Orta di Atella. Giuseppe Pio Massaro “Lascio Noi Ortesi. Resto come indipendente al fianco del sindaco Villano”

Orta di Atella    Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere comunale Giuseppe Pio Massaro.

" Ho sempre inteso la politica come continuo coinvolgimento dentro e fuori i propri gruppi di appartenenza. Un coinvolgimento che sento forte dentro la compagine di maggioranza del sindaco Villano e che invece non ho avvertito allo stesso modo dentro il movimento in cui sono stato eletto consigliere comunale.

La mia giovane età e la mia poca esperienza politica mi permettono e forse mi impongono di vivere l’inizio di questa esperienza istituzionale con lo spirito libero da obiettivi personali, ma carico di voglia di fare esperienza e di imparare soprattutto quelle pratiche politiche che hanno come unico obiettivo il bene collettivo.

Nonostante tutto devo constatare ormai a tre mesi dalle elezioni amministrative di essere stato poco coinvolto nelle scelte fatte sia in Consiglio Comunale che in Giunta dal gruppo Noi Ortesi, lista nella quale mi sono candidato e sono stato eletto.

Non è una critica verso alcuni ma semplicemente uno sguardo alla realtà dei fatti.   

Continuerò pertanto a sostenere il sindaco Andrea Villano e tutta la sua maggioranza di cui ne condivido le scelte politiche e quelle amministrative, ma lo farò dal prossimo Consiglio Comunale come “indipendente”.

Ritengo questa una scelta di responsabilità da parte mia nei confronti sia degli amici di Noi Ortesi, a cui va tutto il mio ringraziamento per il percorso fin qui compiuto insieme, sia nei confronti di tutta la maggioranza.

Gli amici di Noi Ortesi, unitamente all’assessore Luigi Di Lorenzo verso cui nutro stima e fiducia, mi vedranno sempre disponibile per condividere idee utili per Orta di Atella, poiché la mia campagna elettorale è stata impostata oltre l’individualismo e continuerà ad esserlo. Non sento il bisogno di una bandiera da sventolare, ma ci vogliono gli uomini che producano idee condivise non solo luoghi da occupare".

 
(Visited 574 times, 1 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *