SANT’ARPINO – Pagina 96

Questa sera l’investitura di Iolanda Boerio candidato sindaco di Alleanza Democratica

7:30

iolanda boerioSant'Arpino       Sarà ufficializzata questa sera nel corso di una riunione che si terrà alle 19:30 nella sede di Allaeanza Democratica per Sant'Arpino, la candidatura a Sindaco di Iolanda Boerio. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Tizzano, Iovinella e Belardo aderiscono a “Speranza e Futuro”

20:44

SANT'ARPINO - ImmagineNuove e significative adesioni di gruppi nel panorama politico santarpinese, ormai prossimo alla scadenza del turno elettorale del 5 giugno, ove si avrà il rinnovo del consiglio comunale e l'elezione del nuovo sindaco. Le delegazioni di due gruppi locali si sono incontrate nel pomeriggio con il direttivo allargato del Movimento "Speranza e Futuro" nella sede di via Leone D'Anna sottoscrivendo un documento politico di comunione d’intenti. Si tratta del gruppo “Viviamo Sant’Arpino”, rappresentato da Caterina Tizzano, consigliere comunale uscente di opposizione, e del gruppo rappresentato da Mimmo Iovinella e Speranza Belardo. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Celebrazioni in onore di de Muro. Il servizio di Atell@news

18:35

De Muro servizio videoSant'Arpino   Vi proponiamo le immagini delle celebrazioni in onore dell’abate Vincenzo de Muro, svoltesi ieri nel giorno del 259° anniversario della sua nascita, nel corso delle quali c’è stata la presentazione del libro “Ricerche storiche e critiche sulla origine, le vicende e la rovina di Atella antica Città della Campania” - ristampa della prima edizione del 1840. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Referendum. I sì oltre il 90% nei comuni atellani

13:11

urne-seggio-elettoraleAgro atellano.    Si sono espressi in larghissima maggioranza per il sì gli elettori atellani che ieri si sono recati alle urne. A Sant'Arpino i favorevoli sono stati 3.062 pari al 93, 13%, i no 226. A Succivo per il sì hanno votato 1.716 cittadini pari al 93,31%. Ad Orta per l'abrogazione della normativa in vigore si sono espressi 4.867 cittadini corrispondenti al 94,82% di quanti hanno votato, a Cesa, infine, i favorevoli sono stati 1.352 pari 91,60% dei votanti.

FacebookTwitterGoogle+Share

Sant’Arpino ha celebrato la figura dell’abate Vincenzo de Muro

12:47

de muroSant'Arpino     L’intera comunità santarpinese, domenica scorsa, ha celebrato solennemente uno dei suoi figli più illustri: l’abate Vincenzo de Muro, nel giorno del 259° anniversario della sua nascita.

L’intera mattinata, dedicata ad uno tra i più autorevoli storiografi di Atella, è stata aperta da un corteo a cui oltre ad autorità civili, militari e religiose, hanno preso parte con i propri Gonfaloni i rappresentati della Pro Loco, dell’Associazione Combattenti e Reduci, dell’Associazione “Nostra Signora di Fatima- Oasi di Padre Pio”, del Comitato per i Festeggiamenti Patronali in onore di S.Elpidio e l’Associazione Nazionale dei Carabinieri in congedo, l’associazione Anziani e Pensionati, che, accompagnati da una banda musicale, si sono recati presso il palazzo natìo del de Muro per depositare una corona di alloro ai piedi della lapide celebrativa del genio e della grandezza culturale dell’illustre santarpinese (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Domani a Napoli la presentazione della XVIII edizione di PulciNellaMente

12:26

pulciZingarettiSant'Arpino       Sarà presentata a Napoli presso la sede dell'Università Telematica Pegaso la XVIII edizione della rassegna PulciNellaMente, tra i più prestigiosi appuntamenti di Teatro - Scuola in Italia, che si terrà a Sant’Arpino (CE) dal 21 aprile al 1 maggio 2016. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Referendum, nemmeno il 30% ha votato nei comuni atellani

7:50

referendum_900_0Agro Atellano.     Ha fatto registrare un dato ancora più basso rispetto a quello nazionale l'affluenza alle urne nei comuni atellani in occasione della tornata elettorale referendaria.

In nessuno dei quattro centri è stato raggiunto il 30% del quorum, con Sant'Arpino che ha fatto registrare il 29,97% dei partecipanti, Succivo il 29,03%, Orta di Atella il 26,85% e Cesa il 22,75%.

FacebookTwitterGoogle+Share

Elpidio Maisto candidato sindaco di Sant’Arpino al Centro, Sant’Arpino Oltre ed Insieme per Sant’Arpino

16:56

elpidio maistoSant'Arpino   Riceviamo e pubblichiamo.

"Enorme soddisfazione e coinvolgente entusiasmo hanno caratterizzato la serata di Venerdì 15 Aprile. Dopo un costruttivo confronto, i rappresentanti delle formazioni politiche locali dei Movimenti Sant'Arpino al Centro, Sant'Arpino Oltre e Sant'Arpino Insieme, hanno deciso di coalizzarsi in vista delle prossime elezioni comunali previste per gli inizi di Giugno ed hanno unanimamente indicato, quale proprio candidato a Sindaco, l'Architetto Elpidio Maisto. Presenti tra gli altri, a rappresentare i propri gruppi Angelo Lettera, Andrea Guida, Alessandro Sala, Salvatore Brasiello, Gianluca Fioratti e Nicola Chianese. L'individuazione di Elpidio Maisto come sintesi del nuovo sodalizio rispecchia, in toto, i tratti del nuovo percorso tracciato, dettato dalla Competenza, Moderazione e Lungimiranza. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

Il cordoglio dell’amministrazione comunale per la scomparsa di Elena Foro

11:11

comune-santarpinoSant’Arpino    Il sindaco facente funzioni Aldo Zullo, la giunta municipale, il consiglio comunale, e tutti i dipendenti si stringono intorno alle famiglie Foro e Rullo per l’improvvisa scomparsa della signora Elena Foro. Madre e moglie esemplare, la signora Foro era una dipendente in pensione. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share

UN LETTORE ANONIMO CI SCRIVE SULLO STATO DI SALUTE PUBBLICA DI SANT’ARPINO

14:42
094457_palazzo_sanchezSANT'ARPINO - Riceviamo e pubblichiamo da un lettore anonimo
La scienza politica è una scienza sociale.
Si chiarisca subito che le condizioni non sono delle migliori. La società arranca ed è confusa; i vari rappresentati politici: ex sindaci, amministratori, semplici consiglieri comunali e mezze calzette si stanno riorganizzando dopo lo scossone giudiziario. Nell’aria vaneggiano ,solo, grida strazianti di demagogia e nauseabonde ondate di populismo. Da chi saranno costituite le liste  e , soprattutto ,da chi capeggiate resta un problema secondario, l’obiettivo è il potere e tutto ciò che ne consegue.
Sant’Arpino è un territorio con una superficie intorno ai 3,2 km² che conta 14.281 abitanti e con una densità di  4 462,81 ab./km² (abitante per chilometro quadrato);
Succivo ha una superficie di 7,21 km², 8.407 abitanti e una densità di 1 166,02 ab./km² ;
Orta di Atella ha una superficie di 10,83 km², abitanti 27.188, densità di 2 510,43 ab./km² ;
Cesa ha una superficie di 2,74 km², abitanti 8.833, densità di 3 223,72 ab./km².
Congeliamo per un po’ questi numeri e concentriamo l’attenzione sul potere.
Ormai la definizione di “amministratore comunale” sembra più vicina alla vincita di un terno al lotto , la “condicio sine qua non”  per fare fortuna sottobanco e tradire l’elettorato.; ed è proprio quest’ultimo ad  aver tradito se stesso. La comunità ha dato dimostrazione di non saper affrontare i temi e le sfide politiche, ancorandosi a figure semi-mitologiche con la prima candidatura datata “la notte dei tempi”. Il fatto che un ex sindaco, che ha esaurito il proprio mandato 13 anni fa e oscuratosi dalla scena poco dopo, abbia sentito la necessità di “scendere in campo”, può sintetizzare al meglio la totale mancanza di un cambio generazionale, anche ideologico e non prettamente anagrafico ,nella società e in particolare nella politica. Se i consociati accordassero ,nuovamente, la fiducia al “primo cittadino di un tempo” significherebbe  segnare un fallimento generale. Sarebbe l’atleta che non raccoglie il testimone dalle mani del compagno di squadra; sarebbe la minestra riscaldata , per alcuni buona, ma pur sempre  riscaldata. Certo le alternative non sono altro che una serie di cumuli di “risorse umane” che un tempo fiancheggiavano uno e oggi l’altro. In composizioni sempre più strane, come se bastasse l’originalità per produrre una formazione politica: seria, competente, tenace e vincente.  Tutto intorno un silenzio tombale su: ideologie ,percorso condiviso,  identità di gruppo e programmi elettorali (che anche se tediosi ,vuoi o non vuoi, devi almeno abbozzare)  I movimenti politici oggi a Sant’Arpino sono svuotati di tutto questo, “nell'aria vaneggiano ,solo, grida strazianti di demagogia e nauseabonde ondate di populismo”; poiché sull'ideologia politica si costruisce un gruppo che da un percorso condiviso crea la propria identità che si evolve in proposte alla cittadinanza ossia in programmi elettorali. Nessuno si senta escluso dal ragionamento. L’elettorato si troverà a scegliere in base a canoni di giudizio che non sto nemmeno qui a raccontare, con fare per metà scanzonato e irresponsabile e per metà masochista .Chi aveva l’obbligo morale di accollarsi sulle proprie spalle il peso di un così evidente e irrecuperabile disastro? Chi ha il vigore e la forza di capovolgere come un calzino la situazione attuale? Chi se non la classe giovanile? Il fallimento più grande giace come un macigno sule loro coscienze dilaniate. Ci sarà sicuramente qualche nuova entrata qua e là per dare freschezza alle liste, ma non rappresenterà più di quello che hanno rappresentato tutte le nuove leve che si sono fatte largo dal 2003 in poi (Di fatto politici molto più datati sono ancora in “sella al cavallo”).Schiavi del nepotismo, sperano ancora di rosicchiare le briciole di un potere che deriva  da parentele portatrici di consenso. Il più abominevole delitto l’hanno commesso quando hanno rinunciato al proprio pensiero in luogo di diktat familiari o semplice paura di un salto nel vuoto, quando hanno finto di non capire che l’unione di tutte quelle volontà avrebbe prevalso sui  vecchi meccanismi clientelari alimentati dal traffico di consensi. Hanno dolosamente voluto non vedere questo cambiamento e, conseguentemente, non attuarlo “sull'ideologia politica che costruisce un gruppo che da un percorso condiviso crea la propria identità e si evolve in proposte alla cittadinanza ossia in programmi elettorali”. In pratica la classe giovanile è l’atleta che fa cadere il testimone a terra, la figuraccia nella tragedia , la comicità di un evento drammatico. Eppure ci sarebbe stata l’opportunità di garantire la rappresentanza in comune a tutte le componenti della società: bassa media e alta; che peccato.
Sant’Arpino è un paese che , tutto sommato, è a misura d’uomo; ci sono molti servizi privati e pubblici, il tasso di criminalità è piuttosto basso , geograficamente è posizionato quasi alla stessa distanza tra le due provincie di Napoli e Caserta (con buoni collegamenti in ambedue i sensi). Nella comunità è alternamente diffuso un senso della cosa pubblica anche abbastanza evidente. Rivolgendo un occhio ai numeri sciolinati qualche riga in alto e riferendoci alla caotica situazione di questi mesi politici ,  dove l’unico tema di grandissima attenzione: era, è e sarà il PUC (Piano urbanistico comunale o per i più l’ultima occasione di cementificare i 3,2 km² del nostro territorio accrescendo il tasso già alto di ab/ km²), allora possiamo ben dire che l’ideologia comune è mettere le mani sul piano urbanistico, creare un gruppo di pressione che attraverso un percorso comune fondi la propria identità sull'interesse e il tornaconto economico. No , non ho dimenticato le proposte ai cittadini ma con questi presupposti cosa fare se non inventarle? E ci ritroveremo , al solito, con in mano libretti dei sogni , con colori e simboli differenti, fondati più sulle speranze che su piani concreti di sviluppo: sociale, economico, urbanistico e culturale. Si ritroveranno poche persone a speculare e la comunità tutta a farne le spese.
Lo stato di salute pubblica avrebbe bisogno di un comitato omonimo in cui vige l’aristocrazia di stampo greca, che ghigliottini le teste (metaforicamente) e riporti alla vita un paese che, in proporzione al territorio, è ricco di risorse umane e culturali di grande valore. Lo stato di salute pubblica indica chiaramente che l’ammutinamento generale al buon senso e all'amministrazione del bene comune è grave ma non irreversibile. L’appello è di meditare a fondo, non per scegliere dove apporre la “X” al momento del voto ma per mettere in campo, qualora ci fossero, tutte le qualità e il coraggio per metterci la faccia e fermare l’inerzia con la quale si è soliti ingoiare ogni porcheria che il circo politico ci propina.
Diligentemente, una Santarpinese come tanti.
(altro…)
FacebookTwitterGoogle+Share

Brasiello, Cammisa e Di Serio aderiscono al movimento “Insieme per Sant’Arpino”

8:27

Sinsieme atellaant'Arpino    Nuove significative adesioni ad “Insieme per Sant’Arpino” il progetto politico ideato e guidato dal sindaco facente funzioni, Aldo Zullo che fra le sua fila esprime anche l’attuale presidente del consiglio comunale ed assessore : Angela Salino.

Stiamo parlando dell’assessore al bilancio, personale, tributi ed alla cultura Salvatore Brasiello, dell’assessore ai servizi sociali, legge 328, sport e pubblica istruzione Domenico Cammisa e dell’Assessore all’Unione dei Comuni Maurizio Di Serio. Insieme ad i tre amministratori aderiscono ad “Insieme per Sant’Arpino” fra gli altri: Francesco Cicatiello, Antonio Garofalo, Giuseppe Boerio, Raffaele Copertino, Maria Rosaria Cristofaro, Vincenzo Spuma, Pina Di Serio e diversi altri militanti politici. (altro…)

FacebookTwitterGoogle+Share
1 94 95 96 97 98 100