Il sindaco Dell’Aversana invia un dettagliato esposto alla Corte dei Conti per la Multiservizi.

Dell'Aversana intervistaSant’Arpino     In merito alla complicata e fallimentare gestione della società in house del comune, la famigerata EcoAtellana Multiservizi è stato inviato alla Corte dei Conti un  dettagliato esposto di oltre dieci pagine e numerosi  allegati. Il sindaco Giuseppe Dell’Aversana attraverso un post su facebook ha dato comunicazione che in ossequio ai dettami del codice di giustizia contabile, il decreto legislativo 174 del 26 agosto 2016, con protocollo numero 7546/17  l’esposto  è stato inviato al procuratore della Corte dei Conti presso la sezione giurisdizionale della corte dei conti per la Campania.

Il codice di giustizia contabile impone ai vertici delle pubbliche  amministrazioni che vengono a conoscenza di fatti che possono dare luogo a responsabilità erariali di presentare denuncia alla Procura della Corte dei conti territorialmente competente. Con l’esposto di ben dieci pagine  e numerosi allegati, viene ricostruita  la vicenda contabile della Multiservizi comunale che è stata ormai messa in liquidazione dal consiglio comunale. ” A breve con la nomina del liquidatore  – dichiara il sindaco Dell’Aversana si chiuderà  una pagina e se ne aprirà un’altra. Purtroppo la messa in liquidazione era l’unica soluzione praticabile, noi  ci impegneremo al massimo per  salvare i livelli occupazionali. Per quanto ci riguarda abbiamo fatto l’impossibile, basti pensare che  nel  corso del mio anno di sindaco abbiamo versato per servizi al’azienda più di 900.000 euro. ” L’azienda dopo dodici anni di attività chiude con quattro bilanci consecutivi non approvati, un debito nei confronti di Equitalia di  600.000  euro, un rosso in banca di  50.000 euro, un debito verso fornitori e professionisti di oltre trecentomila euro ed un TFR non  accantonato per  oltre centomila euro. A questi debiti  dovrà trovare soluzione  il liquidatore.  In questa paradossale situazione il comune a sua volta deve alla EcoAtellana Multiservizi oltre 450 mila euro. Debiti della società  e debiti del comune, a cui sostanzialmente dovranno far  fronte le casse comunali. Ora  alla Corte dei Conti  toccherà individuare i responsabili   di questo colossale  fallimento ai danni delle casse comunali.

(Visited 293 times, 1 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *