Orta di Atella. I Democratici e Riformisti “Villano si dimetta e ponga fine a questa agonia”

Orta di Atella     Riceviamo e pubblichiamo dal Coordinamento de "I Democratici e Riformisti".

"Almeno in questa occasione, ci saremmo aspettati, dal sindaco, un manifesto di tutt’altro tenore e, soprattutto, di veri contenuti. Ci saremmo aspettati, in verità, che, a circa un mese di distanza, il sindaco avesse, innanzitutto, tentato di offrire, una lettura politica sull’accesso della Commissione Prefettizia per la verifica di eventuali collegamenti dell’attuale amministrazione con la criminalità organizzata. A soli nove mesi dalle elezioni.

Un sindaco che, invece, sfugge al confronto politico ed, anziché, fornire risposte concrete ai problemi della città, preferisce tappezzare le strade del paese, con un manifesto misero nella forma e squallido nel contenuto.

Speriamo, almeno, che abbia avuto il buon senso di non averlo fatto a spese dei contribuenti, visto che non si tratta di comunicazione istituzionale. 

L’accusa di sciacallaggio ai consiglieri di opposizione, già lanciata al momento dell’insediamento della commissione di accesso e ripetuta in occasione della chiusura di una nota attività commerciale, dimostra che l’unico perimetro in cui si muove questa giunta è, piuttosto che quello della legalità (che, gli ricordiamo, si pratica non si predica), quello dell’ignoranza.

Si tratta di dichiarazioni, che denotano una mancanza di senso delle istituzioni, che non intervengono in ragione di semplici esposti, ma di precisi indizi, su cui avviano le indagini. Ma si tratta, pure, di un maldestro tentativo di aggirare il problema della questione urbanistica, che oggi vede la chiusura di una farmacia e domani potrebbe coinvolgere tante altre attività commerciali, che si trovano nelle stesse condizioni, con il definitivo colpo al commercio della nostra comunità.

Orta di Atella è un paese di persone perbene e non ha bisogno del sindaco per sentirsi dire che le sentenze, come la legge, vanno rispettate. Le migliaia di firme raccolte dai dipendenti della farmacia rappresentano, infatti, una semplice richiesta di sensibilizzazione delle istituzioni, cui veniva chiesto un incontro per valutare una soluzione alternativa. Si è preferito lavarsene le mani, con un tentativo, anche goffo, dell’ormai vecchio e stantio metodo dello scaricabarile. Siete stati eletti per la risoluzione dei problemi.

Sempre nel rispetto della legge. Questo non c’è bisogno di ribadirlo. Ma invece di dare risposte politiche, il primo cittadino ha preferito sferrare attacchi assurdi.

L’unica soluzione che potremmo, a questo punto, condividere con l’attuale amministrazione, sono le dimissioni del sindaco. Sarebbe un serio gesto di responsabilità politica. Non ha senso continuare questa lenta agonia. Mentre il medico studia, il malato muore ".

(Visited 206 times, 1 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *