’errore c’è stato e lo riconosciamo, ma che tale disattenzione è stata dettata dall’inesperienza e non dalla malafede come qualcuno ci ha rimproverato. L’uso della denominazione contestata usata a scopo di potere attrattivo per convogliare consensi non era il nostro scopo. Ebbene chi l’ha scritto questo ha fatto e nient’altro. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO. Sant’Arpino. Il consiglio comunale che ha dato il via libera all’adesione ad Acquedotti Scpa

13:04

Sant'Arpino       L'adesione ad Acquedotti Scpa da parte del Comune di Sant'Arpino rappresenta, senza ombra di dubbio, l'argomento più caldo di questo primo scorcio di autunno con le polemiche che non accennano a placarsi.

Vi proponiamo l'intera seduta del consiglio comunale nel corso della quale è stato dato il via libera a questo provvedimento. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino. Adesione ad Acquedotti, il Movimento Cinque Stelle chiede le dimissioni del sindaco

15:55

Sant'Arpino      Riceviamo e pubblichiamo dal Meet Up cittadino del Movimento Cinque Stelle.

"Siamo rimasti abbastanza perplessi quando il Sindaco, in Consiglio Comunale, si caricava di una responsabilità politica immensa, ammettendo la propria incapacità a riscuotere le tasse con conseguente accumulo di debiti. Vuoi vedere che sorprende tutti e rassegna le dimissioni? Macchè! (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Cesa. Rinviata a domenica 11 Novembre la manifestazione in onore dei Caduti di Guerra

14:57

Cesa     L'amministrazione comunale in collaborazione con l'Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Cesa comunica che la prevista manifestazione di domenica 4 novembre in Piazza De Gasperi, a causa delle avverse condizioni meteorologiche, è stata rinviata a domenica 11 novembre 2018 seguendo il medesimo programma già diffuso.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, Maria Rosaria Di Santo:”Dell’Aversana ignora la volontà dei cittadini, adesso acqua salata per tutti”

13:13

SANT'ARPINO. Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere comunale Maria Rosaria Di Santo, esponente del movimento politico "Alleanza Democratica per Sant'Arpino".

"Ho portato ancora una volta all'attenzione di Dell'Aversana il malcontento dei santarpinesi, contrari all'adesione alla Società Acquedotti ScpA, parere espresso anche attraverso una petizione, - sottoscritta da ben 369 persone - ma il sindaco anche questa volta ha deciso di ignorare la comunità, tutelando l'interesse di pochi. A votare per l'approvazione della petizione siamo state solo io e un’altra consigliera comunale, mentre tutti i presenti si sono opposti all'istanza. Vorrei precisare che i cittadini con la petizione chiedevano chiarimenti sulla convenzione e reclamavano la convocazione di un consiglio comunale aperto. Dell'Aversana circa una settimana fa si è invece limitato a convocare un'assemblea pubblica, praticamente un comizio, durante il quale tutto quello che è stato esposto non è stato verbalizzato. Inoltre, l'assemblea è stata convocata solo con un avviso sui social senza l'affissione di alcun manifesto, come se la vita della nostra comunità fosse una questione puramente virtuale e destinata esclusivamente agli internauti. Il sindaco per evitare un confronto critico e produttivo ha evitato di fornire prima la documentazione necessaria, ha poi strategicamente optato per un'assemblea, che diversamente dal consiglio comunale aperto, non prevede la verbalizzazione degli interventi dell'amministrazione e dei cittadini". La Di Santo continua indignata:" Dell'Aversana ha cercato di propinare la decisione della sua maggioranza come esemplare, cadendo alle prime domande che gli sono state poste. Il sindaco infatti, ha dichiarato che l'adesione alla società comporterà uno sgravio dei costi di manutenzione ordinaria e straordinaria, l'art 4 della convenzione però sancisce che terminati i 30 anni di convenzione, gli impianti realizzati a cura e spese della società saranno ceduti al comune mediante corrispettivo, e in caso di mancato pagamento la società godrà del diritto di ritenzione degli impianti ovvero tratterrà la gestione degli impianti. Vorrei sottolineare che il termine "impianti" è piuttosto vago. Non si riferisce solo alla rete idrica come il sindaco e la sua amministrazione vogliono far credere, gli impianti possono essere anche tubature o valvole". La rappresentate di AD conclude: "È doveroso effettuare anche una ricostruzione storica della tariffa dell'acqua adottata dal comune di Sant'Arpino. Il 29 luglio 2018 l'amministrazione Dell'Aversana motivò l'aumento delle tariffe dell'acqua, rispetto a quelle deliberate il 16 Marzo 2017, attribuendolo all'incremento del costo da parte di Acqua Campania, da 0,16 a 0,26 € al mc, a cui furono aggiunti il costo di gestione del servizio idrico, quello del personale e dei mutui, fatti per la rete idrica negli anni pregressi, tutti imputati al 100%, anziché all’80%, per effetto del predissesto . Mi chiedo se le tariffe di Acquedotti, citate dal sindaco in consiglio comunale e anche in alcune interviste, includano tutti questi oneri; diversamente, se si dovessero aggiungere, porterebbero il livello del canone a livelli stratosferici, rendendo più conveniente quello attuale. E' bene fare chiarezza su questa questione, che è del resto, quella decisiva ed è per questo che era stato chiesto un Consiglio Comunale Aperto, per meglio riflettere e per meglio acquisire dati contabili al fine di effettuare conteggi equi, per evitare di salassare senza ragione ulteriormente la popolazione. Certamente i mutui non saranno saldati dalla società, né il debito di € 6.000.000 con Acqua Campania, che rimarranno, comunque a carico del Comune e della fiscalità generale. Ma Dell'Aversana ancora non riesce a comprendere ed a motivare in modo convincente questa sua decisione, … forse ama l'acqua salata! Ma nel frattempo a “berla” saranno i cittadini".

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, don Mario Puca:”San Canione è il patrono della nostra comunità parrocchiale”

17:02

SANT’ARPINO.La festa di San Canione è la festa dedicata al patrono della nostra comunità parrocchiale che certamente non è il patrono di Sant’Arpino, che tutti quanti conosciamo bene. Noi abbiamo la nostra festa come tutte le parrocchie hanno la propria" queste le dichiarazioni con cui don Mario Puca, parroco della parrocchia di San Canione, ha risposto a don Umberto D'Alia, parroco della parrocchia di Sant'Elpidio, che domenica scorsa, al termine della messa delle 11 e 45, ha precisato dall'altare che l'unica festa patronale che si svolge a Sant'Arpino è quella della terza domenica di luglio in onore di Sant'Elpidio mentre la festa di San Canione è una festa parrocchiale e quindi il relativo comitato si dovrebbe chiamare Comitato Festa Parrocchiale per non infondere confusione tra i fedeli.

"Il parroco della parrocchia di Sant'Elpidio poteva evitare di generare sterili polemiche - ha dichiarato don Mario Puca - Mi dispiace che abbia dichiarato queste cose che poteva chiarire con me telefonicamente, gli avrei spiegato tutto. Per noi resta la Festa Patronale di San Canione. Se don Umberto vuole, può chiamarmi per avere spiegazioni".

   
FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, Meetup M5S descrivono le emozioni del primo Consiglio Comunale a cui alcuni di loro hanno assistito

16:39 SANT'ARPINO. Riceviamo e pubblichiamo dal "Meetup Movimento 5 Stelle Sant'Arpino". Per alcuni di noi del Meetup Sant'Arpino M5S quello di ieri è stato il primo Consiglio Comunale a cui abbiamo assistito. Come tutte le cose che si fanno per la prima volta anche il consesso cittadino ha destato in noi forti emozioni. Ne descriviamo alcune. Più in alto di tutti c'erano la Presidente del Consiglio e la neo-segretaria comunale, alla quale ci sentiamo di esprimere i nostri auguri di buon lavoro e vicinanza morale per il difficile ruolo che ricoprirà. Alla Presidente invece, va riconosciuta una degna preparazione espressa sempre con cognizione di causa e un'ottima capacità oratoria. Sarebbe meglio spoliticizzata in quanto figura istituzionale, ma questo è oggettivamente un altro discorso. Ci sentiamo comunque di consigliarle un tantino di attenzione in più nel conteggio dei voti. Le votazioni sono avvenute per alzata di mano su tre punti. Ci è sembrato che in un paio di occasioni qualche consigliere di maggioranza e un assessore abbiano alzato la mano in ritardo rispetto all'ufficializzazione verbale del Presidente, in un caso ci è parso per niente. Ci chiediamo da neofiti se questo dato possa invalidare il risultato. Crediamo di no. Risulterebbe essere una disattenzione troppo grave su un tema così importante quale quello della gestione idrica. Sarà rimasta spiazzata, anche lei, dalla taciturna votazione, a favore della maggioranza, di due consiglieri di opposizione, legittima senz'altro, ma motivare con un intervento sarebbe stato opportuno. Come sarebbe stato opportuno che un'altra consigliera di opposizione avesse addotto delle sue considerazioni anziché leggere pedissequamente alcuni articoli dello schema di convenzione. Sarebbe stata efficace come quando ha incalzato sui 30 anni di durata della convenzione stessa. Avevamo chiesto all'opposizione di porre una ns. domanda (ma fanno a gara a chi non fa quello che noi chiediamo): Dove prenderà il sindaco i soldi per una nuova rateizzazione? Ebbene un'altra consigliera di opposizione ce l'ha quasi fatta. Sì, quasi. Non come l'avremmo posta noi, ma con argomentazioni diverse. Ad ogni modo la ringraziamo poiché tali argomenti saranno oggetto di studio. Così come oggetto di studio dovrà essere per noi l'Assessore assente. Ci ha fatto perdere una scommessa. Non possiamo permetterci di sbagliare ancora definendolo ormai ex, ma almeno sapere se l'assenza è giustificata. Idea! Potremmo chiederlo a colui con il quale abbiamo perso la scommessa, così la prossima volta vinciamo. Anche la vice-sindaco ci ha messo lo zampino, definendo le firme della petizione che chiedeva rinvio del punto all'odg, pochine. Dando luogo alle proteste di alcuni cittadini, sentitisi offesi per la scarsa considerazione, forse perchè firmatari. Riteniamo che la vice-sindaco possa esprimere legittimamente una propria considerazione quantistica e valutarne da sola l'opportunità. Se la poteva risparmiare? Decisione sua. Così come ce la potevamo risparmiare noi del comitato spontaneo l'inadempienza nei confronti dei firmatari della petizione, non depositando le firme in tempo al protocollo. Costringendo, così, una consigliera comunale a pretendere l'ammissione agli atti subito prima dell'inizio dei lavori e consentendo, in questo modo, alla Presidente una disquisizione giuridica sull'argomento e susseguente atto di magnanimità di ammissione al voto. Abbiamo davvero tanto apprezzato, senza ironia, il gesto di un assessore seduto alla sinistra del Sindaco, molto mimico quanto mitico, quando ha mandato a quel paese qualcuno che dal pubblico continuava a disturbare i lavori, per poi continuare a lisciarsi i baffi. Lo sappiamo non se li liscia, ma ci è sembrato simpatico scriverlo. Tutti gli altri non pervenuti, tranne il Sindaco, ma con lui è un discorso a parte. Nel frattempo lo ringraziamo per la simpatia che ci è sembrato ci accordasse. Cercheremo di ricambiarlo.   Grazie per l'attenzione.  
FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino. Il consiglio comunale approva l’adesione a Acquedotti Scpa

20:18

Sant'Arpino     Via libera del civico consesso all'adesione del comune di Sant'Arpino ad Acquedotti Scpa. Il primo punto all'ordine del giorno è  passato con i voti della maggioranza, fra le cui fila era assente l'assessore Domenico Iovinella. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO – Sant’Arpino, Comitato Acqua Nostra sull’adesione alla società acquedotti:”Il sindaco ci ripensi”

15:21
FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, Meetup M5S:”Ancora in tempo per stralciare il punto, ve lo chiedono soprattutto i cittadini che hanno firmato la petizione”

13:24

SANT'ARPINO. Riceviamo e pubblichiamo dal "Meetup Movimento 5 Stelle Sant'Arpino".

"Il fatidico giorno è giunto. Questa sera il Consiglio Comunale delibererà per l'adesione alla società Acquedotti SCPA.

L'Amm.ne Comunale TUTTA si è assunta la responsabilità politica di questa decisione attraverso la firma di un documento redatto dal movimento politico "Speranza & Futuro".

Riteniamo siano mancati i veri strumenti di confronto democratico. Avete spacciato per tali: la vs. assemblea pubblica, il vs. dibattito sui social e le vs. interviste.

E' mancato un tavolo di confronto e risposte certe alle domande di chiarimenti, che da più parti vi sono state poste.

E' vero, il documento politico è stato firmato da tutti, ma su una decisione così importante, ciò risulta abbastanza relativo. La firma la si appone anche quando si vanno a presentare le condoglianze ai congiunti di un defunto, ma dopo non si va via, le si esprime di persona.

Sareste ancora in tempo, se non foste pervasi dalla smania del non fermarvi mai, a stralciare il punto incriminato, all'o.d.g.

Ve lo chiedono le forze politiche di opposizione, le componenti del comitato spontaneo, tra le quali anche noi del Meetup e, soprattutto, i cittadini che hanno firmato la petizione.

Convocare tutti attorno a un tavolo di confronto vero.

Non avete valutato forse la vittoria politica che ne deriverebbe per voi nel confutare, con le vs. inoppugnabili tesi, le nostre legittime considerazioni?

Ma evidentemente non le ritenete così valide voi stessi.

Sarà per la ns. incompetenza politica, ma noi non ravvisiamo alcuna incoerenza di quel certo assessore della vs. giunta che è anche consigliere di amministrazione di quella certa società, tantomeno riscontriamo un conflitto di interesse, in quanto, non dell'adesione alla società dell'assessore si discute.

Un falso problema insomma che ha deviato l'attenzione da quelli reali (conflitti di interesse) che si paleserebbero, invece postumi, se venissero a verificarsi quelle condizioni sbandierate ai 4 venti da molti , che riguardano altri 2 componenti della vs. giunta.

Noi non ci alimentiamo di gossip. La cosa certa è che, nel momento in cui i cittadini vedranno su chi ricadranno le scelte, comprese a margine di questa operazione (rappresentante dell'ente comunale nella società e ubicazione sede della stessa) non ci sarà bisogno di professori di matematica, basterà una semplice formuletta matematica: 2 + 2.

A quel punto trarranno le loro inequivocabili conclusioni.

Conclusioni, anche se di diversa natura, a cui giungerete anche voi dell'Amm.ne quando e se si procederà ad un rimpasto della giunta anche questo esemplificabile con formula matematica, 2 x 2 che matura stesso risultato della precedente.

Infine ci rivolgiamo ai consiglieri di opposizione e chiediamo, se almeno uno di loro, potrebbe farsi latore dei ns. quesiti inevasi, quantomeno quello sul debito, unico punto sul quale il Sindaco ha fatto retromarcia in tutta questa vicenda.

La nuova rateizzazione proposta per azzerarlo avrà la stessa sorte della precedente rimasta totalmente inevasa?

Su quali basi economiche troverebbe garanzia?"

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella. Sossio Sorvillo nuovo segretario cittadino di Campania Libera

11:52

Orta di Atella     Sossio Sorvillo eletto all’unanimità segretario cittadino di Campania libera ad Orta di Atella. L'assicuratore è stato designato leader del movimento deluchiano al termine di un partecipato congresso celebrato nella serata di ieri. Soddisfatto per il risultato conseguito il coordinatore provinciale di Campania libera Cesario Villano. «Con l’elezione di Sossio Sorvillo a segretario cittadino - afferma il professore - termina il mio lavoro da commissario di Orta di Atella. In questi mesi abbiamo lavorato duro affinché si giungesse al congresso con un nome unitario e condiviso da tutti. Considerando l'elezione all’unanimità dell'amico Sossio, possiamo ritenerci più che soddisfatti del risultato raggiunto. Ringrazio tutti i rappresentanti di Campania libera di Orta di Atella e il consigliere regionale e nostro leader Luigi Bosco». Determinato e pronto ad iniziare a lavorare, il neo segretario cittadino Sorvillo ha annunciato che, subito dopo la ricorrenza di Ognissanti e la Commemorazione dei Defunti, nominerà il direttivo che lo affiancherà nella nuova avventura alla guida di Campania libera. L'organismo sarà composto prevalentemente da giovani professionisti ortesi.

FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 4 5 193