Sant’Arpino. Domani gran finale del Carnevale Atellano

Agro Atellano     Continua il successo del 'Carnevale Atellano', in corso di svolgimento in sei diversi Comuni delle province di Napoli e Caserta, organizzato nell'ambito di 'Atella', iniziativa cofinanziata con fondi Poc Campania 2014-2020. Dopo le grandi feste di colori e coriandoli, con sfilate di carri allegorici e di maschere a Succivo, Gricignano d'Aversa, Cesa e Frattaminore, oggi tocca ad Orta ospitare la tradizione del 'Carnevale Atellano', che quest'anno, grazie al progetto regionale, é tornata ai fasti di un tempo. La grande chiusura é prevista per domani 13 febbraio a Sant'Arpino. La giornata del 'Martedì grasso' avrà inizio già alle prime ore della mattina quando, in Piazza Umberto I, sarà allestito il teatro dei pupi e la mostra fotografica del Carnevale antico e moderno. Nel pomeriggio uno spettacolo di danza anticiperà il clou dell'intera manifestazione: il concerto di musica popolare con l'interpretazione della 'Canzone di Zeza'. Simbolo del 'Carnevale Atellano', l'opera ha radici antiche che risalgono molto probabilmente alla metà del seicento. La scenetta carnevalesca, cantata al suono principalmente del trombone e della grancassa, racconta la storia d'amore tra Tolla, figlia di Pulcinella, e don Nicola. Le nozze tra i due erano fortemente contrastate dal padre di lei che teme di essere disonorato, mentre sua madre Zeza é di ben altro avviso. Pulcinella sorprende gli innamorati e reagisce violentemente ma, punito da don Nicola, é costretto a rassegnarsi. Si tratta di un testo popolare e antico che racconta, seppur in chiave grottesca, tematiche universali ancora attuali come il conflitto tra le generazioni, la ribellione all'autorità paterna e la risoluzione dello scontro col matrimonio che ricompone l'equilibrio familiare. Dopo il grande successo riscontrato con gli eventi del Carnevale, gli organizzatori della rassegna, capeggiati dal direttore artistico Giuseppe Fiorillo, sono già pronti per i prossimi appuntamenti di 'Atella'.
(Visited 343 times, 1 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *