Orta di Atella. Sabato la presentazione de “La Genovese. Una storia d’amore di rabbia” di Enrico Fierro

Orta di Atella         Sarà presentato sabato sera alle ore 18:30 presso la Sala Letteraria della Caffetteria Mozzillo in Piazza Virgilio a Casapozzano l'ultimo lavoro del giornalista Enrico Fierro "La Genovese. Una storia d'Amore e di Rabbia".

A confrontarsi con l'autore nel corso della dibattito organizzato dal Collettivo Città Visibile saranno l’onorevole Tommaso Sodano, già Senatore della Repubblica e vice-Sindaco di Napoli, il blogger Salvatore Legnante e l’operatore socio-culturale Giovanni Salomone, già membro di“Città Visibile”. Il lavoro di Fierro, una delle penne più brillanti del giornalismo d’inchiesta italiano. Inviato speciale per l’Unità, l’Espresso e Il Fatto Quotidiano, riconosciuto e apprezzato all’estero per i suoi lavori da New York Times e CNN, è una storia di amore, passione, nostalgia e rabbia.

Il protagonista,ì è Frank, figlio di un Sud sfruttato, denigrato e violentato dalla corruzione e dal malaffare, è uno di quelli che non hanno mai chinato il capo e che nel suo lavoro, quello di giornalista, ci ha messo passione e coraggio, sempre in direzione ostinata a contraria. Sullo sfondo un Sud che non cambia mai, sempre uguale a se stesso, impantanato nella palude del potere politico e di quello criminale che spesso e volentieri vanno a braccetto lì dove c’è l’odore degli affari e del profitto. E’ quanto accaduto col Terremoto in Irpinia del 1980, dove il dramma umanitario delle vittime e degli sfollati, i “terremotati”, si trasformò nella più grande speculazione edilizia mai avvenuta, confermata successivamente dall’inchiesta condotta dai magistrati di Mani Pulite.

E per tutto il racconto l’“arraggia” di Frank prende il sopravvento: l’Italia poteva essere la principessa d’Europa, e il Sud una terra dove ricchezza e progresso sarebbero stati pari alla sua bellezza e storia millenaria. Ma così non è stato.

(Visited 26 times, 1 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *