PROVINCIA DI CASERTA – Pagina 3

Succivo, giovedì presentazione del libro “Il coraggio della libertà” in occasione della giornata internazionale del rifugiato

10:36

Giornata rifugiato2_Tavola disegnoSuccivo. “Blessing è una giovane donna nigeriana, laureata in informatica, che cerca di costruirsi il suo futuro personale e lavorativo a Benin City. Qui incontra una donna pia, membro di una delle tante chiese pentecostali che le dà lavoro, e un giorno le propone di andare a lavorare per il fratello che gestisce dei negozi di informatica in Europa. Ma una volta arrivata in Italia non c’è nessun negozio di informatica. C’è solo la strada. Si rende conto di essere stata venduta come una merce per il mercato del sesso a pagamento, come migliaia di altre donne nigeriane” 

L’Associazione Spaccio culturale (Arci Succivo) e la Cooperativa Sociale Attivarci, col patrocinio del Comune di Succivo, giovedì 15 Giugno 2017 alle ore 18:00 presso La Casa delle Arti (Biblioteca Comunale di Succivo) presenteranno il libro “Il Coraggio della Libertà” Ed. Paoline scritto da BlessingOkoedion e Anna Pozzi con la prefazione di Dacia Maraini. La presentazione sarà moderata da Rosario D’angelo, vedrà l’introduzione di Russo Domenico dell’Associazione Spaccio Culturale, sarà presente l’autrice Blessing Okoedion l’Avv. Amarilda Lici, referente regionale ASGI

La giornata sarà anche un modo per celebrare la Giornata Mondiale del Rifugiato alla luce delle recenti evoluzioni del fenomeno della Tratta degli esseri umani che vedono le organizzazioni criminali utilizzare il canale della Richiesta di Asilo come via d’accesso all’Europa per le vittime. Il dibattito successivo alla presentazione proverà ad approfondire modalità e strumenti di lotta alla Tratta da parte di Enti Pubblici ed Enti del Terzo Settore.

La Giornata mondiale del Rifugiato (GMdR) una ricorrenza istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 4 dicembre 2000 con la risoluzione n. 55/76 in occasione del cinquantennale della Convenzione di Ginevra relativa allo status di rifugiato.

 Alla presentazione seguirà una cena multietnica offerta dai beneficiari del progetto SPRAR del comune di Succivo gestito da tre anni dalla Cooperativa Attivarci.

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, giovedì al centro studi “Stanzione” sarà inaugurata la mostra “Experimenta – dialoghi astrattisti”

8:35

mostra astrattismo geometricoOrta di Atella. Giovedì 15 giugno, alle ore 18:00 presso il Centro Studi ‘Massimo Stanzione’ sarà inaugurata la mostra ‘EXPERIMENTA – Dialoghi astrattisti’ che è stata organizzata d’intesa tra l’ ‘Istituto di Studi sull’Astrattismo e l’Aniconismo’ ed il ‘Convicinio di Orta’.

La mostra è curata da Rosario Pinto che svolgerà una relazione sul tema ‘Il tempo nella prospettiva astrattista da De Stijl ad Astractura’ . In esposizione, opere di: A. Bellani, L. Bocca, M. Bonolis, G. Cotroneo, M.R. Esposito, F. Gallo, M. Lanzione, M. Marzo, A. Minervini, C. Novaco, A. Salzano, S. Starace.

Questa occasione espositiva intende riflettere su alcuni aspetti della ricerca astrattista del XX secolo e degli sviluppi attuali che essa consente di apprezzare, considerando, in particolare il lungo percorso seguito dalla pratica astrattiva a muovere dalle ricerche di ‘De Stijl’, che viene fondato nel 1917, fino alle ricerche astracturiste dei nostri giorni, seguendo un fil rouge che va dalla ortogonalità mondrianiana fino alla riflessione astracturista sulle dinamiche del linearismo e delle prospettive cronotopiche.

La mostra segna l’avvio del processo di cooperazione tra il ‘Convicinio di Orta’ e l’ ‘Istituto di Studi sull’Astrattismo e l’Aniconismo – Isiclass’, processo di cooperazione che tende a sviluppare non soltanto occasioni ed opportunità di scambi di esperienze espositive, ma anche di coordinamento di ricerche, di archiviazioni di dati e, più in generale, di sinergia culturale per lo studio e la promozione della ricerca artistica.

FacebookTwitterGoogle+Share

Numeri da record per la XXV Sagra del Casatiello. Annunciata la partnership con Città della Scienza ed il conferimento della cittadinanza onoraria ad Antonio Lubrano. La soddisfazione di Aldo Pezzella

7:43

sagra 3Sant’Arpino     Una festa della tradizione con uno sguardo rivolto al futuro, dove la cultura ha incontrato il folklore, ed il cibo, la storia e l’arte sono stati raccontati in maniera originale, attraverso canoni mai uguali e soprattutto capaci di ammaliare le migliaia di persone che nel fine settimana hanno trasformato Sant’Arpino nella capitale dell’enogastronomia campana. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, Alleanza Democratica:”dopo un anno di amministrazione Dell’Aversana debiti aumentati per 1 milione 100mila euro”

13:16

Sant’Arpino. Riceviamo e pubblichiamo dal gruppo politico santarpinese “Alleanza Democratica per Sant’Arpino”.

Nell’ultimo Consiglio Comunale, in riferimento al primo punto all’ordine del giorno, e cioè alla Rendicontazione di gestione per l’anno 2016, il gruppo di Alleanza Democratica per Sant’Arpino ha ritenuto opportuno esprimere il suo voto contrario.

Dobbiamo infatti celebrare un triste anniversario. Ad un anno esatto dall’insediamento di Dell’Aversana, i risultati amministrativi sono fallimentari di questa amministrazione e possono essere riassunti in una cifra: -3.235.608,63€

TABELLA 1 - Conto economico

Le invettive isteriche che per mesi Peppino ci ha obbligati ad ascoltare attraverso comizi e comunicati stampa di sui debiti del comune che pesavano enormemente sulle spalle dei cittadini, si sono rivelati assolutamente infondati e privi di qualsiasi giustificazione amministrativa.
Infatti, come si evidenzia dalla tabella delle “Analisi di indebitamento e gestione del debito” , la situazione debitoria è questa:

TABELLA 2 - Analisi indebitamento e gestione del debito(1)

da cui si evince che per effetto dell’amministrazione Dell’Aversana, nel 2016 rispetto al 2015 i debiti sono incrementati di 1.100.000,00€ circa, mentre la situazione debitoria risulta in calo nel 2015 rispetto al 2014, incidendo pesantemente su ogni cittadino santarpinese, compresi i neonati, per circa 80€ in più pro capite.
Come pure gli oneri finanziari si sono incrementati di circa 100.000,00€ sotto l’amministrazione Dell’Aversana.
E’ palese quindi che le polemiche sullo sfascio dei conti comunali, provenivano da persone assolutamente non informate dei fatti. Polemiche strumentali utili solo ai fini elettorali.

Come si evince dalla successiva tabella dell’ “Evoluzione del risultato di amministrazione”, abbiamo per il 2014 e il 2015 dei risultati positivi, mentre per il 2016, il risultato è negativo, ed è pari a -670.105,16€.

TABELLA 3 - Evoluzione del risultato di amministrazione(1)

Ciò che ci ha spinti ad esprimere il nostro voto contrario, sono le incongruenze e le mancanze che si ricavano confrontando la Relazione della Giunta e la Relazione del Revisore.
Mentre da quest’ultima si apprende della compilazione del Conto Economico e dello Stato Patrimoniale della Giunta, nulla di tutto questo è riportato nella Relazione della Giunta.
Forse il Sindaco e la sua Giunta hanno voluto evitare una pessima figura nel dover giustificare un passivo di ben 3.235.608,63€ !!!

Questo per togliere entusiasmo ad eventuali smaniosi di festeggiamenti, consigliando loro un serio mea culpa per quanto fatto.
Soprattutto perché sui dati negativi di bilancio, non ci si può esprimere con un intervento meramente politico come più volte richiesto dal Dell’Aversana in Consiglio Comunale, ma necessita di un intervento tecnico e puntuale.

Caro Dell’Aversana, visto che la gestione della cosa pubblica è nelle mani di pericolosi dilettanti allo sbaraglio, ti consigliamo vivamente di tornare ad organizzare i tuoi convegni utili per le tue passerelle politiche, e ad abbandonare definitivamente l’attivita’ amministrativa, come già avevi fatto qualche anno fa, perché tutto ciò non è letteralmente “arte tua”.

Le Consiglieri Comunali di Alleanza Democratica
Iolanda Boerio
Maria Rosaria Di Santo

FacebookTwitterGoogle+Share

Cesa, Asprinium Festival, successo per l’incontro tra i sindaci e le Pro Loco dell’agro aversano

11:43

IMG-20170607-WA0050Cesa. Promozione territoriale e sinergia tra le parti: sono questi gli argomenti su cui si è discusso durante l’incontro organizzato nell’ambito dell’Asprinum Festival. L’incontro, al quale hanno partecipato i sindaci dell’agro aversano, delle Pro Loco e del presidente provinciale Unpli Maria Grazia Fiore con la presenza del giornalista Carlo Scatozza e del presidente dell’associazione Terre del Falerno, Maria Zampi , è stato l’occasione per visitare una delle grotte tufacee presenti nel sottosuolo cesano e un sito di Alberata aversana con l’assaggio di apertivi a base di vino asprinio creati da barman del territorio.

Siamo orgogliosi di aver ospitato le rappresentanze dei vari comuni e delle Pro Loco dell’agro. – afferma il presidente Gianluca Angelino –  La serata di mercoledì è stato un momento importantissimo per riflettere sul futuro del nostro territorio e valutare la strada da intraprendere per far emergere tutto quanto di buono il nostro territorio può offrire. Restare uniti rimane l’unica vera manovra da portare avanti per continuare ad essere interlocutori autorevoli nei confronti dei cittadini e delle comunità”.

Le terre del vino asprinio: dalla collaborazione tra le istituzioni, la sinergia con le Pro Loco e le associazioni, la cooperazione con l’imprenditoria potrebbe nascere questo importante progetto. – dichiara il sindaco di Cesa Enzo Guida – Attraversa questo prodotto tipico si deve provare ad esaltare le altre risorse che pure esistono, come monumenti , chiese e musei. Si deve puntare anche su un turismo eno gastronomico con percorsi appositi , il tutto in un’ottica di sviluppo e promozione”.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, refezione scolastica: una formica nell’insalata e porzioni minuscole, i problemi alla mensa non sono finiti

11:26

mensa1Sant’Arpino. Nonostante i diversi incontri genitori-amministrazione e nonostante i pasti vengano preparati, da lunedì scorso, nella cucina del plesso “Cinquegrana”, i problemi per il servizio di refezione scolastica santarpinese non sono finiti.

Ieri, infatti, sono state postate alcune foto su Facebook, relative ai pasti serviti alla mensa scolastica del plesso “Rodari”, in cui si possono chiaramente notare le scarse condizioni igienico-sanitarie del servizio: una foto ritrae, infatti, una formica nell’insalata. Oltre alla scarsa igiene mensa3le mamme lamentano anche una bassa qualità delle pietanze e porzioni troppo piccole: ieri, per esempio, è stata servita un’unica fetta di arista di maiale (del diametro di circa 10cm) a bambino, senza possibilità di fare il bis (il menu, tra le altre cose, prevedeva tacchino ma in uno dei tre plessi è stato sostituito dall’arista di maiale al sugo).

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, Iolanda Boerio: “Onore al tenente Leonardo Rosano che salvò un giovane santarpinese dal suicidio”

14:57

Leonardo RosanoSant’Arpino. Iolanda Borio, consigliera comunale di Alleanza Democratica, ha commentato con orgoglio il riconoscimento al merito ricevuto da un coraggioso carabiniere: “Ieri, lunedì 5 giugno il Tenente Leonardo Rosano, che nel 2009 ricopriva il ruolo di vice comandante della stazione dei carabinieri di Sant’Arpino, Maresciallo ordinario, ha ricevuto dal Ministero degli Interni, con una cerimonia solenne, la medaglia d’argento al merito per aver salvato un giovane santarpinese che nel maggio di quell’anno provò a  suicidarsi. La stessa medaglia è stata consegnata all’appuntato Emilio Zotti, attualmente ancora in servizio presso la caserma dei carabinieri di Sant’Arpino.”

La Boerio ha poi ribadito quanto già esposto durante l’ultimo consiglio comunale: “Mi preme ricordare che il comandante Leonardo Rosano, laureato in giurisprudenza, che ora ha in mano le redini della tenenza di Quarto, ha svolto anche missioni all’estero sotto l’egida dell’Onu, a Cipro e in Serbia e in Germania con la Nato. Sarebbe opportuno organizzare delle iniziative nel nostro comune per dare giusto risalto a chi con il suo lavoro e il suo coraggio ha evitato la morte di un concittadino in difficoltà. Un riconoscimento a Rosano fu assegnato nel 2009 dall’allora sindaco Eugenio Di Santo, che volle dare giusto risalto al valoroso militare, donandogli una targa commemorativa.

Adesso – conclude la Boerio – dopo la cerimonia solenne riservatagli dal Ministero degli Interni dovremmo consentire alla comunità santarpinese di dimostrare la propria gratitudine nei confronti dell’opera benemerita svolta nel nostro territorio. Tutti noi di Alleanza Democratica riteniamo giusto omaggiare e al tempo stesso fornire un appoggio alle forze dell’ordine che quotidianamente si impegnano in prima linea, rischiando la propria vita, per garantirci sicurezza e libertà, valori che sono alla base di ogni società civile e democratica.

FacebookTwitterGoogle+Share

Succivo, Atella Sound Circus 2017: un capolavoro dell’associazionismo

20:50

atellasoundcircusSuccivo. Una manifestazione terribilmente originale, organizzata minuziosamente da un gruppo di lavoro di circa 40 persone affiatate e ben coordinate. Ecco che cos’è l’Atella Sound Circus, l’evento organizzato dalle associazioni succivesi “Artenova” e “Artisticamente” che ha animato il Casale di Teverolaccio a Succivo nel weekend appena trascorso.

La seconda edizione, così come la prima, ha messo d’accordo tutti: giovani, meno giovani e giovanissimi. Gli artisti di strada che vi hanno preso parte sono stati tanti, così come il tempo impiegato per la realizzazione dell’evento, circa cinque mesi di  duro lavoro per organizzare il week-end circense del Casale succivese. Musicisti, giocolieri, acrobati, intrattenimento per bambini, mercatini, stand gastronomici, mostre. La lista di cose da fare è infinita nel Casale, allestito per l’occasione con le bellissime scenografie a tema, realizzate tutte in-house dagli associati dei due sodalizi atellani, che hanno trasformato Teverolaccio in un gigantesco circo. E’ stato un successo oltre ogni aspettativa e, tra mille difficoltà economiche e organizzative, alla fine ha vinto l’associazionismo. Quello vero. Quello scevro da qualsivoglia strumentalizzazione politica o economica: di soldi neanche a parlarne, il Circus non ha ricevuto contributi pubblici. Ha vinto l’associazionismo che nasce per il piacere di stare insieme e fare qualcosa di buono a quattro passi da casa, quello presente storicamente a Succivo da tanti anni ma che qualcuno, ultimamente, fa finta di non vedere nonostante l’evidenza, un pò come la realtà di Oscar Wilde che, per essere giudicata, deve diventare acrobata sulla fune del circo. Questi ragazzi fanno le acrobazie per mettere su eventi del genere e il contatto con la realtà, quello, non l’hanno mai perso.

Idio Maria Francesco Urciuoli

FacebookTwitterGoogle+Share

Orta di Atella, Citta Visibile:”Una politica chiara e trasparente per ritornare un paese normale”

19:23

cittavisibileOrta di Atella. Riceviamo e pubblichiamo dal collettivo “Città Visibile” di Orta di Atella.

La situazione politica e sociale di Orta di Atella ha bisogno, in questa fase quanto mai delicata, di trasparenza e atteggiamenti chiari e riconoscibili. Mai in politica si dovrebbe preferire l’accordo sottobanco ad un’intesa aperta e stipulata alla luce del sole, ma riteniamo che, in questo determinato periodo storico, questa esigenza sia ancora più urgente.

 Tutti sappiamo cosa ha passato il nostro paese sotto l’aspetto finanziario, urbanistico e culturale e parlarne, per quanto qualcuno possa non concordare, non è né superfluo né stucchevole, ma è un esercizio di memoria che serve per costruire il futuro, avendo ben chiaro cosa non vogliamo essere e cosa non vogliamo più fare.

Non è nostra intenzione dividere Orta di Atella in buoni e cattivi, ma non ci si può chiedere neanche di dimenticare il passato con la filosofia del “Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato”, perché noi sappiamo bene che “chi ha avuto” lo ha sottratto alla vivibilità e al patrimonio di un’intera cittadinanza. “Chi ha dato”, ha pagato un prezzo troppo alto.

 Il nostro Collettivo ha un nome che è una dichiarazione politica: Città Visibile.

 Ci chiamiamo così perché ispirati da un passo de “Le Città Invisibili” di Italo Calvino che parlando dell’Inferno quotidiano suggerisce due modi per uscirne. “Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più” e questo è quello che qualcuno ci invita a fare, “Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.”

Questo il nostro manifesto politico, il criterio con cui ci predisponiamo anche verso le altre forze politiche per costruire un’altra città, una città normale, una città visibile.

 Non possiamo avere nulla in comune con quei movimenti e laboratori politici che nascono dopo “serie e stringenti riflessioni” ma sempre e solo quando si profila la tornata elettorale ed hanno come obiettivo non quello di costruire ma quello di vincere. Non è giusto che questo paese dopo anni sia ancora orfano di proposte politiche e pieno solo di capi bastone e portatori di voti. Non è giusto per Orta di Atella, non è giusto per gli ortesi.

 Non possiamo avere nulla in comune perché crediamo che la nostra Città abbia in sé ancora delle forze inespresse, abbia ancora delle capacità, sia fatta ancora da cittadini disposti a mettersi al servizio del popolo e non abbiano come ultimo scopo quello di servirsi del popolo.

Non possiamo avere nulla in comune perché crediamo che nella nostra Città ci siano ancora delle energie figlie di quella politica che preferiva l’interesse pubblico a quello privato, le idee e la sfida di una proposta politica ai voti che un singolo “signore dei voti”  possa portare in dote.

Non possiamo avere nulla in comune perché crediamo che il popolo ortese abbia la voglia e la necessità di fare una scelta politica chiara e culturalmente onesta e siamo convinti che la proposta che vogliamo costruire possa avere questi requisiti.

 Non possiamo e non vogliamo avere nulla in comune con le “gioiose macchine da guerra”, ma vogliamo invece mettere in comune il nostro tempo e le nostre idee con chi voglia condividere con noi un percorso politico che vada oltre questa tornata elettorale e sia legato alle radici culturali di Orta di Atella.

Ci siederemo da persone libere con persone libere, per porre al centro la questione di un paese che prima di tutto va liberato da vecchie trame e da grigi suggeritori che per anni,senza mai esporsi, hanno sussurrato alle orecchie di chi amministrava.

 Vogliamo costruire una forza inclusiva, che sia basata sulla politica e sulla credibilità delle persone. Non faremo questioni di lana caprina, a patto che si abbia come discriminante la messa in discussione dei modelli finanziari, culturali e urbanistici che fino all’ultimo PUC hanno spadroneggiato nella discussione amministrativa, con quelle forze che si prefigurano come continuità o addirittura ne vogliono raccogliere l’eredità. Contro questi alzeremo muri e verso queste persone non abbiamo altro da dire che “Ci vediamo sulle barricate”.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, consegnato questa mattina il premio “amici orti urbani” 2017 ai volontari di via Martiri Atellani

19:04

premiatialfredoSant’Arpino. Così come l’anno scorso, anche quest’anno il “Gruppo Ciclisti Urbani” e l’associazione “Amici Orti Urbani” hanno premiato, questa mattina, chi si impegna quotidianamente per la pulizia ed il decoro di via Martiri Atellani.

Il premio, questa volta, è andato ai signori Gaetano Lampitelli e Maria Grazia Di Foggia che, giornalmente, tengono pulito il loro tratto di strada provvedendo, in maniera del tutto volontaria e gratuita, allo spazzamento, al lavaggio e, talvolta, a piccoli interventi di manutenzione necessari a rendere decorosa una delle principali arterie del territorio atellano.

  “Con queste premesse – fanno sapere dalle associazioni che hanno assegnato i premi – abbiamo voluto premiare, simbolicamente, due persone che quotidianamente operano su via Martiri Atellani, troppo spesso dimenticata da chi si occupa della pulizia e dello spazzamento delle strade. Sarebbe interessante dare seguito all’evento di oggi, che si ripete per il terzo anno consecutivo, magari prevedendo sconti e agevolazioni in tema di tasse sui rifiuti, così da incentivare tutta la popolazione ad assumere un comportamento rispettoso della natura e dell’ambiente che ci circonda.

Ai due sono stati donati dei portachiavi da muro realizzati interamente con materiale da riciclo.premiatialfredo2

premiatialfredo3

 

FacebookTwitterGoogle+Share

VIDEO – Sant’Arpino, incontro sulla mensa scolastica, i genitori:”i nostri figli non mangeranno a scuola senza le necessarie condizioni di sicurezza”

19:43

incontro mamme 2Sant’Arpino. Un gruppo di genitori, prevalentemente mamme, ha sfilato questa mattina in segno di protesta per la presunta scarsa qualità del cibo servito ai piccoli studenti delle scuole dell’infanzia di Sant’Arpino dalla nuova ditta affidataria del servizio di refezione scolastica del comune. Le mamme sono partite dai rispettivi plessi scolastici frequentati dai propri figli e sono arrivate nel palazzo Ducale dove sono state incontrate dal sindaco e da alcuni amministratori nella sala convegni.

Per fare chiarezza, la ditta aggiudicatrice della gara d’appalto sulla mensa, così come stabilito dalla determina n°25 del 4 maggio 2017, firmata dalla responsabile area politiche sociali e pubblica istruzione, Silvana Esposito, è la ditta “Quadrelle 2001 Cooperativa Sociale” sita in Quindici (AV), che ha offerto un ribasso percentuale dell’11,53% ed un costo, per ogni singolo pasto, di € 2,36 iva inclusa (scorporando l’iva, del 4% sulle mense scolastiche, la cifra è di € 2,26). Il servizio mensa è partito il 15 maggio e avrà una durata di nove mesi, ergo la scadenza naturale del servizio sarebbe il 15 febbraio 2018. La spesa presunta complessiva è, secondo il documento, di € 170.000.000.

A discutere con il folto gruppo di genitori, accompagnati dal Presidente del Consiglio d’Istituto Vito Pellino, il Sindaco di Sant’Arpino, Giuseppe Dell’Aversana, l’assessora alla pubblica istruzione, Loredana Di Monte, l’assessore all’edilizia scolastica, Giovanni D’Errico e la Dirigente Scolastica Maria Debora Belardo (giunta successivamente).

I genitori, rappresentati da Vito Pellino, hanno consegnato un documento al sindaco in cui hanno comunicato che, a far data dal primo giugno e fino a quando il servizio di refezione non ritorni a garantire le necessarie condizioni di sicurezza, soprattutto con la preparazione dei cibi all’interno della cucina del plesso Cinquegrana, i propri figli consumeranno esclusivamente i pastiincontro mamme portati da casa. I genitori, firmatari del documento, inoltre si assumono la responsabilità circa la qualità e la corretta conservazione dei suddetti pasti. 

Il sindaco, nel suo intervento, ha chiarito alcuni punti importanti riguardo il capitolato della gara in oggetto e riguardo l’azione dell’amministrazione comunale in merito al problema, non scevro, però, da qualche lieve imprecisione. Inizialmente ha spiegato di aver presentato 5 contestazioni formali e di aver sanzionato due volte la ditta ma, successivamente, ha chiarito che le contestazioni valide, per ora, sono solo due (una riguardo il mancato rispetto dell’orario e una riguardo il mancato rispetto del menu) poichè la ditta ha 5 giorni per rispondere.

Ha chiarito un importante punto riguardo il contratto che, in base alla normativa vigente, non è stato ancora firmato poichè devono intercorrere 30 giorni dall’affidamento del servizio. Successivamente è stato invece specificato che il termine per la firma del contratto è il 15 giugno 2017, a 30 giorni dal 15 maggio, data in cui la “Quadrelle 2001 Cooperativa Sociale” ha iniziato materialmente il servizio di refezione scolastica.

Alcuni genitori hanno esposto le diverse problematiche del servizio, come la poca attenzione dei pasti per i celiaci o le porzioni ridotte e hanno dichiarato che da settembre vogliono che il servizio di refezione scolastica sia affidato ad un’altra ditta.

mensa scolastica 2Dell’Aversana ha dato la disponibilità a formare una commissione che provi materialmente i pasti della mensa durante tutta la settimana prossima, formata da due mamme, un tecnico della ditta affidataria e due amministratori. Ha espresso, inoltre, la sua delusione per la visita dei NAS che hanno analizzato l’aspetto formale e non sostanziale e ha detto di aver chiesto il sopralluogo dei NAS anche nel centro di cottura situato ad Orta di Atella. Ha inoltre promesso che, al 99%, da lunedì la ditta dovrà cucinare in loco, presso la cucina ubicata nel plesso Cinquegrana. Alle domande delle mamme riguardo la possibilità di analizzare il cibo autonomamente ha risposto che l’analisi del cibo, per essere avvalorata giuridicamente, deve essere effettuata da un organismo riconosciuto come arbitro da entrambi i contendenti, nessuna prova ha valore senza la verifica della controparte, così come stabilito dalle norme di garanzia dello Stato Italiano dal 1861.

Infine, è intervenuta la preside, Maria Debora Belardo, che ha dato piena disponibilità ad anticipare l’orario di uscita della scuola dell’infanzia alle 12:00 per permettere ai bambini di pranzare a casa. Sulla questione del “pasto domestico” ha dichiarato, invece, che sta valutando insieme ai suoi legali quest’opzione perchè la soluzione non è di facile attuazione.

Idio Maria Francesco Urciuoli

FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 4 5 28