POLITICA

Sant’Arpino, Alleanza Democratica:”l’ICI 2010 potrebbe essere dichiarata nulla per effetto della prescrizione quinquiennale”

11:15

alleanza-democratica-per-santarpino-e1463071039327Sant’Arpino. Riceviamo e pubblichiamo dal movimento politico “Alleanza Democratica per Sant’Arpino”.

E’ venuto il momento di dire basta alle incessanti prevaricazioni fiscali di Dell’Aversana e spegnere quel ghigno malefico che esprime quando, con perversa soddisfazione, allunga le mani nelle tasche dei cittadini.

Ci corre l’obbligo, infatti, informare i cittadini che la richiesta di pagamento dell’ ICI 2010 che, con tanta prosopopea ha formato oggetto di un recente comunicato stampa, potrebbe essere dichiarata nulla per effetto della prescrizione quinquennale, in mancanza, però, di atti interruttivi dei termini prescrizionali. I cittadini potranno, quindi, rivolgersi ai propri avvocati o consulenti per gli adempimenti conseguenziali.

Questo non vuole essere un invito sovversivo a non pagare le tasse, ma soltanto e semplicemente una possibilità offerta dal sistema giuridico di alleggerire il già insopportabile carico fiscale che grava sul cittadino, sia da parte dello Stato che degli Enti Locali, sfruttando una inefficienza dell’ente impositore: nel nostro caso inefficienti sono stati l’ex assessore al bilancio Salvatore Brasiello e l’ex dirigente della società I.A.P. (la società incaricata degli accertamenti e della riscossione), dott.ssa Iovine, il primo prossimo alleato di Dell’Aversana e la seconda sua attuale consigliera economica.

Purtroppo, Dell’Aversana è un biologo talmente preparato e bravo che, non riuscendo a distinguere un equino da un caprino, si è dovuto prima riconvertire in “professore di matematica”, poi da sindaco e, non contento, anche da assessore al bilancio, da assessore alla cultura ed, infine, da presidente del CODI.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, Romano:”Caro Peppino, non è un comportamento da buon cristiano appellare gli altri figli di Dio come “stercorari che vivono nei bassifondi della morale”

19:46

romanoSANT’ARPINO. Riceviamo e pubblichiamo da Nicola Romano, esponente del movimento politico santarpinese “Alleanza Democratica per Sant’Arpino”.

Quando pensavamo di aver visto il Sindaco Dell’Aversana ormai in tutte le salse, ecco che arriva il colpo di scena finale!!!

Da Sindaco poeta, a Sindaco amante delle ville comunali, fino ad arrivare a Sindaco amante dei piccioni.

Ma mai, e dico mai, mi sarei sognato di assistere all’ennesimo mutamento di personalità.

Ora Sant’Arpino si può vantare di avere un Sindaco degno di Paolo di Tarso caduto da cavallo sulla via di Damasco.

Questo è quanto dichiarato dal Dell’Aversana in merito al comizio tenuto in piazza domenica 26 novembre: ”Esprimo la mia solidarietà al Parroco Don Umberto per questo grave atto di scostumatezza. Noi abbiamo sempre interrotto i comizi all’ora di inizio della messa”.

Da premettere che parlo prettamente a nome mio, visto che di quel comizio sono stato il relatore finale.

Caro Peppino Dell’Aversana, la tua sensibilità nei confronti dei fedeli santarpinesi è davvero commovente. Ma la tua ipocrisia questa volta ha davvero superato ogni limite.

Don Umberto alle ore 11.30 è sceso in piazza per avvisarci che un quarto d’ora dopo sarebbe iniziata la funzione religiosa, e come lui potrà ben testimoniare, non abbiamo sforato di un solo minuto.

Ma ti ripeto, tutta questa tua vicinanza alla chiesa cattolica, è davvero commovente.

Soprattutto quando vesti i panni del moralizzatore e puntando il dito dici: “I signori che hanno tenuto il comizio in piazza domenica mattina farebbero meglio ad espatriare da Sant’Arpino per la vergogna”.

Caro Peppino, io ti ringrazio per il consiglio che mi hai dato, ma se davvero vuoi vestire i panni del buon cristiano, allora inizia a svestire i tuoi panni intrisi di ipocrisia.

Così prima o poi anche tu riuscirai a trovare la tua pace interiore. E basta davvero poco.

Innanzitutto, inizia a chiedere scusa davanti per tutte le offese personali che hai rivolto a me e a tutte le persone che non si genuflettono al tuo volere.

Perché, caro Peppino, non è un comportamento da buon cristiano appellare gli altri figli di Dio come: “stercorari che vivono nei bassifondi della morale”, “persone che si rotolano nel fetore che li circonda”, “bugiardi e ignoranti”, ma soprattutto colpire le loro famiglie con tali affermazioni “brancolano nel buio, spargendo la vile materia in cui sono stati allevati fin da piccoli”.

Caro Peppino, essere buoni Cristiani, non significa far terminare un comizio un minuto prima o un minuto dopo.

Essere dei buoni Cristiani, ma soprattutto essere “UMANI”, vuol dire rispettare il prossimo senza farsi accecare dal rancoroso livore che ti acceca.

La Parola del Signore mi insegna che:

“…chi sparge calunnia è uno stolto” (Pr 10:18).

“Non spargere voci calunniose e non favorire l’empio attestando il falso” (Es23:1)

“Trattieni la tua lingua dal male e le tue labbra da parole bugiarde” (SI 34:13).

Perciò, caro Peppino, ritrova la tua serenità, così potrai sentirti un uomo migliore.

E ricorda che:

“Sbarazzatevi di ogni cattiveria, di ogni frode, dell’ipocrisia, delle invidie e di ogni maldicenza, come bambini appena nati desiderate il puro latte spirituale, perchè con esso cresciate per la salvezza”

FacebookTwitterGoogle+Share

Elezioni provincia di Caserta, oggi c’è stata la proclamazione ufficiale degli eletti, Dell’Aversana non entra in consiglio

19:15
proclamazione-provincia-2017
fonte foto: casertafocus.net

Caserta. Si sono svolte questo pomeriggio le operazioni relative alla proclamazione ufficiale dei sedici consiglieri che comporranno il consiglio provinciale di Caserta per i prossimi due anni.

Il segretario generale Scuncio ha letto il verbale della commissione elettorale ed ha proclamato eletti i nuovi 16 componenti del parlamentino casertano presieduto da Giorgio Magliocca, proclamato Presidente ieri. Il consiglio sarà composto da quattro componenti della lista dei Moderati, tre di Forza Italia, tre di Campania Libera e tre del Partito democratico, due dei Riformisti e democratici ed uno di Campania in movimento. Come preannunciato ieri, non c’è il sindaco di Sant’Arpino, Giuseppe Dell’Aversana, che quindi ufficialmente non entra nel consiglio provinciale.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino, Romano:”caro Peppino, affermi sempre che non ti fermi mai e invece stavolta ti sei fermato!”

16:49

romanoSant’Arpino. Riceviamo e pubblichiamo da Nicola Romano, portavoce del gruppo politico “Alleanza Democratica per Sant’Arpino”.

Gli ultimi giorni sono stati ricchi di colpi di scena per il nostro paese. Dal silenzio dell’assessore alla Pubblica Istruzione Loredana Di Monte sulla disastrosa gestione della mensa scolastica, passando per la clamorosa sconfitta alle elezioni provinciali del Sindaco Peppe Dell’Aversana (già dato vittorioso dalla sua factotum Ivana Tinto sulle pagine di Facebook), fino ad arrivare alla polemica sull’evento organizzato dall’Atelier Kelly.

E proprio sulla sfilata vorrei soffermarmi, giusto per fare chiarezza sulle responsabilità dell’organizzazione.

Durante lo svolgimento della serata, alcuni residenti di via Compagnone hanno protestato per i disagi provocati dal blocco della viabilità, evidenziando che la strada ha un unico accesso e l’impossibilità di passaggio dei mezzi di soccorso in caso di necessità.

Accortosi della gravità della situazione il Sindaco Dell’Aversana, il giorno dopo la manifestazione, si è affrettato a comunicare con un post su Facebook che lui NON AVEVA AVUTO ALCUN RUOLO NELL’ORGANIZZAZIONE, non avendo sottoscritto alcun atto formale, visto che NON ERA DI SUA COMPETENZA, scaricando tutta la colpa sui funzionari comunali e sul titolare del negozio.
Caro Peppino, nel tuo tentativo pilatesco di lavarti le mani, hai negato e al contempo ammesso la tua responsabilità. Voglio quindi porti alcune domande:

1. Affermi che appena arrivato sul posto hai preso coscienza della gravità della situazione.. allora perché non hai esercitato la tua autorità, facendo presente della situazione al comandante della polizia locale, invece che preferire farti scattare la foto all’interno dell’Atelier Kelly con l’ospite della serata Valeria Marini?

2. Perché mentre facevi la fotografia con la Marini non hai fatto presente ai titolari dell’atelier la criticita’ della situazione?

3. Come mai via De Muro, con la super visione dei vigili urbani e della protezione civile, era stata bloccata gia’ dal primo pomeriggio per dare la possibilità agli organizzatori di montare il palco se non c’erano le autorizzazioni?

4. L’Atelier Kelly ha protocollato la richiesta di chiusura temporanea delle strade per ragioni di traffico e di ordine pubblico il giorno 25.09.2017. Come mai in tutto questo tempo non si è provveduto ad aprire, seppur temporaneamente e per ragioni di sicurezza, la strada che collega via Compagnone e via Martiri Atellani?

5. Come mai dell’assessore con delega alla Polizia Municipale Giovanni D’Errico non si hanno notizie? Eppure di Giovanni D’Errico tutto si può dire tranne che non ottemperi pienamente al suo ruolo istituzionale. E lo dimostra espletando magnificamente l’altra sua delega, la delega al Mercato. Ogni venerdì mattina, mosso dal suo senso del dovere, di buonora, girovaga tra i banchi del mercato settimanale per assicurarsi personalmente che tutto vada bene.

Ecco caro Peppino.
Ti abbiamo sempre detto che nessuno ti obbliga a ricoprire la carica di Sindaco. Soprattutto perché non hai manco il coraggio di prenderti le tue responsabilità politiche, preferendo scaricare sui Responsabili dei Settori e sul Comandante della Polizia Municipale tutte le colpe di questo disastro.
Probabilmente sarai stato distratto dalle deludenti elezioni provinciali il cui esito è stato davvero impietoso per un politico della tua caratura.
Caro Peppino, affermi sempre che non ti fermi mai e, invece, anche questa volta ti sei fermato!

FacebookTwitterGoogle+Share

Elezioni provinciali: Dell’Aversana eletto consigliere, Perrotta non ce la fa

15:24

elezioniprovincialiCaserta. Manca poco per l’ufficialità dei risultati relativi allo spoglio delle schede delle elezioni provinciali per il rinnovo del Consiglio Provinciale di Caserta che si sono tenute ieri, 12 ottobre, a Caserta. Ieri sera è arrivata l’ufficialità per il nome del Presidente, che sarà Giorgio Magliocca, primo cittadino di Pignataro Maggiore mentre stanno arrivando in queste ore i verdetti per i nomi dei consiglieri che erano in corsa per il consiglio provinciale. Di seguito quelli che sarebbero stati eletti:

FORZA ITALIA: Alessio Dello Stritto, Maurizio Di Chiara e Stefano Di Grazie.

PD: Marco Villano, Raffaella Zagaria e Angela Improta.

Moderati: Salvatore Martiello, Enzo Galantuomo e Francesco Paolino

Campania in Movimento: Gianluigi Santillo

Campania Libera: Francesco Petrella, Angelo Barretta e Rosario Capasso.

Riformisti: Pinuccio Moretta, Carlo Russo e GIuseppe Dell’Aversana

Per quanto riguarda l’area atellana, quindi, ce l’avrebbe fatta il sindaco di Sant’Arpino, Giuseppe Dell’Aversana, mentre sicuramente non ce l’ha fatta Claudio Perrotta, consigliere comunale di Succivo. Il primo cittadino santarpinese ha ottenuto 16 preferenze, 14 relative alla fascia D (quella che raggruppa comuni con popolazione tra 10mila e 20mila abitanti) e 2 preferenze relative alla fascia C (che raggruppa comuni con popolazione tra 5mila e 10mila abitanti). Mentre il consigliere comunale succivese ha ottenuto 12 preferenze in fascia C, 6 preferenze in fascia B (che raggruppa comuni con popolazione compresa tra 3mila e 5mila abitanti) e 1 preferenza in fascia E (comuni con popolazione inferiore ai 3mila abitanti).

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino,AD:”il sindaco preferisce informare i cittadini degli uccellini che volano invece che amministrare seriamente Sant’Arpino”

18:45

alleanza-democratica-per-santarpino-e1463071039327Sant’Arpino.Riceviamo  e pubblichiamo dal gruppo politico “Alleanza Democratica per Sant’Arpino”.

“Il sindaco smetta di lamentarsi in continuazione e si ricordi che il motivo per cui è stato eletto è in primis quello di amministrare Sant’Arpino e risolverne i problemi, se non è in grado di farlo sarebbe opportuno dimettersi. Credeva probabilmente di portare indietro il tempo e tornare negli anni 90, quando le situazioni finanziarie dei comuni erano notevolmente agevolate dallo Stato. Perchè non spieghi ai santarpinesi come risolvevi le questioni legate ai debiti fuori bilancio negli anni 90? Risposte, caro sindaco, che tendi ad insabbiare dall’inizio della consiliatura perchè le domande sono scomode. Preferisci informare la cittadinanza degli uccellini che volano fuori al palazzo ducale o della foglia che è stata tolta dall’albero in piazza, facendo passare per straordinaria una cosa che è assolutamente ordinaria e nella norma. Per quanto riguarda il parcheggio dovresti chiedere lumi al tuo amico Elpidio Iorio, all’epoca dei fatti assessore ai lavori pubblici, oppure all’assessore Salvatore Lettera, anche  all’epoca assessore alla 328, poiché entrambi votarono la delibera di consiglio comunale numero 10 del 7 aprile 2009 che prendeva atto della cessione volontaria del terreno e approvava il progetto del parcheggio. Probabilmente non sai leggere le carte e poi, se proprio vogliamo parlare di debiti per esproprio, vogliamo ricordarti gli 800mila euro che hai speso per l’esproprio del terreno dove poi è stata realizzata la Villa Cirillo, perché non restituisci quello spazio?”

Chi è allergico alla trasparenza probabilmente nasconde qualcosa o qualcuno…

FacebookTwitterGoogle+Share

Elezioni provinciali, ufficializzate le liste: in corsa il consigliere Perrotta di Succivo e il sindaco di Sant’Arpino, Giuseppe Dell’Aversana

14:37

caserta-consiglio-provinciale-di-costanzo-800x330-Custom-800x445Sant’Arpino. Ufficializzate le liste dei candidati che si presenteranno alle prossime elezioni provinciali del 12 ottobre per il rinnovo del Consiglio provinciale della provincia di Caserta. Come già preannunciato, sono due i candidati relativi all’area atellana: il sindaco di Sant’Arpino, Giuseppe Dell’Aversana, nella lista “Democratici e Riformisti” (e non in quella del PD che, stando a voci di corridoio, lo voleva come papabile candidato Presidente) e Claudio Perrotta, consigliere comunale Succivo, nella lista “Forza Italia”. Marcia indietro per Mimmo Iovinella, assessore ai lavori pubblici del Comune di Sant’Arpino, che pare aver ritirato la sua candidatura in favore del sindaco. I candidati alla Presidenza sono due: Carlo Marino (Partito Democratico), sindaco di Caserta, e Giorgio Magliocca (Forza Italia), sindaco di Pignataro Maggiore. Di seguito tutte le liste:

FORZA ITALIA

Alessio Dello Stritto di Caserta, Stefano di Grazia di Aversa, Stefano Giaquinto di Caiazzo, Claudio Perrotta di Succivo, Alfonso Iovine di Castelvolturno, Maurizio Di Chiara di Teverola, Marco Ricci di Capua, Giancarlo Bernardo di Santa Maria a Vico, Anita Bovenzi di Pignataro, Amedeo Capasso di Casal di Principe, Antonio Cappiello di Castel Morrone, Michele Carello di Rocca d’Evandro, Guido di Leone di Cellole, Pasquale Marquez di Mondragone, Salvatore Mastroianni di Santa Maria Capua Vetere e Gabriella Parente di Grazzanise.

PARTITO DEMOCRATICO

Marco Villano di Aversa, Raffaella Zagaria di Casapesenna, Raffaele Guerriero di Marcianise, Andrea Boccagna di Caserta, Griffo Basilio Verdile di Sessa Aurunca, Stefano Lombardi e Salvatore Russo di Santa Maria La Fossa, Giovanni De Luca di Galluccio, Angela Improta di Teverola, Ciro Marcigliano di Sessa Aurunca.

DEMOCRATICI E RIFORMISTI

Vincenzo Crisci di Santa Maria a Vico, Giovanni De Robbio di Pietramelara, Roberto Landolfi, Roberta Letizia e Pino Moretta di Marcianise, Carmine Pascarella e Roberto Peluso di Caserta, Carlo Russo di Santa Maria Capua Vetere, Pasquale Salzillo di Marcianise, Pietro Sivo e Giusy Stellato di Macerata, Giovanbattista Vallosco di Marcianise, Giuseppe Dell’Aversana di Sant’Arpino.

MODERATI

Giuseppe Abate di Lusciano, Agostino Baldassarre di Santa Maria Capua Vetere, Pasquale Crisci di Santa Maria a Vico, Luigi De Cristofaro di San Marcellino, Gaetano Di Monaco di Santa Maria Capua Vetere, Vincenzo Galantuomo di Marcianise, GIuseppe Guida di Arienzo, Antonio Mallardo di San Gregorio Matese, Carlo Marotti di Gioia Sannitica, Salvatore Martiello di Sparanise, Massimiliano Marzo di Caserta, Francesco Paolino di San Prisco, Massimo Russo di Caserta, Gianfranco Della Valle di Castel Morrone, Marcello Vaio di Grazzanise, Antonio Verdone di Mignano Monte Lungo.

CAMPANIA IN MOVIMENTO

Gianluigi Santillo di Piedimonte, Bernardo Massaro, Ida Scalzone e Filippo Mazzarella di Caserta, Domenico Tartaglia, Massimiliano Scuncio, Michele Santoro, Maria Celeste Cafaro e Tammaro Diana di Villa Literno, Mario Pascosolido, Maria Grazia Stravino.

CAMPANIA LIBERA

Angelo Barretta di Cellole, Mauro Di Stefano di Ciorlano, Carlo Cosma Barra di Teano, Rosario Capasso di Aversa, Carmine Della Gatta di Gricignano, Domenico Laurenza di Marcianise, Enrico Maria Natale di Casal di Principe, Francesco Petrella di Santa Maria Capua Vetere, Ludovico Prezioso di Capua, Mario Russo di Caserta, Agostino Stellato di Bellona, Rany Pagano di Casaluce, Marialaura Buro di Casapulla, Rosaria Pasquariello di San Prisco, Liliana Trovato di Caserta.

 

FacebookTwitterGoogle+Share

Succivo, Gabriele Luongo:”alle prossime elezioni provinciali voterò Claudio Perrotta, persona perbene e molto vicina alle mie idee politiche”

14:02

luongoSuccivo. “Voterò Claudio Perrotta alle prossime elezioni provinciali, persona perbene e molto vicina alle mie idee politiche”. Arriva poche ore prima della presentazione delle liste l’endorsement di Gabriele Luongo, consigliere comunale del Comune di Succivo, per Claudio Perrotta, candidato al consiglio provinciale di Caserta per le prossime elezioni del 4 ottobre.

“La candidatura di Claudio è frutto di una programmazione politica chiara e ben pianificata, finalizzata ad esprimere un consigliere atellano in seno al consiglio provinciale che sia voce di questo territorio, e non di scambi politici che non hanno niente a che vedere con l’area atellana e con il modo che intendo io, e l’intera amministrazione succivese, di fare politica”

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino,elezioni provinciali, AD:”Le consigliere Boerio e Di Santo hanno firmato la lista di Forza Italia e voteranno Claudio Perrotta”

13:24

alleanza-democratica-per-santarpino-e1463071039327Sant’Arpino. Le consigliere comunali del gruppo politico “Alleanza Democratica per Sant’Arpino” Iolanda Boerio e Maria Rosaria di Santo, la scorsa settimana hanno firmato la presentazione della lista di Forza Italia per le prossime elezioni provinciali.

Annunciamo anche il nostro voto, che sarà per il candidato Claudio Perrotta. – fanno sapere le due consigliere – Votiamo Perrotta, consigliere comunale del Comune di Succivo, al fine di avere un volto nuovo che sia espressione dell’area atellana
Candidatura nata grazie ad un asse politico tra il Sindaco di Succivo Gianni Colella, il presidente di “Alleanza Democratica per Sant’Arpino” Eugenio Di Santo e lo stesso Claudio Perrotta, e, poi, successivamente estesa ad alcuni consiglieri comunali dei Comuni di Cesa e di Gricignano di Aversa.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino. Elezioni Provinciali, la consigliera Quattromani firma la presentazione della lista di Forza Italia

12:19

quattromani-2Sant’Arpino   La consigliera comunale Immacolata Quattromani, firma la presentazione della lista di Forza Italia per le prossime elezioni Provinciali. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Cesa, il sindaco Enzo Guida ha rassegnato stamattina le dimissioni

10:09

enzo-guida-cesaCesa. Si è dimesso, questa mattina, il sindaco di Cesa, Enzo Guida. Le dimissioni arrivano dopo quelle di tre suoi assessori. Questo il post facebook con cui il primo cittadino cesano ha ufficializzato le proprie dimissioni.

“Questa mattina ho rassegnato le dimissioni dalla carica di Sindaco. Lo faccio per rispetto verso le Istituzioni e verso i cittadini che il 31 maggio 2015 mi hanno scelto come primo cittadino. La decisione è legata alla crisi politica che la maggioranza sta attraversando. Questo mio atto, prima di essere effettuato, è stato lungamento discusso e condiviso ieri sera, con il Partito Democratico, nel corso di una riunione nel circolo, con la segretaria cittadina Antonietta De Michele, i componenti del direttivo e gli attivisti. La legge assegna 20 giorni di tempo per revocare le dimissioni o confermale. In questo periodo, consapevole della necessità di affrontare talune problematiche, continuerò ad assicurare il mio impegno amministrativo, sin quando le dimissioni, se non revocate, diventeranno effettive. Per tanto, al fine di avere tutti gli organi amministrativi effettivamente operanti ed in grado di deliberare, in caso di necessità ed urgenza, ho rigettato le dimissioni presentate, nei giorni, scorsi del vice sindaco Luigi De Angelis, degli assessori Filomena Di Santo e Antimo Dell’Omo”.

FacebookTwitterGoogle+Share
1 2 3 8