Sant’Arpino. L’amministrazione comunale annuncia : ” Partita la caccia agli evasori Imu del 2012 e del 2013″

piazza-umberto-santarpinoSant’Arpino    In partenza altri avvisi di accertamento IMU dal comune. Continua  l’attività di recupero delle entrate da parte del comune di Sant’Arpino che  è impegnato in una costante caccia ad omessi infedeli o parziali versamenti dei tributi comunali. ” Dal  2012 al 2016 vi sono stati mancati incassi di ben otto milioni di euro dai  tributi comunali -dichiara il sindaco Giuseppe Dell’Aversana – occorre recuperare queste somme, per rispetto di chi invece ha regolarmente pagato. Per colpa di queste mancate entrate abbiamo dovuto fare dolorosi tagli al bilancio fra cui tagliare l’integrazione LSU ed aumentare l’IMU al 9,6.

Questa volta a finire nel mirino dell’azione di recupero è l’IMU dell’anno 2012 e dell’anno 2013. Ben 2549 sono gli accertamenti  preparati  dall’ufficio tributi comunale per recuperare l’IMU 2012 non pagata dai contribuenti. L’ufficio ha emesso avvisi per un importo di circa 750 mila euro di entrate che se incassati tutti rappresenteranno una forte boccata d’ossigeno per le casse del palazzo ducale. Per l’IMU non versata nel 2013, dopo scrupoloso lavoro,  sono stati emessi dall’ufficio tributi comunale oltre 1750 avvisi di accertamento e sono previsti in entrata più di 800 mila euro. “Sono soldi  che entreranno nelle casse  senza decurtazione dell’aggio come avveniva con la IAP. -dichiara il sindaco Dell’Aversana – Per la maggior parte si tratta di grossi contribuenti con molti immobili che non hanno versato l’IMU per la seconda casa.” Sull’avviso di accertamento notificato al destinatario, oltre ai dati anagrafici e fiscali  verranno riportati i motivi dell’accertamento, il calcolo degli interessi e l’applicazione della sanzione. Insieme all’accertamento per omessa o infedele denuncia e parziale o mancato pagamento dell’IMU dell’anno 2012 e dell’anno 2013 l’ufficio tributi è già impegnato a produrre avvisi di accertamento per l’anno 2014 su impulso diretto del sindaco che detiene la delega al bilancio. In questi mesi  senza la IAP  si sta assistendo a maggiori incassi nell’ente ed  una scientifica e trasparente azione di recupero somme  mai prima attuata. La nuova fase politica ha puntato sul risanamento del bilancio attraverso il potenziamento delle entrate,  il controllo della spesa e la lotta all’evasione ed elusione.

(Visited 302 times, 20 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *