Orta di Atella, GENESIS MOBILE ATELLANA-PROGER TERAMO 29-32 (p.t. 15-17) , Mister Toscano: «Nulla da rimproverarci»

genesis-TeramoGENESIS MOBILE ATELLANA – Sall 7, Liparulo 6, Cirillo G. (’97) 4, Russo 4, Calcagno 2, Mozzillo F. 2, Balasco O. 2, Del Prete 1, Abbonante 1, Mozzillo G., Cirillo G., (’99), Iovinella, Migliaccio, Balasco G. All. Toscano. PROGER TERAMO – Murri 9, Morale 6, Buccione 5, Angeloni 4, Santucci 3, Arduini 2, Cinelli 1, Di Sabatino 1, Camaioni 1, Canzanese, Savini, D’Argenio, Barbuti, Sturba. All. Chionchio. Arbitri: Pellegrino e Carrino PRIMO TEMPO – Non riesce il poker di vittorie consecutive alla Genesis Mobile Atellana, fermata al Palalettieri dal Proger Teramo per 29-32. Una gara apparsa subito complicata per i padroni di casa, i quali, pur passando in vantaggio con Giuseppe Cirillo, hanno dovuto inseguire per quasi tutto l’incontro gli abruzzesi. Gli ospiti hanno mostrato una difesa arcigna. Le armi della velocità e del contropiede dei giallorossi poco sono servite contro la fisicità del Teramo. Per un lungo periodo del primo tempo il match, comunque, è rimasto in bilico. Al 10’ il punteggio è sul 5 pari. Il 7-6 per i padroni di casa è solo un breve fuoco di paglia. La Proger Teramo prima pareggia, poi ottiene il doppio vantaggio (7-9). Due reti di Onofrio Balasco consentono alla Genesis Mobile di pareggiare nuovamente. È il momento migliore per la squadra di mister Toscano. Giuseppe Balasco para un rigore agli ospiti e, dopo l’espulsione temporanea subita dal Teramo, gli atellani per la prima e l’unica volta durante il match vanno avanti di 2 sugli avversari. Appena ristabilita la parità numerica, i due minuti di panca toccano anche alla Genesis Mobile, con Migliaccio. La fisicità degli ospiti si fa sentire anche in attacco. Si torna in parità sul 13-13 e, subito dopo, Teramo chiude il primo tempo in vantaggio per 15-17. SECONDO TEMPO - Inizia male per la Genesis Mobile. Gli ospiti in pochi minuti ottengono un vantaggio di +4. La voglia di strafare e la troppa fretta sono il motivo dei continui errori nelle conclusioni di Sall e compagni. Affiora anche un po’ di nervosismo nelle fila giallorosse, che comunque accorciano le distante a -2 (18-20). A peggiorare le cose, però, arriva l’infortunio di Calcagno, che si accascia a terra ed è costretto ad uscire definitivamente per una lussazione alla spalla. Il pivot giallorosso è sostituito da Abbonante. Al 10’ Teramo è in vantaggio per 18-22. Dall’out destro capitan Mozzillo cerca di risollevare le sorti della sua squadra, accorciando ancora le distanze con una doppietta. La Genesis Mobile si porta a -1 (23-24), con una sventola di Abbonante all’incrocio dei pali. Si rivedono velocità e contropiede, e Sall, ancora una volta il miglior marcatore dei suoi, ottiene il meritano pareggio (27-27). Non c’è tempo, però, per esultare. Teramo torna a +2 e Mozzillo va in panca per 2 minuti. Gli abruzzesi ne approfittano e allungano ancora sul 27-30. Gli ospiti non fanno più avvicinare al proprio portiere la Genesis Mobile, che continua a sbattere sul muro biancorosso. I tre gol di distacco rimangono tali sino alla fine. La Proger Teramo espugna il Palalettieri per 29-32 e supera gli atellani in classifica. Mister Toscano, nel dopo-gara, non se la prende più di tanto. «Abbiamo incontrato una squadra forte, che ci ha messo in difficoltà con il fisico e l’esperienza. Noi abbiamo cercato di fare la nostra gara, forse dovevamo sfruttare di più le ali, ma non possiamo rammaricarci. Siamo quarti, l’ultimo posto disponibile per la salvezza e i play-off, e abbiamo le capacità per mantenere questa posizione. Il 2017 è stato un anno eccezionale per la nostra società». Il campionato di A2 effettuerà una lunga pausa natalizia. Si tonerà in campo il 27 gennaio, con la prima giornata di ritorno. La Genesis Mobile Atellana affronterà, ancora al Palalettieri, la Lazio.  
(Visited 29 times, 1 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *