Succivo, interessante e dinamica la presentazione del libro “L’insana improvvisazione di Elia Vettorel” di Anemone Ledger al Bartò

anemone1Succivo. Presentato ieri a Succivo, presso il Bartò, il secondo libro dell’autrice santarpinese Anemone Ledger, dal titolo “L’insana improvvisazione di Elia Vettorel”.

Particolarmente dinamica e interessante, la presentazione è stata alquanto sui generis. Priva di relatori, l’incontro è stato incentrato tutto sulla scrittrice, che attraverso le domande dei giornalisti, ha tracciato un percorso sulla sua carriera da autrice, iniziata a soli 16 anni ma già molto ricca, raccontandosi e raccontando, poi, com’è nata l’opera presentata al Bartò. Sono state poi lette alcune parti del libro che la Ledger ha commentato, insieme ai presenti, rispondendo alle riflessione ed alle curiosità, facendo massima attenzione a non spoilerare. L’incontro è stato moderato da Giovanni Tuberosa di SfogliaAtella Lab e vi hanno preso parte, oltre ad Anemone Ledger, autrice del libro, Idio Urciuoli, giornalista, e Iole Belardo del Bartò. Alla fine della presentazione è stato servito un aperitivo.

“Ho passato talmente tanto tempo a delineare i contorni della vita anche degli altri personaggi presenti in questo libro – esordisce l’autrice del libro, Anemone Ledger – e posso dire finalmente di essere soddisfatta di qualcosa che ho scritto e che ho pubblicato, posso dire di essere soddisfatta specialmente del modo in cui ho traccato la figura di Elia e penso che sia il personaggio, di cui ho scritto, a cui tengo di più. Ringrazio quanti mi hanno permesso di realizzare questa presentazione al Bartò a Succivo – conclude la scrittrice – dal Bartò a SfogliaAtella Lab ma ci tengo a ringraziare anche i miei genitori, la mia associazione “Scusate il ritardo” e Alessio D’Elia, che è stato il primo a dare un forte valore a questo testo”

“Siamo felicissimi di poter realizzare eventi del genere – fa sapere Iole Belardo del Bartò – e speriamo questo sia il primo di una lunga serie di appuntamenti, considerando anche la grande tradizione culturale del nostro territorio. Ringraziamo SfogliaAtella Lab per la preziosa collaborazione e contiamo, per il prossimo appuntamento, sul coinvolgimento di altre realtà associazionistiche dell’area atellana”      

(Visited 128 times, 1 visits today)
FacebookTwitterGoogle+Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *