Giuseppe Dell’Aversana: ” A breve recupereremo altri 273 mila Euro “

Dell'Aversana intervistaSant’Arpino     Continua l’azione di monitoraggio delle entrate e delle uscite da parte dell’amministrazione guidata dal sindaco Giuseppe Dell’Aversana,  che è impegnato in prima persona in un’opera di bonifica e riassetto del bilancio comunale che nel corso di questi  ultimi anni ha subito un notevole squilibrio.

Da un anno ad oggi il  comune non sostiene più  una spesa di circa 50 mila euro per rifiuti ingombranti, non versa più  450 mila euro annui alla IAP,  ha notevolmente diminuito il costo dei rifiuti in discarica, ha contabilizzato e frenato il debito della Multiservizi, avviato una forte campagna di recupero evasione tributi comunali Acqua, IMU, tarsu e Bucalossi con positive ricadute sulle entrate,  ha aumentato IMU, diminuito notevolmente spese per personale ed LSU, diminuito al TARSU, ridotte le spese superflue,  chiusi molti conti correnti inutili, riportati in cassa i soldi del parco archeologico, della stabilizzazione LSU e il rimborso dei dipendenti a comando. L’amministrazione comunale ha messo in moto la commissione condono a costo zero per le casse comunali,  ha diminuito le spese legali ed il contenzioso, ha diminuito le indennità di carica degli amministratori, attuata una ricognizione di tutti i debiti fuori bilancio, realizzato transazioni vantaggiose per l’ente, approvato un nuovo regolamento comunale di contabilità ed un regolamento per la rottamazione delle ingiunzioni fiscali, approvata una convenzione con l’agenzia delle e entrate per recupero somme direttamente dai conti correnti degli evasori. in questo quadro complessivo di risanamento del bilancio con minori spese e maggiori entrate, a breve sarà avviato un recupero dei costi di costruzione dei permessi a costruire. ” Oltre a quanto già annunciato in precedenza per il recupero di somme non versate per cessione volumetrie piano casa  – ha dichiarato il sindaco Giuseppe Dell’Aversana–  a breve partiremo con il recupero di oltre 273 mila euro. Abbiamo verificato che deve essere messo a ruolo un recupero coattivo di pratiche di permessi a costruire  rilasciati a  singoli cittadini che non hanno versato il dovuto nonostante il rilascio della concessione edilizia. Per rispetto di chi paga  e per una questione di giustizia sociale non possiamo tollerare i furbi.”  Si tratta di recupero di costo di costruzione dei permessi a costruire rilasciati con o senza escussione della polizza fideiussoria stipulata con agenzia assicurativa. Tale importo tramite l’ufficio tributi comunale deve essere messo a ruolo e pertanto accertato entro il 31 dicembre 2017 portando altro  sollievo alle casse comunali. L’elenco delle pratiche ed i nomi dei contribuenti che hanno evaso il pagamento  già è stato stati inviato dall’ufficio urbanistica all’ufficio tributi e ragioneria. A breve partiranno per le case dei contribuenti infedeli.

(Visited 298 times, 1 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *