ATTUALITA’ – Pagina 25

Sant’Arpino,Alleanza Democratica:”il consigliere Di Serio senza “scuorno” compare come progettista di un parco a via Libertà”

8:17

ImmfSant'Arpino. Riceviamo e pubblichiamo dal gruppo politico "Alleanza Democratica per Sant'Arpino".

Durante il comizio di Speranza e Futuro del 19 febbraio 2017, Il Sindaco Dell'Aversana, preso dall'impeto del momento, ancora una volta è caduto nella sua solita contraddizione. Nel difendere la sua pupilla Ivana Tinto dalla sua incompatibilità per il doppio incarico di Presidente del Consiglio Comunale e quello di delagata alla Cultura, non ha esitato ad attaccare pubblicamente l'ex Presidente Andrea Guida, perché a suo dire, mentre ricopriva tale carica, continuava a svolgere la libera professione di Ingegnere sul territorio santarpinese. Proprio Andrea Guida che ha sempre svolto il ruolo di Presidente in maniera esemplare ed encomiabile, senza mai anteporre i propri interessi lavorativi e personali. Come al solito, si è fermato a guardare la pagliuzza negli occhi degli altri, senza accorgersi della trave che si trova nel suo. E la trave di cui parliamo, è il Consigliere Comunale Ernesto Di Serio, uno dei suoi pasdaran, che nell'esercizio delle sue funzioni da amministratore, anziché essere garante della trasparenza, e in barba alla sua moralità tanto sbandierata ai quattro venti, senza alcuno "SCUORNO", compare come progettista di un nuovo parco su Via della Libertà, con tanto di nome in bella vista sul 6x3 che pubblicizza tale lavoro.

Ci meraviglia che il Sindaco Dell'Aversana, così attento agli eventi delle passate amministrazioni, non si sia mai accorto di ciò. Caro Peppino, come la mettiamo adesso? Quale altra scusa troverai questa volta per difendere l'indifendibile?

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, il movimento “Noi donne, prima di tutto” organizza una giornata dedicata alla prevenzione dell’osteoporosi

19:03

noidonne2Sant'Arpino. Il movimento politico culturale "Noi Donne, prima di tutto" presieduto dalla dott.ssa Iolanda Boerio, in collaborazione con il Gruppo Partenopeo Scoliosi, presieduto dalla dott.ssa Orsola Di Maio, organizzano, in occasione dell'8 marzo, una giornata dedicata alla prevenzione dell'osteoporosi.

Primo step del percorso di prevenzione sarà una MOC (Mineralometria Ossea Computerizzata) rivolta a:

  • donne di età superiore ai 55 anni
  • donne in menopausa precoce (prima dei 45 anni)
  • Persone in terapia con cortisone per più di tre mesi
  • persone con artrite reumatoide (con certificazione del reumatologo)
  • storia familiare di fratture vertebrali o del femore
  • Pregressa frattura del polso o altri segmenti per traumi lievi

Per accedere al percorso benessere occorre iscriversi all' Associazione "Gruppo Partenopeo Scoliosi" con un contributo minimo di 10 euro da versare presso la sede di Alleanza Democratica per Sant'Arpino in piazza Umberto I mercoledì 15 marzo dalle ore 10:30 alle ore 11:30 oppure giovedì 16 marzo dalle ore 17:30 alle ore 18:30.

"Crediamo che un aiuto concreto alle donne santarpinesi - fanno sapere dal movimento presieduto dalla Boerio - sia il modo migliore per celebrare la giornata internazionale della donna. La prevenzione è una prerogativa fondamentale del benessere fisico e il Gruppo Partenopeo Scoliosi è un'assoluta eccellenza sulla diagnosi e il trattamento delle patologie legate alla colonna vertebrale. Questo sarà il primo di una serie di appuntamenti legati ad un "calendario del benessere" che abbiamo programmato. Continuiamo a preferire i fatti concreti alle chiacchiere". 

Le tappe successive del percorso saranno divulgate sul sito gpsnapoli.com

FacebookTwitterGoogle+Share

Succivo, coesione politicamente trasversale e grande partecipazione per il convegno “Una donna al centro”

14:56

unadonnaalcentro2Succivo. Grande partecipazione per il convegno “Una donna al centro”, svoltosi a Succivo l’8 marzo in occasione della giornata internazionale della donna.

Aula consiliare gremita di pubblico per l’evento, durante il quale si è discusso del ruolo delle donne in ambito politico, economico e sociale. L’incontro è stato caratterizzato dalla forte coesione, politicamente trasversale, delle cinque donne presenti in consiglio comunale (Giovanna Crispino, Valentina Iovinella, Livia Maglioli, Imma Marsilio e Anna Russo) che hanno fortemente voluto l’evento.

La discussione è iniziata con i saluti del Sindaco, avv. Giovanni Colella, e l’introduzione delle cinque consigliere. Il convegno è stato moderato dall’avvocato penalista Italia Crispino mentre si sono confrontate sull’argomento, portando le proprie testimonianze personali di donne lavoratrici: la prof.ssa Maria Debora Belardo, Dirigente dell’Istituto Comprensivo “Rocco-Cinquegrana” di Sant’Arpino, la dott.ssa Noemi Spagna Musso, Segretario Comunale, la dott.ssa Maria Di Palma, Psicologa, e la dott.ssa Teresa Marzano, Segretario UST CISL Caserta.

Siamo pienamente soddisfatte della riuscita dell’evento – fanno sapere le cinque consigliere – che ci ha visto unite nell’organizzazione dello stesso, lontano da colori politici e coese per il semplice fatto di essere donne. L’intento è stato quello di sensibilizzare la comunità sul significato che l’8 marzo assume, ben diverso da quello che la società consumistica gli ha imposto nel corso degli anni, dandogli risalto con le esperienze delle donne lavoratrici impegnate quotidianamente sul nostro territorio. Vogliamo infinne ringraziare vivamente per la disponibilità e la partecipazione tutte le relatrici che hanno preso parte al convegno.”

L’incontro si è concluso con un omaggio floreale a tutte le donne presenti e un buffet.

IMFU

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, grande successo per il convegno sulle opportunità dell’agricoltura in terra felix

12:42

convegnoortadiatellaOrta di Atella. Positive opportunità per la nostra agricoltura. E’ quanto è emerso ieri ad Orta di Atella dove si è discusso di Agricoltura e soprattutto di nuove opportunità per la nostra terra felix.

Tra i relatori al convegno le massime rappresentanze delle settore agricolo: on. Giovanni Zannini, consigliere regionale e membro della Commissione ambiente Regione Campania, on. Stefano Graziano, consigliere regionale e membro commissione Terra dei fuochi Regione Campania, Vincenzo Tosti, portavoce rete cittadinanza e comunità, Francesco Alfieri, consigliere del Presidente della Giunta regionale Campania per i temi attinenti all'agricoltura e alla pesca, dott. Nicola Migliaccio, agronomo e fiduciario di condotta slow food agro aversano-atellano, avv. Nicomede Di Michele, Presidente associazione Fracta Sativa Unicanapa. Il convegno, promosso dall’amministrazione comunale di Orta di Atella, è stato occasione di proposte e confronto tra gli intervenuti tra cui tecnici, rappresentanti di cittadinanza, amministratori e politici.

Inoltre è stata una importante occasione per illustrare il lavoro fin ora portato avanti dalla nostra condotta slow food, presieduta dal fiduciario dott agronomo Nicola Migliaccio, il quale ha ben esposto con un suo intervento ai relatori presenti in aula le opportunità provenienti dalle attuali e recenti leggi regionali sulla tutela della vita maritata a pioppo e sulla canapicoltura che potranno beneficiare i nostri agricoltori e cittadinanza tutti per il rilancio della nostra economia agricola.

L’agronomo e fiduciario slow food Nicola Migliaccio ha relazionato su due importanti settori della nostra economia agricola, la viticoltura e la canapicoltura.

Per le positive opportunità messe a disposizione dalla Legge Regionale numero 11 in materia di tutela e conservazione delle Alberate Aversane, riservata ai detentori e custodi dei Vitigni di Alberate, si e discusso ed confrontato con le istituzioni Politiche, le associazioni e gli agricoltori presenti in aula.

Si è evidenziato infatti che queste opportunità consentirebbero di venir meglio gestite ed utilizzate a condizione si faccia un lavoro di squadra tra produttori e trasformatori, viste le piccole realtà di Vigne di Alberate ancora presenti nella nostra amata terra felix.

Inoltre si è discusso sulla nascente filiera della canapa sativa che sta dando dei positivi risultati produttivi legati soprattutto alle favorevoli condizione pedoclimatiche che caratterizzano i nostro territorio agricolo, tra l’altro da sempre vocato a questa coltura.

Si conclude ringraziando le aziende agricole e le associazioni che hanno consentito la realizzazione del Buffet conclusivo i la vori di convegno e che hanno deliziato il palato di tutti:

1) Panetteria dell'Antico Borgo dei f.lli Vaia, via della canapa Orta di atella (CE)

2) Pastificio Artigianale, Pasta Fiore

3) Azienda Agricola Nicola Migliaccio, via San Donato, 23 Orta di Atella (CE)

4) Azienda Agricola Farina Crescenzo via D'Ambrosio, 28 80027 Frattamaggiore

5) Agricola Lamberti, Orta di Atella (CE)

6) Azienda Agricola Lampitelli Salvatore, Orta di Atella (CE)

E l’associazione Slow Food - condotta Agro Aversano/Atellano

FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO – Succivo, convegno “Proposte per la terra dei fuochi”

13:01
FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO-Succivo, falsa attestazione della presenza in servizio al museo: 2 arresti e 13 indagati

9:54

Succivo. carabinieri12Nel corso della Mattinata odierna i Carabinieri della Compagnia di Marcianise hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dall’ufficio del G.I.P. del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di due dipendenti del “Museo Archeologico dell’Agro Atellano”, ubicato in Succivo, ritenuti responsabili, di falsa attestazione della presenza in servizio, mediante condotta fraudolenta, consistente nell’irregolare utilizzo del sistema di rilevazione automatico delle presenze e truffa aggravata.

L'indagine, condotta mediante attività tecniche e servizi di osservazione, ha consentito di accertare la consolidata abitudine dei due soggetti di assentarsi per ore dal luogo di lavoro, omettendo di far rilevare l'assenza tramite i sistemi marcatempo nonchè la produzione di false attestazioni mediche che compromettevano fantomatiche malattie grazie alle quali potevano non presentarsi a lavoro.

Per uno dei due indagati i Carabinieri hanno anche accertato che nell'orario di lavoro costui gestiva un centro scommesse situato nelle vicinanze del museo. Oltre alle due misure eseguite risultano indagate ulteriori 13 persone tutte in servizio presso il suddetto museo.

FacebookTwitterGoogle+Share

Succivo, mercoledì convegno “una donna al centro” per la giornata internazionale della donna

13:38

donna al centroSuccivo. Si terrà mercoledì, 8 Marzo alle ore 18.00, giornata internazionale della donna, un convegno dal titolo "una donna al centro" nell' Aula Consiliare del Comune di Succivo.

La discussione riguarderà, come si evince chiaramente dal titolo, il ruolo della donna nel contesto sociale contemporaneo. Introdurranno la discussione le cinque donne presenti in Consiglio Comunale: Giovanna Crispino, Valentina Iovinella, Livia Maglioli, Imma Marsilio e Anna Russo. Il convegno sarà moderato dall'avvocato penalista Italia Crispino e relazioneranno sull'argomento la prof.ssa Maria Debora Belardo, Dirigente dell'Istituto Comprensivo "Rocco-Cinquegrana" di Sant'Arpino, la dott.ssa Noemi Spagna Musso, Segretario Comunale, la dott.ssa Maria Di Palma, Psicologa e Teresa Marzano, Segretario UST CISL Caserta.

Alla fine del convegno è previsto un buffet e un omaggio floreale per le donne presenti.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, Alleanza Democratica:”solidarietà ai dipendenti della Multiservizi”

13:25
alleanza-democratica-per-santarpino-e1463071039327Sant'Arpino. Riceviamo e pubblichiamo dal gruppo politico "Alleanza Democratica per Sant'Arpino".
Considerato che il Sindaco Dell'Aversana ha gia' deciso le sorti della Multiservizi e, nel corso di una riunione con il Presidente e i dipendenti lunedi' scorso, ha gia' annunciato che la societa' sara' sciolta a breve, ci chiediamo che senso abbia il consiglio comunale aperto convocato per il giorno 11 marzo. 
Il Sindaco continua quindi nella sua eterna contraddizione visto che, da un lato convoca un consiglio comunale con un unico ordine del giorno che e' la Multiservizi, e dall'altro ne ha gia' deciso anticipatamente le sorti.
Viene meno dunque il presupposto fondamentale su cui si basa la convocazione di questo consiglio comunale al quale, vista l'evidenza dei fatti, Alleanza Democratica per Sant'Arpino non partecipera'. 
E il nostro invito a non essere presenti va' anche agli amici di Sant'Arpino al Centro che hanno richiesto la convocazione di un consiglio comunale che a questo punto non ha piu' alcun senso.
Alla faccia del confronto e della democrazia e a sfida di qualunque discussione il Sindaco ha deciso autonomamente che la Multiservizi sara' chiusa!
E poi nei comunicati e nelle sue dichiarazioni ha anche il coraggio di affermare che e' disponibile al confronto e alla discussione!
Ma di quale confronto parli, Sindaco, se come un despota, tra le quattro mura di un ufficio, hai gia' deciso che fine faranno una societa' e tutti i suoi dipendenti?
Di quale democrazia parli se imponi le tue decisioni e cerchi di salvare solo l'apparenza con un consiglio comunale che altro non e' che una farsa in perfetto stile Dell'Aversana?
Ed e' inutile che cerchi di ridurre la gravita' di quello che hai deciso e di abbindolare i dipendenti della Multiservizi promettendo che li farai assumere da societa' private, perche' anche se cio' avvenisse, lavorare per una societa' interamente a capitale pubblico come la Multiservizi e' tutta un'altra cosa!
Come ti sentiresti se un bel giorno qualcuno ti annunciasse caro Sindaco, che non puoi piu' lavorare per la scuola Pubblica ma che ti passeranno in un istituto privato perdendo tutti i privilegi di cui godi oggi???
Non fai altro che vantarti di fare la Politica con la "P" maiuscola, di essere rappresentante di una politica di alto profilo e poi non sai che l'abc della politica vuole che alla base di qualunque decisione ci siano confronto, dibattito e discussione!
E il problema principale e' che la Multiservizi puo' essere rilanciata e potenziata ma la mancanza di coraggio del Sindaco la portera' alla chiusura.
La nostra solidarieta' va' a tutti i dipendenti della Multiservizi e chiediamo al Sindaco di fare un passo indietro non abbandonando una societa' importante e tante famiglie al loro destino!
Solo a queste condizioni prenderemo parte al consiglio comunale aperto del prossimo 11 marzo.
FacebookTwitterGoogle+Share

Succivo, sabato nell’aula consiliare si discute delle “proposte per la terra dei fuochi”

13:16

convegnoambientaleSuccivo. Si terrà il 4 marzo, sabato prossimo (ore 18:00), un convegno dal titolo "Proposte per la terra dei fuochi" nell'aula consiliare del Comune di Succivo in piazza IV novembre.

La discussione verterà sulle problematiche ambientali che caratterizzano da anni il nostro territorio. Sarà moderata da Lorenzo Tommaselli del comitato difendatella e inizierà con il saluto dei Sindaci firmatari del "patto per la terra dei fuochi". Successivamente introdurrà la discussione l'assessora all'ambiente del Comune di Succivo, avv. Immacolata Marsilio, e relazioneranno sull'argomento Vincenzo Tosti, portavoce "rete di cittadinanza e comunità", dott.ssa Gerardina Caruso, dell'associazione "Lello Volpe", Stefania Perrotte, ingegnere civile ambientale e il dott. Luigi Costanzo del progetto "veritas".

Il convegno sarà preceduto, alle 16:30, dall'inaugurazione del "giardino degli angeli", spazio verde in via Borsellino dedicato alle giovani vittime innocenti della "terra dei fuochi".

"Siamo convinti che non bisogna abbassare la guardia sulle problematiche ambientali - dichiarano all'unisono dall'amministrazione succivese - legate, purtroppo, al nostro territorio. La sensibilizzazione dei cittadini e l'adozione di provvedimenti volti a contrastare lo sversamento abusivo di rifiuti e i roghi tossici sono stati, in quest'anno di amministrazione trascorso, sono e saranno sempre al centro della nostra azione amministrativa, così come promesso in campagna elettorale".   

La manifestazione è organizzata dall'amministrazione comunale in collaborazione con il comitato "difendatella", l'associazione "Donna 2016" e la Pro Loco di Succivo.

FacebookTwitterGoogle+Share

Cesa, osservatori ambientali non riconosciuti, Ivano Oliva scrive al Sindaco Guida

11:32

comune-di-cesaCesa. Riceviamo e pubblichiamo una lettera protocollata in data 23 febbraio 2017 presso l'ufficio preposto del Comune di Cesa, indirizzata al Sindaco Vincenzo Guida, al Comandante della Polizia Municipale e al Responsabile dell'Ufficio Ecologia. La lettera è firmata da Ivano Oliva, guardia ambientale, che scrive al Sindaco per informarlo del mancato riconoscimento delle guardie durante una riunione a cui era stato convocato, nonostante il decreto sindacale.

Egregio sig. Sindaco,

nel ringraziarLa per la fiducia accordatami con il rinnovo del decreto numero 56 del 3 gennaio 2017 di nomina di Osservatore Ambientale, notificatomi dal messo comunale in data 9 gennaio 2017, sento il dovere di informarLa di un avvenimento increscioso avvenuto in data 21 febbraio 2017.

In tale data, rispondendo ad una sua convocazione a mezzo WhatsApp, mi recavo con altri volontari (Pecovela Cesario, Enzo Villano) presso il Comune per partecipare alla riunione alla quale mi aveva convocato. In quella sede, con grande stupore, ci sentivamo dire dal vicecordinatore D'Agostino che non si spiegava la nostra presenza perchè non facevamo parte del gruppo degli osservatori ambientali. Avendogli fatto notare che eravamo in possesso dei decreti di nomina fatti da Lei, ci rispondeva con irritazione, senza dare alcuna motivazione e, ripetutamente nel corso della discussione, che quei decreti non valevano nulla e lui non li riconosceva complice il silenzio del Coordinatore Mangiacapra che non si esprimeva. Ancor più grave era la mancata presa di posizione del Consigliere delegato Marrandino che invece di difendere gli atti del Sindaco se ne lavava le mani dicendo di non saperne nulla.

In un primo momento ci siamo sentiti umiliati e volevamo andare via, poi però siamo rimasti sia per rispetto della S.V. che ci aveva convocati, sia perchè di fronte a certi atteggiamenti, abbiamo capito che ad essere umiliate sono state le istituzioni e la stessa figura del Sindaco, contestata da un volontario su un atto ufficiale sul quale non ha alcun diritto di interferire e senza alcuna reazione da parte del delegato del Sindaco che quell'atto avrebbe dovuto far rispettare.

Non tocca a me ed agli altri trarre le conseguenze politiche ed amministrative di questa vicenda, ma avevo il dovere, proprio per la fiducia da lei dimostrata nei miei riguardi, di informarla.

Cesa 23/02/2017                                                                                                              Oliva Ivano

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, presunte assunzioni per la raccolta rifiuti: i sindacati diffidano il Comune e il Consorzio Unico di Bacino NA-CE

10:04

RACCOLTA-RIFIUTI-SPAZZATURA-CAMIONSant'Arpino. Con un documento protocollato il 21 febbraio 2017 presso l'Ufficio preposto del Comune e indirizzato, tra gli altri, al Sindaco di Sant'Arpino Giuseppe Dell'Aversana e all'assessore all'ambiente Caterina Tizzano, alcune organizzazioni sindacali (CUB, UAP e ASSO TRASPORTI) hanno diffidato il Comune di Sant'Arpino e il Consorzio Unico di Bacino NA-CE per alcune presunte assunzioni effettuate dall'azienda che svolge il servizio di raccolta rifiuti sul territorio santarpinese.

Come si può leggere nel documento, infatti risulta che il Comune di Sant'Arpino abbia permesso all'azienda che svolge il servizio di raccolta rifiuti sul proprio territorio di assumere personale interinale. Il documento evidenzia una palese violazione della norma regionale numero 14/16 in materia di rifiuti ovvero degli articoli 40-43-44 e nello specifico del divieto di assunzione.

Con queste premesse, i sindacati invitano e diffidano il Consorzio Unico di Bacino delle Province di NA-CE ad impugnare qualsiasi atto che sia ostativo alla ricollocazione del personale dipendente creandone un danno economico ed esistenziale.

Inoltre, invitano e diffidano Il Comune di Sant'Arpino a non far avviare, direttamente o indirettamente, alcun iter per assunzioni ex novo o interinali e a non incorrere in danno erariale in quanto i Comuni sono tenuti a determinare gli importi dovuti dai contribuenti a copertura integrale dei costi derivati dal complessivo ciclo di gestione rifiuti. Costi che prevedono la copertura economica dei legittimi titolari all'espletamento del servizio, ovvero i lavoratori dei Consorzi (L. 26/10)

Invitano, infine, le istituzioni a vegliare in garanzia del rispetto della legge.

Il documento è firmato dai segretari delle segreterie congiunte, Marcello Amendola e Orlando Cioffi.

Idio Maria Francesco Urciuoli

FacebookTwitterGoogle+Share
1 23 24 25 26 27 32