Sant’Arpino, Romano:”caro Peppino, affermi sempre che non ti fermi mai e invece stavolta ti sei fermato!”

romanoSant’Arpino. Riceviamo e pubblichiamo da Nicola Romano, portavoce del gruppo politico “Alleanza Democratica per Sant’Arpino”.

Gli ultimi giorni sono stati ricchi di colpi di scena per il nostro paese. Dal silenzio dell’assessore alla Pubblica Istruzione Loredana Di Monte sulla disastrosa gestione della mensa scolastica, passando per la clamorosa sconfitta alle elezioni provinciali del Sindaco Peppe Dell’Aversana (già dato vittorioso dalla sua factotum Ivana Tinto sulle pagine di Facebook), fino ad arrivare alla polemica sull’evento organizzato dall’Atelier Kelly.

E proprio sulla sfilata vorrei soffermarmi, giusto per fare chiarezza sulle responsabilità dell’organizzazione.

Durante lo svolgimento della serata, alcuni residenti di via Compagnone hanno protestato per i disagi provocati dal blocco della viabilità, evidenziando che la strada ha un unico accesso e l’impossibilità di passaggio dei mezzi di soccorso in caso di necessità.

Accortosi della gravità della situazione il Sindaco Dell’Aversana, il giorno dopo la manifestazione, si è affrettato a comunicare con un post su Facebook che lui NON AVEVA AVUTO ALCUN RUOLO NELL’ORGANIZZAZIONE, non avendo sottoscritto alcun atto formale, visto che NON ERA DI SUA COMPETENZA, scaricando tutta la colpa sui funzionari comunali e sul titolare del negozio.
Caro Peppino, nel tuo tentativo pilatesco di lavarti le mani, hai negato e al contempo ammesso la tua responsabilità. Voglio quindi porti alcune domande:

1. Affermi che appena arrivato sul posto hai preso coscienza della gravità della situazione.. allora perché non hai esercitato la tua autorità, facendo presente della situazione al comandante della polizia locale, invece che preferire farti scattare la foto all’interno dell’Atelier Kelly con l’ospite della serata Valeria Marini?

2. Perché mentre facevi la fotografia con la Marini non hai fatto presente ai titolari dell’atelier la criticita’ della situazione?

3. Come mai via De Muro, con la super visione dei vigili urbani e della protezione civile, era stata bloccata gia’ dal primo pomeriggio per dare la possibilità agli organizzatori di montare il palco se non c’erano le autorizzazioni?

4. L’Atelier Kelly ha protocollato la richiesta di chiusura temporanea delle strade per ragioni di traffico e di ordine pubblico il giorno 25.09.2017. Come mai in tutto questo tempo non si è provveduto ad aprire, seppur temporaneamente e per ragioni di sicurezza, la strada che collega via Compagnone e via Martiri Atellani?

5. Come mai dell’assessore con delega alla Polizia Municipale Giovanni D’Errico non si hanno notizie? Eppure di Giovanni D’Errico tutto si può dire tranne che non ottemperi pienamente al suo ruolo istituzionale. E lo dimostra espletando magnificamente l’altra sua delega, la delega al Mercato. Ogni venerdì mattina, mosso dal suo senso del dovere, di buonora, girovaga tra i banchi del mercato settimanale per assicurarsi personalmente che tutto vada bene.

Ecco caro Peppino.
Ti abbiamo sempre detto che nessuno ti obbliga a ricoprire la carica di Sindaco. Soprattutto perché non hai manco il coraggio di prenderti le tue responsabilità politiche, preferendo scaricare sui Responsabili dei Settori e sul Comandante della Polizia Municipale tutte le colpe di questo disastro.
Probabilmente sarai stato distratto dalle deludenti elezioni provinciali il cui esito è stato davvero impietoso per un politico della tua caratura.
Caro Peppino, affermi sempre che non ti fermi mai e, invece, anche questa volta ti sei fermato!

(Visited 374 times, 1 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *